I primi Dottori scozzesi hanno prescritto cannabis legale

Cannabis Legale
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    charas, hashish legale, panetta di fumo, hashish tipi

    CHARAS LEGALE | HASHISH INDIANO CBD < 34%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 9.3|€ 13.30
    9.30339.00
    Svuota
  • Sale!
    cbd isolate, cristalli puri cbd al 99%, polvere di cbd

    CRISTALLI CBD – CBD ISOLATE

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 29.00|€ 50.00
    29.00659.00
    Svuota

La prima clinica di cannabis medica della Scozia ha iniziato a prescrivere a pazienti affetti da condizioni di dolore cronico.

La Sapphire Medical Clinic di Stirling è stata approvata dalle autorità di regolamentazione a marzo e ha ricevuto centinaia di richieste.

La clinica privata fornisce medicinali a base di cannabis senza licenza per le persone con condizioni che non soddisfano i criteri per i prodotti a base di cannabis prescritti dal NHS.

La cannabis medica è stata legalizzata nel Regno Unito nel novembre 2018 e i medici possono prescriverla in determinate situazioni.

Tuttavia, finora in Scozia è disponibile un solo prodotto, per i bambini con forme rare di epilessia.

  • “Mancanza di prove” che trattiene i farmaci a base di cannabis
  • La cannabis legale a cui nessuno ha potuto accedere

Heather – non è il suo vero nome – è uno dei primi pazienti scozzesi a ricevere cannabis medica senza licenza dalla clinica privata.

Ha detto a The Nine della BBC Scotland di soffrire di artrite e dolore neuropatico da un decennio.

Ha detto che in precedenza aveva ricevuto farmaci oppioidi, ma aveva scarso effetto sul suo dolore cronico.

Heather, che è un operatore sanitario sulla cinquantina, ha dichiarato: “Il dolore acuto è piuttosto infelice e colpisce tutta la tua vita, la tua intera prospettiva. Alcuni giorni non riesco nemmeno a gestire i pulsanti.

“C’è così tanto che potrei fare con la mia famiglia che non sono pronto a fare, e non posso fare, a causa del dolore cronico”.

Nelle ultime quattro settimane ha vaporizzato fiori di cannabis essiccati e preso olio contenente il principale ingrediente psicoattivo della droga, il THC.

Ha pagato circa £ 100 per il suo primo lotto di medicine.

Heather ha detto: “Poiché è una dose così bassa e attentamente controllata, si sta lentamente accumulando per influenzare gli stessi recettori del dolore.

“Sembra che quei sensi si stiano attenuando nelle aree in cui ho dolore. Piuttosto che sentirmi completamente fatto, non ho avvertito alcun effetto collaterale di quello del farmaco a base di cannabis.

“Per me, la vedo come una prova in questo momento. Ci sono certamente prove aneddotiche che aiuta le persone. Ma voglio sapere se aiuterà me e la mia qualità di vita”.

Prescritto in privato

La modifica della legge del 2018 ha spostato la cannabis dal programma 1 ai sensi dei regolamenti sull’abuso di droghe del 2001, il che significa che non aveva alcun valore terapeutico, al programma 2. Ora significa che i medici possono prescrivere il farmaco in determinate situazioni.

Finora, solo tre prodotti sono stati autorizzati dalla Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) del Regno Unito.

Questi sono Sativex, che è usato per trattare la spasticità grave nei pazienti con SM, Nabilone per la nausea indotta dalla chemioterapia e Epidyolex per rare forme di epilessia infantile.

Solo Epidyolex può essere prescritto dal NHS in Scozia.

Molti altri prodotti a base di cannabis non sono autorizzati, ma possono ancora essere prescritti privatamente.

Suzie Marshall è stata la prima paziente a ricevere una consulenza faccia a faccia

Suzie Marshall, 48 anni, è stata la prima paziente a ricevere una consulenza faccia a faccia presso la Sapphire Medical Clinic dopo essere stata autorizzata da Healthcare Improvement Scotland (HIS).

È un’ex impiegata di banca che soffre da diversi anni di dolori cronici causati dall’artrite reumatoide. Per sei settimane ha preso olio di THC, insieme a prodotti CBD.

I prodotti le costavano circa 130 sterline al mese.

Mentre dice che la sua insonnia è migliorata, Suzie ha detto che è “difficile quantificare” l’effetto sul suo dolore.

“È qualcosa di cui non ti rendi conto fino a un po’ di tempo dopo”, ha detto.

“Ripensandoci, è leggermente migliorato. Certamente non è stato così in prima linea nella mia mente come lo era stato.

“Sono riluttante a dire che è stato un miglioramento drammatico in quanto è così presto. Ma sono ottimista”.

Ai pazienti può essere prescritto il farmaco solo se hanno una condizione diagnosticata dal punto di vista medico e altri trattamenti non hanno funzionato.

Vengono valutati da un team di medici prima che vengano inviati i farmaci dalle farmacie tramite corriere.

Carl Holvey, capo farmacista di Sapphire, ha affermato che i pazienti che vedono non si qualificano per i farmaci del SSN o che i trattamenti sono stati giudicati non convenienti.

Ha detto che nel caso del dolore cronico, ad esempio, c’erano “buone prove cliniche” per dimostrare che la cannabis era efficace.

“Ma quando la valutazione è stata fatta, il costo dei medicinali era troppo alto per essere coperto dal servizio sanitario nazionale”, ha detto.

“Stiamo lavorando per raccogliere prove reali e dati clinici per supportare l’uso di questi medicinali.

“Speriamo che i dati vengano utilizzati dalle autorità per sviluppare la base di conoscenze per dimostrare che questi farmaci sono efficaci – ed economici – in modo che possano essere utilizzati dal servizio sanitario nazionale”.

La dottoressa Tara Shivaji, consulente presso Public Health Scotland, ha affermato che i medici scozzesi usavano spesso farmaci senza licenza.

“Ciò viene fatto in modo sicuro garantendo un solido processo di valutazione clinica, offrendo trattamenti solo laddove i prodotti concessi in licenza disponibili non si sono dimostrati utili e monitorando da vicino la risposta clinica dei pazienti dopo il trattamento”, ha affermato.

“Questi stessi principi si applicano ai prodotti medici a base di cannabis.

“Sono urgentemente necessari studi clinici di buona qualità sull’efficacia e la sicurezza di questi prodotti al fine di supportare i medici che prescrivono e garantire cure di qualità per i pazienti”.

Un portavoce dell’HIS ha affermato che i prodotti medici a base di cannabis senza licenza dovrebbero essere prescritti da medici specialisti “dove vi è una chiara evidenza pubblicata di benefici” e dove c’è un “bisogno clinico che non può essere soddisfatto da medicinali autorizzati e dove i medicinali stabiliti sono stati esauriti”.

La dichiarazione ha aggiunto: “Le cliniche indipendenti devono garantire che si svolgano consultazioni appropriate, che i medici effettuino valutazioni informate, che il consenso informato del paziente sia ottenuto in conformità con la legge e le linee guida professionali e che i pazienti comprendano il rischio e i benefici di un trattamento o di un farmaco.

“Inoltre, i medici dovrebbero chiarire ai pazienti se ci sono solo prove limitate dell’efficacia del trattamento scelto”.

 

 

 

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

SE FAI UN ACQUISTO DI ALMENO 55 €SUBITO PER TE
17% DI SCONTO + SPEDIZIONE GRATIS
  • Aggiungi al tuo carrello almeno 55€ di merce ( maggiore è la spesa, maggiore sarà lo sconto)
  • Quando fai il Checkout ricordati di inserire il CODICE SCONTO: HALLOWEEN
  • Concludi l'ordine - Scade il 31 Ottobre 2021
0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuoto