Dove Cresce La Cannabis In Modo Naturale?

Dove Cresce La Cannabis In Modo Naturale? cannabis ruderalis

Molti appassionati di cannabis apprezzerebbero la possibilità di entrare in una piantagione di cannabis e semplicemente raccogliere quanta più erba possibile. Forse era possibile 100 anni fa, ma non oggi, dato che la marijuana viene coltivata solo per scopi commerciali in questi giorni. Se trovi una piantagione di cannabis, è molto probabile che appartenga a qualcuno (cresciuto umano).

Questo significa che la cannabis non può crescere in natura, da sola? Scopriamolo…

Una breve storia della Cannabis selvatica

La cannabis, più comunemente conosciuta come marijuana o erba, è una pianta che si è diffusa molto prima che diventasse ben nota e commercializzata. Come suggerisce il nome della strada, questa pianta è davvero un’erbaccia. Cresceva naturalmente (da solo) senza bisogno di interferenze umane, ma principalmente nel suo habitat naturale.

Gli scienziati sono dell’opinione che la pianta di cannabis abbia smesso di crescere naturalmente a causa delle cattive condizioni meteorologiche.

Quindi che tipo di clima coltiva la cannabis in modo naturale?

Il clima perfetto dove la cannabis può crescere naturalmente

Essendo un’erbaccia, la cannabis può crescere praticamente in qualsiasi clima. Può adattarsi al clima secco, fresco, caldo o umido. Sebbene i coltivatori esperti abbiano affermato che è più incline ai climi caldi e umidi. Tuttavia, i climi secchi e caldi, ad esempio i deserti, non supportano la crescita sana della cannabis. In altre parole, la cannabis può crescere praticamente ovunque nel mondo tranne che in un deserto.

Inoltre, quando si sceglie di coltivarla , potrebbe essere necessario creare un ambiente caldo e umido per incoraggiare la cannabis a crescere in modo naturale e dare così i migliori raccolti.

Origine della pianta di cannabis

Si dice che la cannabis sia stata trovata per la prima volta nell’Himalaya nella regione afgana.

Negli Stati Uniti, le radici originali della cannabis selvatica vengono fatte risalire all’Indiana. Tuttavia, la versione della cannabis selvatica qui è usata principalmente per la sua fibra, perché la pianta femmina è impollinata, rendendola così inutile per chi cerca il suo contenuto di THC , il composto che causa effetti psicotropi nella cannabis.

Esiste una razza di cannabis ( ruderalis ) che si dice sia originaria dell’Europa. È noto per il suo effetto medicinale per il trattamento della depressione, ma non è molto efficace nel creare euforia o qualsiasi livello di “intrattenimento”, per così dire.

Come dice il mito comune , la cannabis può effettivamente essere trovata in Giamaica e in Messico . Il clima in questi paesi è molto favorevole alla coltivazione della cannabis, ecco perché l’erba viene coltivata in questi paesi più che in qualsiasi altra parte del mondo ed è diventata una parte importante della loro cultura.

La cannabis selvatica può essere fumata?

Sì, la cannabis selvatica può essere fumata. Ci sono diversi tratti della cannabis presenti in natura. La Cannabis Sativa è la più popolare, grazie ai suoi alti livelli di THC.

La cannabis Indica, d’altra parte, ha proprietà terapeutiche, grazie ai suoi alti livelli di CBD .

Come identificare la cannabis selvatica

Per quanto ci siano diversi tratti della cannabis, ci sono altre piante che potrebbero ingannarti nel pensare che siano cannabis. cioè il luppolo (Humulus lupulus).

Odore

Il miglior indicatore di una pianta di cannabis è il suo profumo ; la cannabis ha un profumo caratteristico che è singolare e molto potente. Non appena ti avvicini a una pianta di cannabis, puoi dire immediatamente che si tratta di marijuana (ammesso che tu conosca l’odore dell’erba). Se non hai idea dell’odore di un’erba, potresti dover dipendere maggiormente dalle caratteristiche fisiologiche.

Caratteristiche fisiologiche

Il gambo tipico di una pianta di cannabis , maschio o femmina che sia, è peloso e potrebbe trasudare della linfa. Ancora una volta, il profumo è diverso dalla linfa. La principale differenza tra il fusto di una pianta maschio e la sua controparte femminile è che lo stelo maschio è generalmente più lungo.

Le foglie di una pianta di cannabis crescono come foglie di palma, solo che hanno uno schema alterato e sono seghettate e la parte superiore della foglia non è liscia. Più foglie ci sono su uno stelo, maggiori sono le possibilità che la pianta di cannabis che stai guardando sia una pianta femmina.

Le piante maschili hanno meno foglie soprattutto nella parte superiore della pianta. La caratteristica più distintiva di una pianta di cannabis femmina è la presenza di peli traslucidi sui piccoli boccioli alle giunture degli steli.

Se stai pensando di raccogliere cannabis in natura, queste sono le caratteristiche a cui prestare attenzione.

Per la cronaca, la pianta di cannabis femmina è per lo più fumata rispetto alla sua controparte maschile. Difficilmente troverai la pianta di cannabis maschio raramente venduta nei dispensari.

Per quanto tempo può crescere una pianta di cannabis?

Se la pianta di cannabis viene coltivata in una stanza dove c’è luce per la maggior parte della giornata, la pianta di cannabis può rimanere bloccata nello stato vegetativo per gli anni a venire. La cannabis che cresce naturalmente in natura, ha una durata di cinque-dieci mesi o, nella migliore delle ipotesi, un anno.

Ci sono, tuttavia, affermazioni secondo cui ai tropici la pianta può sopravvivere a un certo numero di stagioni in cui le piante maschili e femminili crescono insieme.

Conclusione

Allora, dove cresce la cannabis in modo naturale? Bene, per quanto la cannabis possa crescere spontaneamente in un certo numero di regioni e adattarsi a diversi modelli climatici, attualmente è molto difficile trovarla allo stato selvatico. La cannabis è diventata altamente commercializzata e, come tale, si trova principalmente nei campi e nelle serre appositamente allestite.

 

 

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello