Cos’è il Charas? La sua storia in breve e come produrla da solo

Il Charas

I concentrati di cannabis potrebbero sembrare un metodo di consumo relativamente nuovo per alcune persone, ma in verità esistono da secoli. Uno dei più antichi tipi di estratti conosciuti dall’umanità (e ancora adorato oggi) è il charas. Il charas è quasi identico all’hashish, a parte il fatto che il suo metodo di produzione è diverso.

Altamente sacro in India per le pratiche moderne e religiose e molto famoso nelle aree circostanti, il charas presenta in genere livelli di THC molto alti, un gusto delizioso e potenti effetti. Ma il charas è molto di più. Se vuoi restare fedele e imparare la storia della charas, il suo consumo e persino come produrla, ecco uno sguardo approfondito all ‘”oro nero” dell’Himalaya.

CHE COSA È ESATTAMENTE CHARAS?
Mentre il charas e altre forme di hashish hanno molto in comune, il charas è ancora molto unico. Il processo per produrre charas è lo stesso di qualsiasi altro estratto, comporta una separazione tra i tricomi (quello strato gelido e appiccicoso che illumina i fiori di cannabis) e la pianta. Tuttavia, per il charas viene utilizzato un metodo molto specifico, poiché viene prodotto solo da gemme vive, mentre altre forme di hashish utilizzano gemme essiccate, fiori morti e possono essere prodotte con diversi metodi.

Ci sono storie sulla produzione tradizionale di charas che non possiamo confermare, poiché potrebbero contenere una leggenda metropolitana. Comporterebbero correre attraverso le piante, rivestito di pelle, o cavalcare nudo come un verme attraverso le piante. Il passo successivo sarebbe raschiare e raccogliere la resina su detta pelle, o per l’altra opzione, direttamente sul cavallo e sul tuo corpo nudo.

Ma il modo più comune di produrre charas rimane strettamente limitato alla produzione a mano.

Articolo correlato
Come fare l’hashish a casa – 5 metodi
Nella storia dell’hash, il termine “charas” è stato utilizzato per definire qualsiasi forma di resina di cannabis compatta. Ma nel tempo ciò è cambiato e ora è il termine hashish che comprende tutte le forme di resina di cannabis compatta, e il termine charas si riferisce solo a … beh, charas.

Per quanto riguarda il metodo di consumo del charas, che di solito ha la forma di una palla o di un bastoncino, la tradizione è di fumarlo usando un chillum. Ma se ti piace il tabacco, puoi arrotolarlo come uno spliff o un blunt. Ad ogni modo, Charas è generalmente eccessivo e può causare un’esperienza quasi psichedelica.

È comune sentire allucinazioni e stati alterati di coscienza, difficoltà nel parlare, fame intensa e occhi gravemente arrossati. Allo stesso tempo, gli effetti sono morbidi e rilassanti, proprio come un piacevolissimo sogno.

LE ORIGINI E LA STORIA DI CHARAS
LE ORIGINI E LA STORIA DI CHARAS

Le origini del Charas si trovano in India, precisamente nella valle di Parvati e nel Kashmir. Queste regioni ospitano un’abbondanza di cannabis presente in natura, lungo le pendici dell’Himalaya, attirando allevatori, cacciatori di varietà e intenditori di cannabis da tutto il mondo. Puoi anche trovare charas al di fuori dell’India, in paesi come il Pakistan e il Nepal, ma l’India è ancora più famosa per la sua charas.

Nelle regioni sopra menzionate, il charas si trova con nomi diversi. Ma i più famosi sono la Malana Cream o il Kerala Gold. La Parvati Valley ospita Malana Cream, un concentrato di THC molto costoso. Kerala Gold, noto anche come Idukki Gold, tuttavia, non è così facile da trovare in questi giorni.

La charas occupa un posto relativamente prevalente nelle pratiche religiose e spirituali in tutto il mondo, in particolare nelle regioni indù.

Articolo correlato
Sadhus: questi santi uomini con un legame unico con la cannabis
Gli Shaiva, una setta indù, consumano charas durante i loro rituali di adorazione del Signore Shiva, il terzo dio della “Grande Trinità”, che rappresenta la morte e la distruzione.

In generale, i seguaci dello Shivaismo (chiamato Shivaismo) fumano charas usando un chillum fatto di argilla dopo aver cantato i molti nomi di Shiva, tra cui Viswanatha, Mahandeo e Mahadeva per citarne alcuni. Shiva è noto per essere un amante della cannabis, motivo per cui questa erba gioca un ruolo così vitale nelle pratiche religiose.

 

Per quelli di voi che vorrebbero sporcarsi le mani e produrre charas, è possibile. Tuttavia, il processo è tutt’altro che semplice. Non solo è disordinato, richiede anche molta pazienza e impegno e, sfortunatamente, una tonnellata di erba. La quantità di resina coinvolta è significativa, quindi aspettati di avere le mani ricoperte da una spessa sostanza marrone o addirittura nera.

Prima di iniziare a sporcarti le mani, avrai bisogno dell’attrezzatura giusta: fiori di cannabis ben curati e alcuni rami di una pianta che non è completamente pronta per il raccolto, ma è vicina alla maturità, oltre a un paio di mani pulite. Puoi essere certo che una pianta è pronta per il raccolto quando i semi sono maturi e visibili, mentre iniziano a emergere dalla pianta. Puoi fare un test e prendere un seme per vedere se il guscio è abbastanza duro e abbastanza scuro.

Ovviamente, questo metodo della vecchia scuola funziona bene per le varietà autoctone tradizionali originariamente utilizzate per la produzione di charas, ma se coltivi solo piante femminili per raccogliere i loro bei boccioli, non ci saranno semi. In questo caso, dovrai utilizzare piante pronte per essere raccolte in più o meno una settimana. Puoi anche usare cime mature, ma ci vorrà un po ‘più di tempo per fare il charas.

Articolo correlato
Come realizzare resina dal vivo con teste fredde
Mentre ti lavi le mani, assicurati di stare lontano da saponi e lozioni profumate, scegli invece un sapone organico inodore. Una volta che tutto ciò di cui hai bisogno è pronto, le tue mani sono lavate, quindi puoi iniziare a produrre charas.

Per prima cosa, prendi alcuni boccioli e massaggia delicatamente tra le mani. La chiave qui è prendere il tuo tempo e non premere troppo forte o sprecherai resina. Per essere più attenti, prova a premere i boccioli contro il palmo della mano con il pollice per spremere più olio, senza usare tutta la forza della mano.

Nota che mentre rotoli i boccioli, sentirai la resina fuoriuscire e sarà tutto incredibilmente appiccicoso, proprio come il catrame. Questo è ciò che chiamiamo charas. Quando ne hai abbastanza, puoi iniziare a formare palline o bastoncini. Lo farai continuando a strofinare le mani, finché il charas non assume la forma desiderata.

Più tempo trascorri lì, migliore sarà il tuo charas, quindi non avere fretta, siediti di fronte a Netflix e prenditi il ​​tuo tempo. Una volta che la tua chara ball è finita, puoi fumarla subito, ma assicurati di avvolgere gli avanzi in pellicola trasparente per evitare che si secchino.

 

Approfondimento sul Charas

  • Sale!
    charas, hashish legale, panetta di fumo, hashish tipi

    CHARAS LEGALE | HASHISH INDIANO CBD < 34%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 9.3|€ 13.30
    9.30339.00
    Svuota

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello