SCIENZA E SALUTEIl CBD è una terapia “promettente” nel trattamento dell’abuso di cocaina, i risultati di un meta-studio

Il CBD è una terapia "promettente" nel trattamento dell'abuso di cocaina

Un componente chiave della marijuana si mostra promettente nel trattamento dell’abuso di cocaina, secondo un nuovo meta-studio.

Gli scienziati hanno analizzato 14 studi degli ultimi cinque anni sulla somministrazione di CBD in soggetti animali che consumano cocaina e hanno stabilito che l’ingrediente non inebriante sembra avere una moltitudine di effetti che mitigano i comportamenti di dipendenza.

“Il CBD promuove la riduzione dell’autosomministrazione di cocaina. Inoltre, interferisce nella cocaina induce la stimolazione della ricompensa cerebrale e il rilascio di dopamina “, afferma lo studio, pubblicato questo mese sulla rivista Pharmacology Biochemistry and Behaviour. “Il CBD promuove l’alterazione della memoria contestuale associata alla cocaina e nei neuroadattamenti, l’epatotossicità e le convulsioni indotte dalla cocaina.”

“Il CBD è una promettente terapia aggiuntiva per il trattamento della dipendenza da cocaina.”

Anche se non tutti gli studi in esame erano coerenti tra loro e i ricercatori hanno sottolineato la necessità di studi sull’uomo, hanno affermato che la ricerca sugli animali ha generalmente indicato che il CBD può ridurre l’auto-somministrazione di cocaina e molti sintomi di dipendenza.

Ad esempio, uno studio del 2018 ha rilevato che una dose giornaliera di 20 mg / kg di cannabidiolo ha portato a una “differenza significativa nel consumo di [cocaina] il 10 ° giorno dello studio e un consumo inferiore durante l’intera procedura rispetto al gruppo di controllo” di topi.

Nel 2019, i ricercatori hanno riferito in modo simile che “la somministrazione sistemica di CBD (20 mg / kg)” 30 minuti prima del test “ha ridotto significativamente l’auto-somministrazione di basse dosi di cocaina”. Tuttavia, l’effetto non si è verificato con concentrazioni inferiori di CBD.

Un altro studio analizzato ha mostrato che le dosi di CBD da 10 e 20 mg / kg “hanno aumentato significativamente la soglia per l’auto-stimolazione, suggerendo una riduzione della ricompensa della stimolazione cerebrale”, che è una componente importante della dipendenza.

Anche i soggetti di ratto con una storia di consumo di cocaina trattati con il composto di cannabis hanno mostrato meno ansia, secondo un altro studio. Ciò è stato “evidenziato dal maggior tempo trascorso tra le braccia aperte del labirinto elevato plus”.

“Le prove descritte nella presente revisione sistematica indicano che il CBD è una promettente terapia aggiuntiva per il trattamento della dipendenza da cocaina a causa del suo effetto sul consumo di cocaina, ricompensa cerebrale, ansia, ricordi contestuali correlati, neuroadattamento e protezione epatica, nonché il suo effetto anticonvulsivante e sicurezza “, hanno concluso gli autori dello studio .

“La somministrazione clinica del CBD porta ad una riduzione dell’autosomministrazione di cocaina e, di conseguenza, della quantità di farmaco consumata. Inoltre, la ricompensa indotta dalla cocaina è attenuata dal trattamento con CBD. “

“Tra gli altri risultati della presente revisione della letteratura, i neuroadattamenti promossi dalla cocaina sono stati attenuati; la memoria contestuale associata alla cocaina è stata ridotta; l’ansia legata al consumo di cocaina è stata ridotta; e l’epatotossicità e le convulsioni associate all’uso di cocaina sono state ridotte quando gli animali sono stati trattati con CBD. Considerando la bassa tossicità, l’assenza di gravi effetti collaterali e la riduzione del comportamento correlato alla cocaina, il CBD è un promettente coadiuvante nei processi di trattamento per le persone con problemi legati al consumo di cocaina “.

C’è stato un diffuso interesse per i potenziali rischi e benefici terapeutici del CBD da quando la canapa ei suoi derivati ​​sono stati legalizzati a livello federale ai sensi del Farm Bill 2018. Più di recente, un ufficio della Casa Bianca ha completato una revisione delle linee guida in sospeso della Food and Drug Administration (FDA) sulla ricerca su marijuana e CBD .

La FDA ha anche presentato un rapporto al Congresso questo mese che ha mostrato significative incongruenze tra le concentrazioni di cannabinoidi elencate sulle etichette dei prodotti e ciò che effettivamente contengono .

Un recente studio sul CBD finanziato dall’industria ha concluso che il composto rappresenta uno strumento potenzialmente promettente per l’igiene dentale , prevenendo condizioni di salute come la placca e la gengivite.

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

SE FAI UN ACQUISTO DI ALMENO 49 €SUBITO PER TE
15% DI SCONTO + SPEDIZIONE GRATIS
  • Aggiungi al tuo carrello almeno 49€ di merce
    ( maggiore è la spesa, maggiore sarà lo sconto)
  • Quando fai il Checkout ricordati di inserire il CODICE SCONTO:
    JUST-SUMMER
  • Concludi l'ordine
    pagando con Carta di credito o Bonifico Bancario
0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuoto