Aggiornamento sulla sicurezza e gli effetti collaterali del cannabidiolo

Aggiornamento studi cannabis

Un aggiornamento sulla sicurezza e gli effetti collaterali del cannabidiolo: una revisione dei dati clinici e degli studi sugli animali pertinenti

Introduzione: questa indagine sulla letteratura mira ad estendere l’indagine completa condotta da Bergamaschi et al. nel 2011 sulla sicurezza del cannabidiolo (CBD) e sugli effetti collaterali. Oltre ad aggiornare la letteratura, questo articolo si concentra sugli studi clinici e sulle potenziali interazioni del CBD con altri farmaci.

Risultati:In generale, il profilo di sicurezza favorevole del CBD negli esseri umani, spesso descritto, è stato confermato ed esteso dalla ricerca rivista. La maggior parte degli studi è stata eseguita per il trattamento dell’epilessia e dei disturbi psicotici. Qui, gli effetti collaterali più comunemente riportati sono stati stanchezza, diarrea e cambiamenti di appetito / peso. Rispetto ad altri farmaci, usati per il trattamento di queste condizioni mediche, il CBD ha un profilo di effetti collaterali migliore. Ciò potrebbe migliorare la compliance dei pazienti e l’aderenza al trattamento. Il CBD è spesso usato come terapia aggiuntiva. Pertanto, è necessaria una maggiore ricerca clinica sull’azione del CBD su enzimi epatici, trasportatori di farmaci e interazioni con altri farmaci e per vedere se questo porta principalmente a effetti positivi o negativi, ad esempio, riducendo le dosi di clobazam necessarie nell’epilessia e quindi gli effetti collaterali del clobazam .

introduzione

Da diversi anni, altri costituenti farmacologicamente rilevanti della pianta di cannabis, oltre al Δ9-THC, sono diventati al centro della ricerca e della legislazione. Il più importante di questi è il cannabidiolo (CBD). A differenza del Δ9-THC, non è inebriante, ma esercita una serie di effetti farmacologici benefici. Ad esempio, è ansiolitico, antinfiammatorio, antiemetico e antipsicotico. Inoltre, sono state dimostrate proprietà neuroprotettive.  ,  Di conseguenza, potrebbe essere utilizzato a dosi elevate per il trattamento di una varietà di condizioni che vanno dai disturbi psichiatrici come la schizofrenia e la demenza, nonché il diabete e la nausea.  , 

A dosi inferiori, ha effetti fisiologici che promuovono e mantengono la salute, inclusi effetti antiossidanti, antinfiammatori e neuroprotezione. Ad esempio, il CBD è più efficace della vitamina C ed E come antiossidante neuroprotettivo e può migliorare le condizioni della pelle come l’acne.  , 

La revisione completa di 132 studi originali di Bergamaschi et al. descrive il profilo di sicurezza del CBD, citando diverse proprietà: la catalessi non è indotta e i parametri fisiologici non vengono alterati (frequenza cardiaca, pressione sanguigna e temperatura corporea). Inoltre, le funzioni psicologiche e psicomotorie non sono influenzate negativamente. Lo stesso vale per il transito gastrointestinale, l’assunzione di cibo e l’assenza di tossicità per le cellule non trasformate. È stato ripetutamente dimostrato che l’uso cronico e dosi elevate fino a 1500 mg al giorno sono ben tollerati dall’uomo. 

Tuttavia, alcuni effetti collaterali sono stati segnalati per il CBD, ma principalmente in vitro o in studi su animali. Includono alterazioni della vitalità cellulare, ridotta capacità di fecondazione e inibizione del metabolismo epatico dei farmaci e dei trasportatori di farmaci (p. Es., Glicoproteina-p).  Di conseguenza, è necessario condurre più studi sull’uomo per vedere se questi effetti si verificano anche negli esseri umani. In questi studi, è necessario arruolare un numero sufficiente di soggetti per analizzare gli aspetti di sicurezza a lungo termine e le possibili interazioni del CBD con altre sostanze.

Questa revisione si baserà sugli studi clinici citati da Bergamaschi et al. e aggiornerà la loro indagine con nuovi studi pubblicati fino a settembre 2016.

Conclusione: questa recensione illustra anche che alcuni importanti parametri tossicologici devono ancora essere studiati, ad esempio, se il CBD ha un effetto sugli ormoni. Inoltre, mancano ancora più studi clinici con un numero maggiore di partecipanti e una somministrazione cronica di CBD più lunga.

Parole chiave: cannabidiolo, cannabinoidi, usi medici, sicurezza, effetti collaterali, tossicità

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello