Marijuana e colite ulcerosa

marijuana e colite ulcerosa

I DATI DI PROVA MOSTRANO CHE LA MARIJUANA INALATA È ASSOCIATA A MIGLIORAMENTI NEI PAZIENTI CON COLITE ULCEROSA

Un nuovo studio intitolato Cannabis è associato alla remissione clinica ma non endoscopica nella colite ulcerosa: uno studio controllato randomizzato  ha scoperto che l’inalazione di marijana a base di erbe è associata a miglioramenti clinici e aumento della qualità della vita nei pazienti con colite ulcerosa (CU) da lieve a moderata. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista peer-reviewed PLoS ONE ed è stato pubblicato dal National Institute of Health.

“La  cannabis è spesso utilizzata da pazienti con colite ulcerosa, ma gli studi controllati sono pochi”, afferma l’abstract dello studio. Con questo in mente, i ricercatori “miravano a valutare l’effetto della cannabis nel migliorare gli esiti clinici e infiammatori nei pazienti con colite ulcerosa”.

 

In uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, i pazienti hanno ricevuto sigarette contenenti 0,5 g di fiori di cannabis essiccati con 80 mg di tetraidrocannabinolo (THC) o sigarette placebo per 8 settimane. I parametri della malattia, tra cui l’indice di attività della malattia di Lichtiger, la proteina C reattiva (PCR), la calprotectina, il punteggio endoscopico Mayo e la qualità della vita (QOL) sono stati valutati prima, durante e dopo il trattamento.

 

I ricercatori hanno scoperto che “Da un punto di vista clinico, abbiamo scoperto che il trattamento con cannabis ha portato a una riduzione significativa dell’indice di attività della malattia di Lichtiger [una misura di 8 elementi progettata per valutare l’attività della malattia in pazienti con colite ulcerosa attraverso 8 sintomi] e un miglioramento dei principali Sintomi clinici correlati a IBD inclusi dolore addominale e numero di movimenti intestinali al giorno. Abbiamo anche osservato un significativo miglioramento della qualità della vita, della salute generale, dell’appetito, della libido, della concentrazione e della soddisfazione del paziente con il trattamento “.

 

Hanno concluso lo studio affermando: “Questo studio dimostra che il trattamento con cannabis ricca di THC in pazienti con CU da lieve a moderata è associato a un miglioramento clinico. … Questa osservazione preliminare richiede ulteriori indagini in studi clinici di intervento più ampi e più lunghi. Tali studi ci consentiranno di determinare se la cannabis ha principalmente un ruolo di alleviare i sintomi o un effetto terapeutico antinfiammatorio più specifico

sfondo

 

La cannabis è spesso usata da pazienti con colite ulcerosa, ma gli studi controllati sono pochi. Abbiamo mirato a valutare l’effetto della cannabis nel migliorare gli esiti clinici e infiammatori nei pazienti con colite ulcerosa.

 

Metodi

 

In uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, i pazienti hanno ricevuto sigarette contenenti 0,5 g di fiori di cannabis essiccati con 80 mg di tetraidrocannabinolo (THC) o sigarette placebo per 8 settimane. I parametri della malattia, tra cui l’indice di attività della malattia di Lichtiger, la proteina C reattiva (PCR), la calprotectina, il punteggio endoscopico Mayo e la qualità della vita (QOL) sono stati valutati prima, durante e dopo il trattamento.

 

Risultati

 

Lo studio ha incluso 32 pazienti. L’età media era di 30 anni, 14 (43%) femmine. L’indice di Lichtiger è migliorato nel gruppo cannabis da 10,9 (IQR 9-14) a 5 (IQR 1-7), (p <0,000) e nel gruppo placebo da 11 (IQR 9-13) a 8 (IQR 7-10) (p = 0,15, p tra i gruppi 0,001). La qualità della vita è migliorata nel gruppo cannabis da 77 ± 4 a 98 ± 20 (p = 0,000) ma non nel gruppo placebo (78 ± 3 alla settimana 0 e 78 ± 17 alla settimana 8; p = 0,459; p tra i gruppi 0,007). Il punteggio endoscopico Mayo è cambiato nel gruppo cannabis da 2,13 ± 1 a 1,25 ± 2 (p = 0,015) e nel gruppo placebo da 2,15 ± 1 a 1,69 ± 1 (p = 0,367, p tra i gruppi 0,17).

 

Conclusione

 

Il trattamento a breve termine con cannabis ricca di THC ha indotto la remissione clinica e ha migliorato la qualità della vita nei pazienti con colite ulcerosa da lieve a moderatamente attiva. Tuttavia, questi effetti clinici benefici non erano associati a un significativo miglioramento antinfiammatorio nel punteggio endoscopico Mayo o nei marcatori di laboratorio per l’infiammazione (clinicaltrials.gov  NCT01040910 ).

 

Dichiarazione di conflitto di interessi

 

Abbiamo dichiarato i seguenti potenziali interessi concorrenti: – L’autore Lihi Bar Lev Schlieder è un dipendente di Tikun Olam, un’azienda produttrice di cannabis, La cannabis utilizzata nello studio è stata fornita da Tikun Olam Tutti gli altri autori non hanno conflitti da dichiarare. FMK è stata sostenuta, in parte, dalla cattedra Josefina Maus e Gabriela Cesarman per la ricerca sulle malattie del fegato, Facoltà di medicina Sackler, Università di Tel Aviv. Ciò non altera la nostra adesione alle politiche di PLOS ONE sulla condivisione di dati e materiali.

fonte

thejointblog.com/trial-data-shows-inhaled-marijuana-associated-with-improvements-in-ulcerative-colitis-patients/

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello