Guerra Marijuana Medica e prigione

Paziente di marijuana medica veterano disabile rilasciato dalla prigione

Marijuana Legale effetti medici e uso per veterani di guerra, una storia vera che ha dell’incredibile

Una di queste storie che è stata spaventosamente sottostimata è quella di Sean Worsley . Worsley, un paziente di marijuana medica veterano disabile di 33 anni che usa la marijuana per alleviare alcuni dei suoi disturbi è stato arrestato nel 2016 mentre viaggiava attraverso l’Alabama con sua moglie. Quello, tuttavia, era solo l’inizio di quello che si è trasformato in un incubo pluriennale.

Sean Worsley’s Nightmarish Ordeal

Durante un viaggio per visitare la famiglia, Sean Worsley e sua moglie Eboni venenro arrestati mentre erano fermi in una stazione di servizio a Gordo, in Alabama. Un agente si è avvicinato per dire loro che stavano suonando musica a volume troppo alto. L’ufficiale che lo ha arrestato ha affermato di sentire l’odore della marijuana, che in Alabama e in un certo numero di altri stati in tutto il paese costituisce motivo per perquisire un veicolo. Il signor Worsley ha detto all’ufficiale che era un paziente registrato con marijuana medica e che in effetti aveva acquistato marijuana legalmente nel suo stato di origine, l’Arizona. L’ufficiale ha trovato la marijuana esattamente dove il signor Worsley aveva indicato che si trovava, così come gli antidolorifici prescritti a Eboni Worsley e l’alcol. Dopo che la ricerca fu completata, sia Sean che Eboni Worsley furono arrestati.

Dopo il loro arresto, Sean Worsley afferma che gli era stato detto che Eboni sarebbe stato imprigionato se non avesse accettato un patteggiamento proposto. Worsley sentiva che il rischio che sua moglie andasse in prigione era troppo grave e accettò un patteggiamento che includeva 60 mesi di libertà vigilata, partecipazione obbligatoria a un programma di trattamento della droga e multe salate. La sua condanna è stata poi trasferita in Arizona. Dopo che sono sorti numerosi problemi, tra cui problemi finanziari, perdita di alloggi e la sua incapacità di comparire in un tribunale dell’Alabama, è stato emesso un mandato per l’arresto di Sean Worsley. Sean, un paziente veterano legale della marijuana medica nel suo stato d’origine è stato arrestato e condannato a 60 mesi in una prigione dell’Alabama il 28 aprile 2020.

Per fortuna, Worsley è stato rilasciato il 10 novembre 2020 dopo aver scontato oltre 10 mesi di prigione. Tuttavia, il tempo trascorso in prigione non potrà mai tornare indietro. È terrificante che un uomo che ha servito il suo paese e ha le ferite da mostrare perché è stato messo in prigione per l’atto innocuo di consumare cannabis per alleviare il suo dolore.

Alcune politiche statali sulla marijuana rovinano le vite

Sebbene la guerra alla droga stia diminuendo negli Stati Uniti, fa ancora deragliare migliaia di vite ogni anno. L’arresto e la condanna sproporzionata di Sean Worlsey sono solo un altro lampante esempio delle ingiustizie che sono ancora troppo diffuse nel sistema legale americano quando si tratta di leggi sulla marijuana e su altre droghe.

Gli Stati Uniti d’America non sono per niente uniti per quanto concerne le leggi sulla marijuana. Sean Worsley è un veterano legale della marijuana medica in Arizona. Tuttavia, le stesse identiche cose che fa in Arizona sono l’arresto di reati degni di nota in Alabama. Ciò che gli fornisce conforto e sollievo in uno stato è motivo per rubare cinque anni della sua vita in un altro. Il tempo per la legalizzazione federale della marijuana sia per uso medico che ricreativo è arrivato. Noi come paese non possiamo stare a guardare mentre più bambini perdono i genitori, le mogli perdono i mariti ei veterani sono maltrattati dalle leggi di un paese che hanno servito. Il progresso deve essere la forza trainante dietro l’evoluzione delle leggi sulla cannabis.

Attenzione: questo articolo è stato realizzato a solo scopo informativo e non costituisce in alcun modo un incentivo al consumo. L’uso di droghe non è mai esente da rischi. Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016. Approfondimenti su marijuana

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare a tuo piacimento. Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Continuando la navigazione dichiari di essere maggiorenne

0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuoto