Origine della marijuana medica

Origine Della Marijuana Medica
  • Sale!
    BABY BOOM - Canapa Light

    BABY BOOM CANNABIS LIGHT CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 11.00
    8.20349.00
    Svuota
  • Sale!
    BLUE CHEESE, MARIJUANA CHEESE

    BLUE CHEESE WEED CBD CANNABIS < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 13.00
    8.00340.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    CANNATONIC CBD

    CANNATONIC CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 7.80|€ 11.00
    7.80319.00
    Svuota

Il 21 ° secolo è un periodo d’oro perché i medici sono ora disposti a prescrivere e somministrare farmaci correlati alla canapa, come tinture, pillole e unguenti come rimedio alternativo per alcune malattie. Che molti chiamano marijuana medica. Poi ci sono anche delle piante di Marijuana Legale a basso contenuto di thc con alti tassi di CBD

Dr William Brooke O’Shaughnessy

La domanda rimane: chi è il pioniere dietro la marijuana medica?

La storia sostiene che i primi riferimenti alla marijuana come medicina alternativa iniziarono nel  2900 a.C. 

Tuttavia, i benefici per la salute della pianta di cannabis non sarebbero stati ben noti nel XIX e XXI secolo se non fosse stato per il  dottor William Brooke O’Shaughnessy.  Vale la pena ricordare che è ancora considerato un pioniere nel campo dell’introduzione della cannabis nella medicina occidentale. Dopo la laurea presso l’Università di Edimburgo, O’Shaughnessy è andato a Calcutta, dove ha lavorato come assistente chirurgo e allo stesso tempo è stato professore di chimica presso la scuola locale.

Era affascinato dalla vita degli indigeni di Calcutta, quindi trascorreva molto tempo libero con loro. È stato da loro che ha acquisito la sua conoscenza della cannabis. La pianta di marijuana è stata usata come medicinale e per scopi ricreativi per migliaia di anni a Calcutta.

Ricerca sulla marijuana medica

O’Shaughnessy ha anche esaminato criticamente la letteratura medica disponibile in quel momento ai fini della ricerca sulla cannabis. Stava principalmente ricercando gli effetti inebrianti della cannabis. Come modelli di ricerca, ha utilizzato animali (conigli, topi, ratti, cani, gatti). Ha studiato l’efficacia e la sicurezza dell’uso di droghe di cannabis autoprodotte su di loro, che in seguito ha dato ai pazienti. Durante la sua ricerca preliminare, O’Shaughnessy ha notato che le singole specie animali hanno reagito in modo diverso alla cannabis. Ad esempio, gli animali carnivori (pesci, cani, gatti, maiali, avvoltoi) “hanno dimostrato invariabilmente e rapidamente l’influenza inebriante dei farmaci”. Tuttavia, gli animali al pascolo spessi, come cavalli, mucche, pecore, capre “hanno sperimentato solo effetti banali della dose somministrata”.

Epilessia infantile

Nel 1839 pubblicò un articolo scientifico sull’uso della cannabis in pazienti affetti da reumatismi, colera, tetano e anche nei neonati affetti da epilessia. Nel caso di quest’ultimo, ha affermato che l’uso della cannabis è stato estremamente efficace. I bambini epilettici che erano vicini alla morte sono stati riportati in piena salute dopo la somministrazione di cannabis. Nella sintesi della sua ricerca, ha scritto che gli esperimenti condotti hanno rafforzato la sua convinzione nell’uso della cannabis come agenti preziosi nel trattamento dell’epilessia infantile.

Certamente, O’Shaughnessy era uno scienziato affidabile perché ha anche rivelato il fallimento della terapia con la canapa. Ha ammesso di aver avuto scarso successo nel trattamento dei reumatismi o del colera, ma ha notato gli effetti benefici della cannabis calmante e analgesica.  Il medico è anche riuscito a  sopprimere gli spasmi muscolari associati a malattie come il tetano e la rabbia  (molti pazienti moderni usano la marijuana medicinale per alleviare la spasticità muscolare associata a determinate condizioni, come la sclerosi multipla e le disfunzioni dei nervi motori).

È interessante notare che il dottor O’Shaughnessy ha anche avvertito che la terapia con la canapa dovrebbe iniziare con le dosi più piccole. Allo stesso tempo, ha avvertito del “delirio della cannabis” in caso di abuso o overdose. Il dottore aveva un modo eccezionale di trattare i pazienti che avevano consumato troppa marijuana. A queste persone venivano somministrati forti lassativi.

Come puoi vedere, i suoi metodi erano un po ‘drastici, almeno secondo i moderni standard tossicologici. Tuttavia, le sue innovazioni e azioni hanno portato a buoni risultati. Sulla scia di O’Shaughnessy, seguirono altri scienziati che studiavano le proprietà terapeutiche della cannabis. Tra il 1839 e il 1900, più di 100 articoli sull’uso medico della marijuana apparvero su riviste scientifiche.

Cosa è successo a O’Shaughnessy?

O’Shaughnessy tornò in Inghilterra nel 1841 e portò con sé non solo il lavoro scientifico e una preziosa esperienza, ma anche diversi esemplari di cannabis e dei loro semi, che donò alla Royal Pharmaceutical Society per scopi di ricerca.

Più info sulla Cannabis Medicale

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

SE FAI UN ACQUISTO DI ALMENO 49 €SUBITO PER TE
15% DI SCONTO + SPEDIZIONE GRATIS
  • Aggiungi al tuo carrello almeno 49€ di merce
    ( maggiore è la spesa, maggiore sarà lo sconto)
  • Quando fai il Checkout ricordati di inserire il CODICE SCONTO:
    JUST-SUMMER
  • Concludi l'ordine
    pagando con Carta di credito o Bonifico Bancario
0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuoto