I tamburi Ketama, l’autentico hashish Marocchino

I Tamburi Di Ketama Hashish Marocchino

I tamburi Ketama prendono il nome dalla regione di Ketama . A partire da questo novembre, i coltivatori locali procedono all’estrazione della resina per produrre hashish. Usano la stessa tecnica di centinaia di anni fa. Una volta raccolte, le piante vengono essiccate al sole in enormi fasci. In ottobre è molto comune vedere queste balle nei villaggi di Ketama appoggiate all’esterno delle case, sui muri o semplicemente a terra.

Con temperature più basse è più facile estrarre i tricomi dalle piante. Da un lato hanno un anello di metallo o di legno, in cui tengono un setaccio o un setaccio fine. Su di esso mettono i boccioli schiacciati. Questo è coperto da una plastica. E in fila li hanno colpiti con dei bastoni. Il suono di centinaia di coltivatori che battono questi tamburi per ore e giorni si sente in gran parte della valle del Rif.

La polvere dorata che cade viene raccolta e pressata. È quello che conosciamo come hashish marocchino. Circa il 95% dell’hashish marocchino viene prodotto a Ketama. Ed è il sostentamento di molte famiglie per affrontare finanziariamente il resto dell’anno. L’hashish di altissima qualità, di solito lo conservano o finisce in molte caffetterie olandesi.

Di tutti i metodi di estrazione, uno dei più rispettosi dei materiali è l’estrazione a secco. Dalle lavatrici per grandi quantità, ai piccoli hashmakers per sfruttare i resti per manicure. A metà strada ci sono i tamburelli maria, che seguono la stessa meccanica dei tamburi Ketama. Sì, sono più evoluti in termini di materiali.

Anche in condizioni normali avremo gemme di qualità migliore rispetto al Marocco. Per il semplice fatto di aver fatto una buona essiccazione in un luogo buio, conterranno più THC e il sole lo degraderebbe in CBN, che è meno psicoattivo. E una leggera stagionatura successiva aiuterà ad esaltare sia i sapori che gli aromi e gli effetti. Come un buon vino o un buon formaggio, la stagionatura li migliorerà sempre.

È interessante lavorare con l’erba a basse temperature. Che i tricomi siano ben solidificati sarà fondamentale per ottenere le migliori estrazioni. Ecco perché in Marocco aspettano sempre l’inizio dell’autunno. Nel nostro caso possiamo anche forzare questo, semplicemente mettendo l’erba nel congelatore fino al momento dell’estrazione. È sufficiente un minimo di due ore.

DAI TRICOMI A HASH

Ora non ci resta che iniziare a battere il tamburo per estrarre la preziosa polvere d’oro. Ti consigliamo di iniziare delicatamente e raccogliere questa prima estrazione che conterrà le migliori ghiandole. Più ne colpiamo, più resina raccoglieremo. Ma anche la materia vegetale andrà in pezzi e cadrà insieme alla resina. Questo è il motivo per cui è conveniente iniziare con meno energia e occasionalmente raccogliere tricomi in base alla qualità.

E infine dovremo impastare questa polvere fino ad ottenere un impasto compatto, molto elastico e della migliore qualità, e più friabile nelle ultime passate in quanto trasporta anche un po ‘di materia vegetale. È sempre meglio lavorare pezzi piccoli, con una dimensione massima di circa 10 grammi. E come la marijuana, li terremo in un contenitore chiuso in un luogo buio.

Approfondimenti sull’hashish

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello