La marijuana crea dipendenza?

La marijuana crea dipendenza?

L’eterno dibattito, un tema molto discusso e, a volte, un tema affrontato a torto, sia da chi è favorevole all’uso della pianta che dai suoi detrattori. In questo post spieghiamo cos’è la dipendenza dalla marijuana e quali sono i fattori di rischio per subirla.

Per decenni, il potenziale potenziale di dipendenza della cannabis è stato utilizzato come argomento da entrambi coloro che difendono il divieto (che in molte occasioni hanno esacerbato il potere assuefacente di questa sostanza), come coloro che difendono la legalizzazione della pianta, che in molte occasioni hanno negato che la cannabis possa produrre qualsiasi tipo di dipendenza o assuefazione. È giunto il momento di affrontare questo problema da un punto di vista più obiettivo. La cannabis non è una sostanza innocua, pertanto è necessario che l’utente disponga di informazioni veritiere e verificate sulle conseguenze del suo consumo.

Ma prima di entrare nell’argomento, è importante definire alcuni concetti …

Molte persone pensano che la tossicodipendenza, la tolleranza e la dipendenza siano le stesse, ma in realtà ogni termine definisce concetti diversi su come un farmaco può influenzare il nostro corpo.

Tolleranza

Il livello di tolleranza a una sostanza è ciò che ci fa sentire un effetto maggiore o minore quando la consumiamo. Un aumento della tolleranza implica che la sostanza in questione non produce più la stessa reazione, le stesse sensazioni di quando l’utente ha iniziato a usarla. Pertanto, per ottenere lo stesso effetto, è necessario aumentare la dose.

Dipendenza

La dipendenza da una sostanza implica che la persona che ne soffre soffra di una serie di reazioni fisiche e mentali che vengono definite sindrome da astinenza, queste possono essere lievi o addirittura fatali a seconda della sostanza da cui si è creata la dipendenza. Sono molti, infatti, i casi di pazienti che sono diventati dipendenti da determinati farmaci, e hanno dovuto interrompere gradualmente l’assunzione per ridurre l’intensità dei sintomi di “mono”. Tuttavia, le persone che dipendono da una sostanza non ne sono necessariamente dipendenti.

Dipendenza

A differenza della tolleranza o della dipendenza, la dipendenza è una malattia cerebrale cronica. È caratterizzato dalla necessità di consumare compulsivamente una sostanza nonostante ciò abbia conseguenze negative. È considerato un disturbo mentale che può portare a comportamenti che mettere in pericolo la salute o l’integrità della persona e che, come la dipendenza e la tolleranza, si verifica con l’uso ripetitivo di sostanze.

La marijuana crea tolleranza?

Sì. Come regola generale, quando l’utente ha un consumo abituale che dura nel tempo, alla fine finisce per aumentare la dose per ottenere lo stesso effetto. Anche in alcuni casi in cui l’uso di cannabis è abusivo, l’utente genera un livello di tolleranza così alto da non essere più in grado di sentire la psicoattività della cannabis.

La marijuana crea dipendenza?

Diversi studi suggeriscono che il consumo abusivo e abituale che dura nel tempo può generare dipendenza dalla sostanza. Sebbene il livello di dipendenza sia molto più lieve di quello di altri farmaci psicoattivi, secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM IV-R, tra il 5% e il 10% dei consumatori di cannabis soddisfa i criteri di dipendenza.

È stato dimostrato che in alcuni casi in cui l’uso è abusivo e prolungato, l’utente può soffrire di sindrome da astinenza quando interrompe l’uso della marijuana. I sintomi che un consumatore dipendente dalla cannabis potrebbe soffrire se smette di usare la sostanza sono:

  • Ansia
  • Difficoltà a dormire e disordini del sonno
  • Perdita di appetito
  • Irritabilità

Fattori di rischio per lo sviluppo della dipendenza da cannabis:

  • Inizio del consumo in tenera età. Diversi studi indicano che le persone che iniziano a usare la cannabis regolarmente durante l’adolescenza hanno maggiori probabilità di sviluppare dipendenza da questa sostanza e un modello di consumo che crea dipendenza.
  • Un’alta frequenza di utilizzo della sostanza.

Quali sono i sintomi della dipendenza dalla marijuana?

  • L’utente genera tolleranza alla sostanza: la necessità di aumentare progressivamente la dose per ottenere l’effetto desiderato.
  • Soffre di sindrome da astinenza quando il consumo cessa.
  • Bisogna ricorrere alla sostanza per sentirsi bene.

 La marijuana crea dipendenza?

Come abbiamo spiegato sopra, la dipendenza è considerata una malattia mentale che provoca il consumo compulsivo di una o più sostanze o porta il paziente a svolgere un’attività compulsiva, come nel caso del gioco d’azzardo. L’uso a lungo termine e abusivo della cannabis può portare alla dipendenza da questa sostanza. Questi sono alcuni dei sintomi che possono indicare un modello di consumo di dipendenza:

  • Aumento dei consumi oltre quanto inizialmente previsto.
  • Sensazione di frustrazione , di perdita della libertà personale, poiché il consumatore desidera o tenta di smettere di usare la cannabis, senza successo.
  • Ossessione: la cannabis occupa una parte importante delle priorità dell’individuo e nella loro vita quotidiana, spesso la persona con un pattern di dipendenza dalla cannabis trascorre molto tempo su questioni relative alla cannabis, sia per ottenerla che per consumalo.
  • La vita sociale del consumatore ne risente, la sua attività lavorativa, sociale o ricreativa viene ridotta.
  • Perdita di controllo: incapacità di limitare o controllare i consumi. L’individuo non si sente in grado di interrompere l’uso di cannabis nonostante sia consapevole che sta influenzando negativamente lui e / o il suo ambiente.
  • Negazione: l’utente nega che il suo consumo sia dipendenza o eccessivo e adotta un atteggiamento difensivo se qualcuno indica che potrebbe avere un problema.

Quali fattori possono innescare la dipendenza dalla marijuana?

Non esiste uno schema stabilito su quali siano i fattori che possono indurre dipendenza, in realtà ci sono diverse variabili che possono intervenire in misura maggiore o minore. Attualmente la dipendenza è considerata una malattia mentale che può essere causata da diversi fattori:

  • Predisposizione genetica
  • Contesto culturale e sociale
  • Contesto economico e politico
  • Fattori personali: ambiente familiare, ambiente sociale, stress, traumi.
  • Metodo e via di consumo
  • Frequenza d’uso
  • Stile di vita associato

Come funziona la biologia della dipendenza?

Il sistema di ricompensa nel cervello è una rete neurale che quando attivata produce una sensazione di piacere. Il suo obiettivo è far sì che l’individuo svolga determinate attività fondamentali per la sua sopravvivenza come l’alimentazione, il sesso per riprodursi, ecc.

Il sistema di ricompensa funziona attraverso un neurotrasmettitore chiamato dopamina che svolge un ruolo molto importante nella motivazione, nella pianificazione a lungo termine, nel processo decisionale, ecc.

Come funziona questo sistema di stimolo cerebrale?

Facciamo un esempio, se il nostro corpo ha bisogno di nutrirsi, sicuramente quando vediamo il cibo il nostro cervello rilascerà dopamina per generare l’impulso necessario per cercare di accedere a quel cibo, così facendo proveremo una sensazione di piacere. Esistono gradi maggiori e minori di stimolazione dopaminergica, che a loro volta producono sensazioni di piacere maggiori o minori.

In altre parole, quando i neuroni sintetizzano e rilasciano la dopamina, questo composto finisce in molte parti del cervello, compreso il cosiddetto nucleo accumbens, chiamato anche “centro del piacere del cervello”, quando la dopamina attiva quest’area, che riteniamo sia una sensazione di piacere.

I farmaci, in generale, quello che fanno è stimolare questo centro del piacere in modo esagerato, cioè la quantità di dopamina che raggiunge il nucleo accumbens è molto più alta di quella che arriverebbe se la stimolassimo attraverso altri input come lo sport, il sesso , eccetera.

In questo modo, questo nucleo rimane stimolato in modo esagerato per un tempo più lungo. Il cervello, per proteggersi da questi stimoli “esagerati”, riduce il numero di recettori sulla membrana postsinaptica, in modo che meno dopamina raggiunga il nucleo accumbens e lo stimoli eccessivamente. È così che si crea la cosiddetta tolleranza, motivo per cui l’individuo ha bisogno di dosi crescenti di quella sostanza in modo che la stimolazione a quell’area di piacere sia la stessa.

A loro volta, tutti quegli stimoli quotidiani che dovrebbero generare motivazione attraverso il sistema di ricompensa (praticare sesso, mangiare, fare sport, stabilire legami sociali), smettono di produrre lo stesso piacere, poiché lo stimolo dopaminergico è molto inferiore a quello prodotto dalla sostanza e in a turno il numero dei recettori è stato ridotto, per questo le persone che soffrono di dipendenza mostrano spesso un atteggiamento apatico e / o depressivo.

Ci sono studi che affermano che l’uso abusivo e prolungato nel tempo della cannabis influisce sul sistema di ricompensa del cervello e che, quindi, può generare comportamenti di dipendenza. Alcuni studi sembrano indicare che questi neuroadattamenti nel sistema di ricompensa del cervello prodotti dai cannabinoidi sono gli stessi di quelli prodotti da altre droghe d’abuso e, quindi, sebbene la marijuana non sia una sostanza altamente coinvolgente come altre come eroina. Sì, c’è un certo rischio di sviluppare dipendenza dalla sostanza se viene usata in modo abusivo e cronico. Alcuni consumatori di cannabis che lo fanno regolarmente sviluppano atteggiamenti di consumo compulsivo che hanno conseguenze negative sul loro stile di vita.

Come combattere la dipendenza dalla marijuana?

Sebbene sia vero che la cannabis non genera lo stesso livello di dipendenza e assuefazione di altri tipi di sostanze, anche quelle legali come alcol. Non è vero che il suo consumo eccessivo e prolungato non abbia conseguenze. Oggi esistono terapie specializzate e centri che possono curare la dipendenza da marijuana. Il primo e più importante passo è che la persona che soffre di dipendenza sia in grado di riconoscere il problema e ottenere informazioni sulla propria situazione e su come risolverla.

Il passo successivo è cercare aiuto, assistenza medica specializzata per ridurre o interrompere completamente il consumo. Anche il recupero di alcune linee guida sullo stile di vita sano, come praticare sport e il sostegno di amici e familiari, è molto importante nei processi di riabilitazione.

  • Sale!
    burbuka hashis cbd

    BURBUKA HASHISH CBD < 28% DIABLO

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 13.00
    8.00320.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    charas, hashish legale, panetta di fumo, hashish tipi

    CHARAS LEGALE | HASHISH INDIANO CBD < 34%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 9.3|€ 13.30
    9.30339.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

Il tuo carrello