L’affascinante ruolo che la marijuana gioca nel sesso

ruolo che la marijuana gioca nel sesso

La cannabis può aiutare uomini e donne in tutte le fasi sessuali aprendo la mente a un’intimità più profonda e promuovendo la consapevolezza.

Gli esperti hanno alcune notizie affascinanti sull’erba e sui nostri impulsi sessuali, e non è proprio quello che tutti ci aspettavamo.

È tutto in uno studio intitolato “La masturbazione all’orgasmo stimola il rilascio dell’endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo negli esseri umani”, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine. Il documento esprime un legame tra lo stato dell’orgasmo e il rilascio di un endocannabinoide – sostanze chimiche prodotte dal corpo umano – che ha l’aspetto e si comporta proprio come quelli che si trovano nella pianta di marijuana.

La sessualità umana può essere divisa in quattro stati – desiderio, eccitazione, orgasmo e soddisfazione – e nessun farmaco per la salute sessuale si occupa di questo. I farmaci per la disfunzione erettile come il Viagra e il Cialis trattano l’eccitazione negli uomini, e questo è tutto. È interessante notare che la cannabis può aiutare sia gli uomini che le donne in tutte e quattro le fasi sessuali. Aumenta i sensi, porta al rilassamento, apre la mente a un’intimità più profonda e promuove la consapevolezza.

Molecole che ci fanno emettere vocali

Tutti sembrano avere un aneddoto nella camera riguardante la marijuana e il sesso arricciacapelli, ma gli scienziati sono interessati a quali molecole specifiche sono coinvolte nella soddisfazione sessuale.

Mentre molti di noi avrebbero pensato che fosse il THC a rendere il sesso più gratificante, i ricercatori dello studio sugli orgasmi e sugli endocannabinoidi hanno scoperto che non è l’anandamide (il cugino endocannabinoide del THC) rilasciato durante l’orgasmo, è 2-arachidonoilglicerolo (2-AG).

Sebbene non coinvolga direttamente i recettori cannabinoidi CB1 o CB2, la molecola CBD aumenta i livelli del corpo di 2-AG, il che potrebbe indicare che i prodotti ad alto contenuto di CBD potrebbero migliorare l’azione di 2-AG nella risposta sessuale.

Un altro modo in cui la cannabis aiuta la sessualità umana

La cannabis è un eccellente aiuto sessuale per coloro che hanno PTSD a causa di traumi sessuali. Il THC si lega ai recettori cannabinoidi CB1 che risiedono nelle aree di interesse della risposta sessuale, l’ippocampo e l’amigdala. Le due aree sono collegate alla memoria, al sistema nervoso autonomo e alle emozioni come la paura e l’ansia. Sotto l’influenza del THC, una persona ha meno probabilità di provare ansia o altri sentimenti negativi che circondano il sesso.

Altrettanto degno di nota è il fatto che l’uso di cannabis, in particolare il THC, induce la compromissione della memoria a breve termine che è specificamente adatta per mantenere la mente nel momento durante il sesso. Quando non siamo stressati per le cose che ci aspettano fuori dalla camera da letto, possiamo rilassarci e goderci il sesso che accade sul letto (o ovunque stia accadendo, animale).

La cannabis e il dono che continua a dare

Oltre ad essere solo un modo piacevole per rilassarsi alla fine della giornata, la marijuana allevia i sintomi del disturbo d’ansia e aiuta gli insonni a chiudere gli occhi, e se si scopre che la cannabis ha benefici anche in camera da letto, indubbiamente alimenterà una nuova sezione del mercato. Chi ha bisogno di un farmaco di marca per la disfunzione erettile quando c’è un integratore naturale che fa il trucco senza rischi e dura quattro ore?

Lo studio sugli orgasmi e il rilascio di 2-AG negli esseri umani non ha esplorato se l’anandamide ostacola la nostra capacità di ricevere 2-AG durante il sesso. Hanno solo dimostrato un collegamento affidabile tra gli orgasmi e la sostanza chimica che produciamo prima e durante il climax.

Non ci sono nemmeno studi che esplorano il sesso e il dosaggio della marijuana. Il dosaggio è fondamentale se prevedi di fumare o assumere alimenti commestibili prima di fare sesso, soprattutto perché dosi elevate possono interferire con le prestazioni degli uomini.

Ma se sappiamo qualcosa guardando lo spazio della cannabis per così tanto tempo, è che uno studio ne porta uno nuovo, e forse presto coloro che ne hanno bisogno potranno dosare con precisione la loro strada per una vita sessuale più soddisfacente.

 

 

Nel corso di due studi, i ricercatori hanno scoperto che gli individui sani che si masturbavano fino all’orgasmo avevano livelli elevati di 2-AG, non di anandamide, concludendo che il rilascio di 2-AG gioca un ruolo nell’aspetto della ricompensa dell’eccitazione sessuale e dell’orgasmo.

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello