Sfatare I Miti Sulla Marijuana

Sfatare I Falsi Miti Sulla Marijuana
  • Sale!
    BABY BOOM - Canapa Light

    BABY BOOM CANNABIS LIGHT CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 11.00
    8.20349.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba, ganja

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED – GANJA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota
  • Sale!
    mango haze

    MANGO HAZE CBD CBDA < 29%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.30|€ 12.00
    8.30319.00
    Svuota

Anche data la sua popolarità duratura nel tempo, l’importanza della marijuana è salita a una nuovo livello in tutto il mondo in pochi anni, ottenendo la legalizzazione negli stati di tutto il mondo per uso medicinale e personale, in altri paesi come Marijuana Legale a basso contenuto di THC. Nonostante la sua feroce persecuzione da parte dei poteri forti, l’erba ha resistito al divieto, a stereotipi poco lusinghieri e alla persecuzione criminale da parte di coloro che non la capiscono. Nonostante i suoi numerosi successi, tuttavia, l’erba sta ancora affrontando un gran numero di miti imprecisi e addirittura pericolosi su di essa che servono a potenziare i suoi nemici politici e mantenere l’erba elencata come una droga. Sediamoci e scopriamo alcuni di questi miti, in modo da comprendere meglio ed istruirci sulle varie bugie e idee sbagliate che gli appassionati di Marijuana hanno e continuano a incontrare.

Mito n. 1: la marijuana è un pericoloso cancerogeno

È vero che la marijuana può rivelarsi un pericolo per i tuoi polmoni, se ne fumi a troppa. Non possiamo sottolineare abbastanza quanto sia importante il testo in corsivo per questo problema. Praticamente qualsiasi cosa può essere cancerogena se ne fumi troppa: il semplice fatto è che i tuoi polmoni non amano le particelle estranee in essi contenute. La domanda che dovresti porti è: fumare una quantità normale di marijuana comporta un serio rischio di cancro ai polmoni? La risposta è assolutamente no. La marijuana non è mai stata collegata causalmente al cancro ai polmoni allo stesso modo delle sigarette: le persone presumono semplicemente che fumare troppo di qualsiasi cosa non possa essere un bene per te. Alcuni composti nei cannabinoidi svolgono anche un ruolo nell’uccidere alcuni tipi di cancro, creando una revisione in qualche modo contraddittoria per l’erba nel mondo del cancro.

Esatto, le sostanze in vaso hanno dimostrato di essere ANTI-cancerogene in alcuni casi. In particolare, hanno proprietà medicinali contro il cancro alla prostata, il linfoma, la leucemia, il cancro al seno, glioma, il cancro della pelle e, in alcuni casi, il cancro ai polmoni stesso. L’erba è, tipo, complicata, amico!

Va anche notato che qui stiamo solo parlando di fumare canne … il pericolo, così com’è, deriva dall’inalazione di particelle di materiale estraneo nei polmoni. Non abbiamo ragioni particolari per pensare che il CBD o il THC assorbiti nel corpo attraverso l’ingestione comporterebbero un reale rischio di cancro. Detto questo, non esagerare con troppi prodotti commestibili: l’aumento di libbre di troppi pasticcini come gli edibili può farti mettere su IS un rischio di cancro, poiché potenzialmente sta seguendo la stessa strada a causa di troppi attacchi a tarda notte di fame tossica!

Per riassumere, non sembra che fumare erba di per sé rappresenti un serio rischio di contrarre il cancro, e numerosi composti nella cannabis combattono persino contro il cancro. Detto questo, se sei preoccupato di far esplodere i tuoi polmoni con particelle di erba, tutto ciò che devi fare è montare (letteralmente!) Un po ‘di burro alla cannabis e rompere un piatto pieno di brownies. Lo stesso effetto, e l’unica cosa che stai inalando è il dolce, dolce profumo del cioccolato!

Mito n. 2: la marijuana può causare seri problemi di dipendenza

Prima di tutto togliamolo: puoi diventare dipendente dalla marijuana? La risposta è tecnicamente “sì”, ma puoi stare sereno, amico mio, poiché diventare dipendenti non è un’impresa semplice. Vedete, diventare dipendenti dalla marijuana è molto più difficile e molto più raro dell’alcolismo. Prima di arrivare ai tossicodipendenti, devi esaminare un sottoinsieme di utenti fumatori, gli utenti hardcore e anche lì solo un piccolo sottoinsieme di loro rappresentano dei veri tossicodipendenti. Stiamo parlando di circa 10 anni di qualcosa che si avvicina all’accensione ogni giorno, e di solito una mezza dozzina di precedenti tentativi di smettere. Quindi stiamo parlando di un gruppo raro di stoner hardcore. Queste persone non rappresentano nemmeno le anime perdute che vedrai all’eroina o all’alcol. Tutto sommato, stiamo parlando di meno del 9% che si adatta al profilo per la dipendenza e devi lavorare per arrivarci.

Confronta gli effetti della dipendenza con quelli dell’alcol, ad esempio. Sì, come ogni dipendenza, bramerai l’erba e desidererai disperatamente di più (lo sappiamo, sembra una giornata piuttosto normale finora). Può annebbiare la tua memoria e rendere difficile la concentrazione. Potresti perdere interesse per hobby e attività non legati alla marijuana, compreso il lavoro. Ma bilancialo con l’alcol, dove l’alcolismo può causare violenza, intensa dipendenza fisiologica, tutti i precedenti negativi (dopotutto, sei a malapena concentrato e messo insieme quando sei completamente ubriaco) così come gravi danni al fegato e alla fine al cervello. La concorrenza non è nemmeno serrata, l’alcol “vince” di un miglio di campagna.

Mito n. 3: la marijuana è una “droga di passaggio”

Uno dei più grandi miti legati all’erba è che è una cosiddetta droga di passaggio. Che cos’è, chiedi? Il concetto funziona così: i poveri piccoli Adam e Alice vengono attirati a fumare erba dai loro amici malvagi e non buoni. Dopo aver iniziato a fumare erba, che è terribile e dannosa e non ha scopi medici, i loro orribili amici attivisti usano la loro esposizione all’erba e in qualche modo la sfruttano per provare droghe più pesanti. Nota che nessuno incolpa mai, diciamo, l’alcol o la nicotina per aver portato a droghe più pesanti. Solo pentola. Mi chiedo perché sia ​​così? In ogni caso, non devi preoccuparti, perché è una sciocchezza.

Non hai bisogno di dati per smascherare questo, perché i suoi sostenitori non hanno mai avuto dati da soli. Per quanto chiunque può dire, questo concetto è stato inventato completamente intorno agli anni ’80. Qualsiasi prova che colleghi i consumatori di cannabis a un uso più intenso di droghe è di per sé insufficiente. Perché? A causa della direzione della causalità. Anche se i consumatori di erba hanno maggiori probabilità di usare droghe più pesanti, è estremamente difficile dimostrare che usano droghe più pesanti perché usano o hanno usato marijuana. Possono, ad esempio, essere solo di un temperamento particolare, più propensi a sperimentare diversi tipi di droghe. Per queste persone, la marijuana era semplicemente una droga che per caso era disponibile, e in nessun modo li induceva a fare qualcosa.

Inoltre, non abbiamo alcun modo semplice in assenza di studi complessi per isolare l’uso della marijuana rispetto ad altre droghe più pesanti . Coloro che sono passati dall’erba al crack bevevano anche alcolici? Avevano problemi mentali, o provenivano da una classe economica inferiore o superiore, o un numero qualsiasi di altri fattori che potrebbero anche agire come agenti causali? Persone in posizioni di vera autorità hanno appena urlato la frase “droga di passaggio!” e non mettere mai il duro lavoro necessario per dimostrare ciò che stavano affermando. Ma dovevano davvero? La persistenza di questo mito in corso mostra che se urli qualcosa abbastanza forte, le persone inizieranno a ricordarlo e persino a crederci indipendentemente dalla sua verità. Ti ricorda qualcos’altro nella politica moderna?

Mito # 4 La cannabis è l’apoteosi del Caos

In molti modi, questo è il mito originale della marijuana. L’idea, resa popolare da film come Reefer Madness , era che un semplice sbuffo di uno spinello solitario avrebbe trasformato lo sfortunato utente in un mostro mostruoso: attaccando persone innocenti, impegnandosi in violente aggressioni sessuali e una serie frenetica di furti e violenze generali. Assolutamente credibile se non hai mai fumato uno spinello in vita tua e non hai mai conosciuto nessuno che lo avesse fatto, suppongo.

La verità è che non solo quanto sopra è sbagliato, c’è più di un po ‘di razzismo incastonato in esso. La guerra originale alla marijuana fu commercializzata per mantenere i giovani bianchi al sicuro dai neri, che erano visti come la fonte e gli utenti originali di marijuana. C’era la paura che il fumo di marijuana avrebbe fatto sì che le ragazze bianche si imbattessero in ragazzi neri e che i ragazzi bianchi iniziassero a comportarsi come le loro controparti nere. I bianchi, che generalmente non sapevano nulla dei neri tranne i propri miti razzisti, presumevano di avere tutte le caratteristiche negative di cui sopra, attributi che sarebbero poi stati imputati alla marijuana.

No, l’erba non trasforma i suoi utenti in psicopatici famelici e maligni. Beh, forse un tocco famelico. Ecco alcune cose che fa la marijuana. Infatti arrossisce gli occhi, a causa dell’espansione dei vasi sanguigni al loro interno. Non ridere, ma questo potrebbe effettivamente sembrare piuttosto spaventoso per le persone non istruite dopo averlo visto accadere per la prima volta. Potrebbe ridurre la tua ansia, ma in alcuni casi la aumenta, inclinandoti in quella direzione più usi. Un uso frequente può portare ad alcuni problemi con la memoria e la concentrazione, qualcosa che è ben documentato. Questa mancanza di concentrazione può rendere pericolose cose come guidare: non guidare o, non so, per esempio, azionare un carrello elevatore mentre sei in alto. Sì, sono ben consapevole che la roba su quel pallet deve essere spedita a Topeka, dovrai solo aspettare finché non sarai sobrio. Infine in termini di sintomi fisiologici, potresti affrontare il peggio di tutti, l’incubo noto agli utenti frequenti come … la fame chimica. L’uso di marijuana aumenta l’appetito, in grande aiuto ai malati di cancro e di AIDS e molto a scapito delle persone che contano le calorie. I munchies sono reali e sono terrificanti, soprattutto se sei un sacco di doritos che si occupano solo dei tuoi affari alla stazione di servizio locale.

Alla fine della giornata, ci sono almeno tanti miti sulla marijuana quante sono le verità là fuori. Se qualcosa ha bisogno di un rebranding, è pentola: ma finché le persone non si dimostreranno disposte ad aprire gli occhi sulla sua relativa innocuità, lo strumento migliore nel tuo arsenale per affrontare l’inganno è la luce splendente della verità. Non lasciare che persone disoneste controllino la narrativa sulla foglia di canapa. Dì la verità al potere e lascia che il tuo fumo si liberi!

Altri argomenti sui miti da sfatare sulla Marijuana

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

SE FAI UN ACQUISTO DI ALMENO 55 €SUBITO PER TE
17% DI SCONTO + SPEDIZIONE GRATIS
  • Aggiungi al tuo carrello almeno 55€ di merce ( maggiore è la spesa, maggiore sarà lo sconto)
  • Quando fai il Checkout ricordati di inserire il CODICE SCONTO: HALLOWEEN
  • Concludi l'ordine - Scade il 31 Ottobre 2021
0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuoto