canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale

Olio CBD: di cosa si tratta e che effetti ha

Olio Cbd

Come funziona il CBD?

L’olio di CBD è quello che viene ottenuto semplicemente estraendo il cannabidiolo dalla pianta di cannabis. Di conseguenza, questa sarà diluita in un olio e si potrà usare in diversi tipi oli chiamati oli vettori. Gli oli più utilizzati sono l’olio di oliva, l’olio di canapa e l’olio di sesamo. L’olio di CBD ha al suo interno il CBD, ma anche terpeni: ovvero dei cannabinoidi che sono nella pianta di cannabis. Il cannabidiolo è un cannabinoide che non ha effetto psicoattivo, quindi non dà effetto sballato.

 

Per comprendere a pieno come funziona il CBD, diventa necessario comprendere il sistema endocannabinoide. Infatti, tale sistema è quello responsabile della gestione di tutti i diversi processi vitali come il sistema nervoso, il sistema immunitario e il sistema digerente. Appunto, se si ha una interruzione del sistema endocannabinoide si impedirà ai recettori di svolgere il ruolo in modo ottimale, dunque l’effetto CBD rende i recettori molto più attivi e stimolati al fine di lavorare efficacemente in tutto il corpo.

 

Il CBD contro il dolore

Se si ha un dolore cronico o fisico, possiamo alleviarlo utilizzando l’olio CBD. Ciò funziona perché va ad influenzare in modo naturale i nostri recettori degli endocannabinoidi o dei neurotrasmettitori, così verrà ridotto il dolore riducendo l’infiammazione nel corpo. Tutti gli effetti analgesici e antinfiammatori sono stati dimostrati da più studi, di cui ve ne è uno che è stato condotto sui ratti ed è stato individuato il fatto che l’assunzione orale di CBD riduce il dolore e l’infiammazione del nervo sciatico.

CBD contro ansia e depressione

I disturbi mentali quali la depressione, ansia, panico e disturbo ossessivo-compulsivo si possono trattare anche con l’olio di CBD, visto che ha una alta capacità di agire sul cervello regolandone l’umore. Dato che conferisce effetti promettenti e comparabili con gli antidepressivi, CBD non produce degli effetti collaterali, è un componente naturale. L’olio di CBD viene usato nel trattamento dell’insonnia e anche dell’ansia nei bambini che hanno avuto un disturbo da stress post-traumatico.

 

Olio CBD per animali

Se avete degli animali domestici un po’ squilibrati, su Justcanapa potrete acquistare il miglior olio al CBD della nuova linea SATIVA. Con questo Olio al CBD Pets di Sativa, utilizzando un dosaggio studiato per essere benefico, potrete fargli del bene. Al vostro animale piacerà molto, dato che è al gusto di olio di salmone selvatico dell’Alaska ricco di omega3.

 

Olio CBD Canapa

Olio CBD alla Canapa full spectrum è un altro tra i più buoni che sono disponibili sullo shop del nostro sito Justcanapa. Il Cannabidiolo si utilizza per tante terapie del dolore, è un rilassante orrimo e non ha nessun effetto psicotropo.

Olio CBG

Questo olio CBG è tra i più particolari che troverete sul nostro shop, viene fatto con la migliore canapa coltivata in modo totalmente naturale e non contiene prodotti chimici o additivi. Potrete provare la purezza e anche una qualità che non va ad interferire con i principi attivi degli ingredienti.

 

Il CBD ha effetti indesiderati?

L’olio di CBD si può usare anche contro tante patologie, per esempio per la lotta contro la dipendenza e l’astinenza, per la prevenzione del morbo di Alzheimer e del morbo di Parkinson, come trattamento dell’acne, ecc. Ma, anche se è sicuro e ben tollerato dal corpo umano, ci sono delle persone che potrebbero  sperimentare degli effetti più o meno indesiderati. Tra le varie reazioni collaterali, si possono menzionare la stanchezza, la perdita di appetito, la perdita di peso e la diarrea.

 

Approfondimenti Olio CBD

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

Ganja e consumo: dove trovarla e come consumarla

Ganja E Consumo

Anche se di recente si va ad acquistare molto sul web, non è detto che tutti i siti siano in regola, sul nostro sito sarà possibile trovare i prodotti di ganja legale online. Questo è dovuto perlopiù al fatto che ci saranno tante opzioni legali e anche tipologie di ganja diversi. Ma che cosa è la ganja? Lo scopriamo in questo articolo e andremo a conoscere tutti i prodotti disponibili all’interno del nostro shop Justcanapa!

Cos’e la ganja

 

La ganja, che è conosciuta molto più facilmente come marijuana, fa parte di quell’agglomerato di foglie secche e di fiori di semi della pianta di canapa. Il suo principale principio attivo si chiama delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), ha effetti psicoattivi, ma c’è anche il cannabidiolo CBD, che, a differenza del THC, non avrà nessun effetto psicoattivo.

Prodotti Justcanapa

 

Sul nostro shop, si possono trovare tanti prodotti come la cheese ganja, un tipo di infiorescenza che nasce dall’ibridazione di due migliori varietà Skunk, che hanno un alto contenuto di CBD, con un sapore di formaggio e di mirtilli.  Questa tipologia è conosciuta anche come blue weed, cannabis cheese, cheese marijuana. La blueberry weed è quella che viene ottenuta da coltivazioni al 100% di infiorescenze di cannabis sativa che sono di alta qualità.

La marijuana blueberry weed o anche blueberry ganja è sempre coltivata senza utilizzare additivi chimici o insetticidi, viene lavorata e raccolta a mano. Questa è una tipologia sativa. Nel particolare, i fiori, presentano una dimensione medio piccola, molto simile a quella della blueberry cheese weed, con fiori compatti e presenza di pistilli arancioni.

Sapore CHEESE WEED BLUBERRY WEED

 

Il sapore e l’odore di questa tipologia di ganja al formaggio e mirtilli della blueberry ganja è dovuto alla presenza degli acidi all’interno dei terpeni. Questi acidi sono la causa del suo odore e di altre proprietà medicinali. Tra tutti i vari responsabili si avrà l’acido caproico, che di solito si trova nei grassi animali ed è quello che conferisce il tipico odore di ammuffito, ma anche l’acido isovalerico, che ricorda un odore più sgradevole come quello del gorgonzola. La cheese cannabis, invece, è quella che si differenzia per il sapore particolare che fa ritornare in mente il sapore del formaggio, ma con rimandi agli agrumi. Alla fine, si avrà un sapore fresco e agrumato.

 

 Come si riconosce la ganja

 

La ganja si riconosce per il semplice fatto che assomiglia a un miscuglio di materiale vegetale che viene tritato, verde con tendenze marroni. Può anche variare per l’aspetto in base a come viene preparato o confezionato.

Cosa fa la ganja alle nostre cellule

 

Le membrane delle nostre cellule nervose che sono nel cervello sono tutte quelle che vanno a rappresentare i ricettori legati al THC. Per tale motivo esistono diverse reazioni, alcune possono portare le persone anche ad avere alterazioni di umore. Ma, quando si assume la ganja che è priva di THC, come quella venduta nel nostro shop, faremo riferimento a un prodotto che non dà alcun effetto psicoattivo, ma conferisce calma e di relax.

 

 Come si può consumare la ganja

 

Il modo conosciuto e comune di consumare la ganja è quello di fumarla. Anche se di solito si arrotola con il tabacco per formare una sigaretta, uno dei metodi migliori è fumarla in una pipa o bong. Ma può anche essere utilizzata come condimento alimentare.

Approfondimenti sulla Ganja

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

Cannabis Mango Haze caratteristiche

Mango Haze Caratteristiche
  • Sale!
    BABY BOOM - Canapa Light

    BABY BOOM CANNABIS LIGHT CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 11.00
    8.20349.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba, ganja

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED – GANJA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota

 Mango Haze Un fiore di canapa naturale al 100% che migliorerà la tua esperienza  aggiungendo un tocco di sapore diverso alla tua marijuana, senza sostanze tossiche .

Caratteristiche Fiori Mango Haze

Justcanapa.it presenta la Mango Haze in una confezione da diverse unità . Provengono direttamente dalla Sardegna, dove i suoi fiori reali sono più popolari tra i consumatori di cannabis.

Ogni fiore di mango haze è realizzato con canapa naturale al 100% di qualità impareggiabile, vengono arrotolati singolarmente per facilitare la conservazione e mantenere la freschezza e il sapore di questo meraviglioso prodotto.

La busta contiene una chiusura per mantenere i tuoi fiori di mango haze in ottime condizioni una volta aperti.

Che sapore ha la Mango Haze?

I fiori hanno un leggero sapore per migliorare ulteriormente la tua esperienza di fumo.

Questo fiore viene fornito con il sapore di Mango Haze, una delle varietà più peculiari che esistono nel mercato della marijuana, in quanto combina un sapore agrumato, con chiari sentori di mango , con il sapore terroso delle varietà Haze, che ricordano l’hashish.

Perché usare i fiori di cannabis mango haze?

I fiori di mango haze sono realizzati con canapa naturale al 100%. Ciò significa che non hai bisogno di alcun additivo per una buona combustione , consentendo ai tuoi verdi di prendere fuoco facilmente e di non perdere un colpo a metà giunto.

i Fiori di mango haze sono privi di tossine.

 

Approfondimenti su Mango Haze

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

Hashish Nepalese – Il piccolo dizionario delle varietà di hashish

Hashish Nepalese
  • Sale!
    BABY BOOM - Canapa Light

    BABY BOOM CANNABIS LIGHT CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 11.00
    8.20349.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba, ganja

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED – GANJA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota

Il piccolo dizionario delle varietà di hashish

In teoria, l’hashish (resina di cannabis) può essere ottenuto anche in qualsiasi parte del mondo in cui prospera la canapa psicoattiva. In alcuni paesi, tuttavia, tradizionalmente o in seguito alla domanda internazionale, si era instaurata una cultura della coltivazione della canapa specifica per la produzione di hashish. Di conseguenza, i loro prodotti determinavano il mercato. Nella sola Repubblica federale di Germania, le vendite di prodotti a base di cannabis, che fino alla fine del XX secolo erano principalmente chiamati hashish, erano stimate tra 400 e 900 tonnellate all’anno. Come risultato del boom della coltivazione di incroci ibridi molto potenti che ha avuto inizio nei primi anni ’90, principalmente indoor in condizioni di luce artificiale e controllate, inizialmente in Olanda, temporaneamente in Svizzera e infine in Germania, Austria, I fiori di canapa Sinsemilla ora dominano il mercato nella Repubblica Ceca e in Belgio. I resti ricchi di resina di fiori e foglie che nascono durante la loro produzione vengono setacciati, ad esempio con il setaccio a tamburo automatico (“Pollinator”), mediante filtrazione dell’acqua ghiacciata (“Ice-o-later-Bags”, “Bubble Bags”) , setacciatura con ghiaccio secco e prodotti simili ottenuti dall’hashish. Negli ultimi anni, tuttavia, la non innocua produzione di estratti concentrati idonei all’inalazione mediante evaporazione (“dabbing”), in particolare con l’ausilio di gas butano liquido (“estrazione dell’ape”, “BHO”) e dimetiletere liquido ( “DME”) è stato sperimentato. ) ma anche altri solventi (professionalmente analoghi all’estrazione del luppolo con anidride carbonica liquida) un boom. Dove c’è abbondanza i fiori stessi sono usati anche per produrre hashish ed estratti. Tuttavia, c’è ancora una domanda di hashish “vecchia scuola” importato esotico tra i cannassisti. Nei paesi in crescita, le persone stanno rispondendo alla mutata domanda introducendo varietà ibride ibride internazionali più potenti e più potenti e l’introduzione di nuove tecniche di estrazione dell’hashish (metodi di setacciatura, tecnica ice-o-later) ed estrazioni di petrolio. Poiché l’hashish è un prodotto naturale, simile al vino, c’era ed esiste una varietà illimitata di qualità fluttuanti. Nei paesi in crescita, le persone reagiscono alla mutata domanda introducendo varietà ibride ibride internazionali più potenti e più potenti e l’introduzione di nuove tecniche di estrazione dell’hashish (metodi di setacciatura, tecnica ice-o-later) ed estrazioni di petrolio. Poiché l’hashish è un prodotto naturale, simile al vino, c’era ed esiste una varietà illimitata di qualità fluttuanti. Nei paesi in crescita, le persone reagiscono alla mutata domanda introducendo varietà ibride ibride internazionali più potenti e più potenti e l’introduzione di nuove tecniche di estrazione dell’hashish (metodi di setacciatura, tecnica ice-o-later) ed estrazioni di petrolio. Poiché l’hashish è un prodotto naturale, simile al vino, c’era ed esiste una varietà illimitata di qualità fluttuanti.

Sfortunatamente, poiché non esistono analisi di prodotto complete, affidabili e scientificamente fondate e descrizioni di produzione per i consumatori, questo articolo ha lo scopo di approssimare la varietà di prodotti in modo giocoso, per estratti e senza alcuna responsabilità sotto forma di un piccolo, piuttosto aneddotico lessico. In condizioni di mercato nero, le dichiarazioni sui nomi non offrono alcuna garanzia che il prodotto pubblicizzato corrisponda all’immaginazione dell’acquirente. Per cogliere l’opportunità, qui è necessaria una consulenza ai consumatori basata sul controllo di qualità sui prodotti di canapa psicoattiva e la legalizzazione, ovviamente.

In nessun caso questo elenco deve essere frainteso come un suggerimento per acquistare o consumare prodotti a base di cannabis che sono ancora vietati. Si tratta solo di testimonianze giornalistiche di condizioni reali o immaginarie, basate essenzialmente su numerose fonti anonime.

MAROCCO

Nonostante la concorrenza della coltivazione indoor di marijuana di incroci ibridi in condizioni artificiali, ormai diffusa in Europa, il Marocco è ancora il principale fornitore di grandi quantità di hashish per il mercato dell’Europa occidentale. A causa delle dimensioni delle regioni di coltivazione, della varietà delle aree e delle tecniche di coltivazione, dell’introduzione di semi e di nuovi metodi di produzione, il paese inizia con una gamma di prodotti a malapena gestibile. Tipicamente, i marocchini venivano e si trovano tuttora sul mercato nell’Europa occidentale come piatti duri di colore bruno giallastro (“verde”, “piatto”, “mattone”) ottenuti mediante setacciatura e pressatura meccanica. Da qualche anno si commerciano anche piatti rotondi da 100 grammi e palline da 200 grammi. In Gran Bretagna, la “saponetta” da 250 grammi in forma di sapone è ancora popolare oggi. I piccoli contrabbandieri spesso portano pellet da 10 grammi compatibili con la digestione a base di hashish di alta qualità. Mentre in passato i “Ki (e) f” (grappoli di frutta) per l’affumicatura tradizionale venivano coltivati ​​in pipe Sebsi a stelo lungo, la produzione di hashish per il mercato internazionale è iniziata negli anni ’60. La produzione era aumentata continuamente dalla fine degli anni Sessanta al XXI secolo. Nel 2003 ha raggiunto la massima superficie di coltivazione e produzione. Dalla tradizionale area di coltivazione nelle montagne centrali del Rif (provincia di Chefchaouen con il centro Ketama e parti di Al Hoceima) si era espansa nelle province limitrofe di Larache e Taounate. Nel 2005, a seguito dei rapporti delle Nazioni Unite, è stata effettuata la repressione statale. L’hashish di queste regioni era comunque considerato inferiore.

“Zero Zero” (pronunciato “Siero Siero”), “00” o “Doppio-0”
è puro hashish dalla polvere di testa della ghiandola di resina della prima setacciatura fine e accuratamente eseguita. La sua potenza è alta, da intensamente stimolante a psichedelica, non dura troppo a lungo senza stancarsi troppo. “Zero Zero” è spesso solo leggermente pressato, ma comunque compatto, lievita bene, deliziosamente aromatico, un vero prodotto naturale. Brucia relativamente velocemente. “Zero Zero” si è guadagnato una buona reputazione tra gli stoner. Il nome deriva dal grado di finezza del setaccio in tessuto di seta utilizzato, che è teso su una ciotola e attraverso il quale la polvere della testa della ghiandola di resina fine deve gocciolare con solo un leggero scuotimento. La polvere “Zero Zero” non pressata, di colore marrone dorato, può essere fumata facilmente anche non pressata, ma è molto raramente sul mercato a causa del suo volume e della difficoltà di contrabbandare. Per inciso, le teste ghiandolari non pressate spesso conservano i principi attivi e gli aromi meglio dell’hashish spremuto da loro. Questo è il motivo per cui molti produttori conservano la polvere di hashish e la pressano solo nella forma desiderata per la spedizione. Questo offre anche la possibilità di mescolare o allungare adattato al cliente.

“Tblisa Hash”
anche Twesla, Twizla, Tbizla, Tibizla, Tbizla, Tabizla, ecc. è un ottimo hashish del tipo “Zero Zero” chiamato, in cui teoricamente va usata solo la polvere di resina che sta nel mezzo durante il primo setacciando la tavoletta posta sotto il setaccio si era arruffato. Questo termine è generalmente usato per l’hashish finemente setacciato di alta qualità dei piccoli contrabbandieri e si è diffuso negli anni ’90.

“Doppio Zero Zero”, “Doppio 00” o “0000”
è il nome di un setaccio speciale giallo dorato che viene prodotto solo in piccolissime quantità su richiesta in Marocco. Le piante selezionate vengono setacciate con estrema attenzione in modo che solo le teste ghiandolari resinose e quasi nessun pelo di cistolite, parti di piante e polvere gocciolino. Questo eccellente hashish è notevolmente più costoso e non raggiunge quasi mai il mercato aperto (nero). Per indicare gradi di setacciatura e qualità particolarmente elevati o fini, nel marketing si gioca spesso con gli zeri. Viene offerto anche “Triplo Zero”.

“Zero” o “0”
indica la seconda setacciatura attraverso un setaccio di tessuto un po’ più grossolano con maglia “0”. Contiene chiaramente anche parti di fiori non psicoattive, in particolare peli di cistolite, e non è altrettanto potente. Ma poiché non è stato allungato, offre le proprietà di un prodotto naturale di canapa marocchino concentrato, che molti fumatori considerano positivo, ad un prezzo relativamente basso. “Zero” viene già premuto più forte, presumibilmente per impatto, ma di solito può essere sbriciolato a mano.

“Casablanca” dal
nome della più grande città del Marocco, è un buon marocchino del tipo “Zero” dall’effetto chiaro, stimolante, psichedelico-euforico, che, sbriciolato nel tè, ha un forte aroma simile allo zenzero. I cannabinoidi e i terpeni nelle infiorescenze della canapa e nell’hashish hanno anche proprietà aromatiche intense di spezie e sono quindi stati utilizzati per motivi culinari in varie bevande, dolci e piatti per molti secoli. Casablanca è una moderna città portuale, un centro di riciclaggio di denaro sporco per i grossisti di hashish e atmosferica rappresenta un roboante film di spionaggio con Humphrey Bogart.

“Special Casablanca”
dovrebbe essere definito un Marocco di prima classe del tipo “Casablanca”, che odora di eucalipti e pini.

“Sputnik”
sta per hashish di ottima qualità, divenuto famoso all’inizio degli anni ’80. Sfortunatamente, come con altre varietà, non tutto ciò che viene offerto sul mercato nero con un nome melodioso corrisponde anche a ciò che viene pubblicizzato. “Sputnik” è marrone scuro, contiene molte ghiandole ed è di conseguenza resinoso, ma sembra ancora un po’ ruvido e pesante. La potenza è molto alta, l’alto profondo, persistente e psichedelico, completato da una nota fisica pronunciata. Si dice che sia stato premuto dal primo screening di piante selezionate che sono cresciute in luoghi rocciosi e selvaggi più alti nelle montagne del Rif. Il nome potrebbe derivare dal fatto che esplode come un razzo Sputnik.

“Chocolata”
è il nome di una specialità così ambita ed esclusiva da essere largamente consumata in Marocco. Si tratta di hashish nero-verdastro lavorato a mano e non represso, che si dice sia ottenuto da piante che si trovano ancora in campo prima del raccolto vero e proprio. Questo dolcetto arriva sul mercato in quantità da 20 a 50 grammi al massimo nelle tipiche piccole lattine rotonde. La regola qui è che più piccolo è il commercio, migliore e più nobile è l’hashish. La “cioccolata” ha la reputazione di essere una “droga della buonasera” delicata e molto potente.

“Marocco nero” o “Marocco nero”
di solito è un hashish molto potente simile alle varietà mediorientali. Ha un odore insolito e di menta. Il suo effetto viene fornito con un effetto di ritardo, “subdolo”, piuttosto psichedelico, qualunque cosa tu voglia dire con questo. Di tanto in tanto raggiunge il mercato spagnolo o addirittura centroeuropeo, ma solo in piccole quantità. “Black Maroc” e altre eccezionali varietà marocchine possono essere spremute a mano con grande sforzo. Per allora, al più tardi, l’hashish assumerà un colore marrone-nero. Tuttavia, i colori scuri da soli non sono una garanzia di qualità. Possono anche provenire da additivi. Si dice che il “Marocco Nero” si ottenga da piante con geni afghani o pakistani (si diceva fosse in discussione anche la regione himalayana), le cui infiorescenze sono state fatte fermentare prima di ulteriori lavorazioni. L’hash è stato probabilmente pre-pressato a mano e poi ri-pressato a macchina. Comunque sia, la gamma di hashish prodotto in Marocco, in particolare, è in continua evoluzione a causa dei nuovi semi internazionali introdotti dai commercianti e dei “nuovi” metodi di lavorazione.

“Gardella”
Ovviamente in diversi livelli di qualità (probabilmente setacciatura) si verificano da luce piuttosto media (“come il giallo libanese”) a “nero” scuro Maroc, le cui piante originali dovrebbero provenire da semi dal Pakistan, opzionalmente dall’Afghanistan (contro un CBD medio per il Marocco -Contenuto nei campioni analizzati) o (a causa del fatto che tendono ad essere meno cespugliose, piante ad alto fusto piuttosto improbabili) è stata introdotta l’India settentrionale (Manali). Forse dovrebbero essere ibridi di queste piante con le tradizionali piante di hashish marocchine.

“Afgani”, “Pakistani”, “Arabi”, “Giamaicani”, “Messicani”, “Kashmir” e così via
Infatti, dai primi anni ’90, l’hashish da piante di canapa con genetica di origine pakistana-afgana è stato coltivato sempre più e su larga scala nelle montagne del Rif. Non è chiaro se i semi di queste piante provenissero effettivamente da questa regione o dall’Europa (Svizzera?). Mentre le varietà tradizionali di hashish della genetica della canapa kif marocchina possono essere raccolte solitamente da luglio ad agosto, a seconda dell’altitudine e dell’irrigazione, le nuove “indicas” solitamente irrigate artificialmente spesso sono seguite più tardi, fino a settembre o addirittura ottobre con quelle appropriate. essiccazione. L’hashish, che viene tradizionalmente setacciato (“tamburellato”) solo nella stagione fredda in autunno e in inverno, tendeva ad essere più scuro, più resinoso, più lavorabile, ottenuto da queste piante. meno stimolante ed edificante come il classico Maroc a predominanza di THC, ma potente. Si parlava di “afgano” o “pakistano”. Sempre più spesso, attraverso incroci o conta pollinica, sono emerse popolazioni genetiche miste, che ora forniscono una nuova varietà di prodotti con corrispondenti nomi di fantasia come “Scheherazade” e molti altri.
Si dice anche che grandi quantità di semi per nuovi campi sperimentali siano stati acquistati da altri paesi o in base alla loro origine genetica. Per quanto riguarda l’hashish da esso ottenuto, si parlava di “Jamaicans” (presumibilmente di incroci ibridi basati sulla direzione Skunk-Haze ecc. riconosciuta a livello internazionale), “Mexicans” (presumibilmente “sativa” -dominante), ” arabi” (presumibilmente semi del Libano che si dice siano stati introdotti nella popolazione regionale di piante di kif in passato), che non gode di una reputazione speciale (resinosa, ma non molto potente e con prevalenza di CBD), e “Kashmir” ( dovrebbe essere “indica” dominante).
Negli ultimi anni c’è stato un altro drastico cambiamento. Varie varietà ibride internazionali importate dall’Europa sono coltivate su larga scala con l’aiuto dell’irrigazione artificiale. In futuro ci si può aspettare una maggiore varietà di prodotti. Nelle analisi di laboratorio delle autorità inquirenti, lo sviluppo si riflette nei livelli di THC spesso molto elevati, intorno al 16-20% e con valori di picco ben oltre. Nel caso delle merci sfuse, è stata misurata solo una media dell’8%.

L’hashish setacciato da incroci ibridi internazionali coltivati ​​all’aperto in Marocco viene offerto con nomi melodiosi come “Shiraz”.

“Bubble Morocco” si riferisce all’hashish ottenuto con la tecnica “Ice-o-later”, che sta diventando sempre più popolare. L’”Ice Moroccan” ora può essere trovato regolarmente nei menu delle caffetterie di Amsterdam all’estremità superiore della fascia di prezzo per il Marocco, di solito (ma non necessariamente) più economico del costoso “Ice-O-lator” olandese prodotto “localmente” prodotti.

Si dice anche che “Triple X” sia un prodotto ottenuto con questa tecnologia.

“Rifman hash” e “block hash”. Varietà di hashish del tipo “Zero Zero” ottenute da incroci ibridi olandesi sotto guida olandese con, secondo le loro stesse dichiarazioni, standard di qualità più elevati di quelli consueti in loco in Marocco nelle tradizionali aree di coltivazione all’aperto diventano interessanti qualità diverse a causa delle piante originali e il luogo di coltivazione (terroir) Distribuito sotto vari nomi da fornitori professionali attraverso i coffee shop olandesi. Tipici sono il THC relativamente alto con un basso contenuto di CBD. “Rifman” (con nomi di varietà come “Noor”, “Malika”, “Habibi”, “Nadira”, “Laila” ecc.) e “Block” (da “Amsterdam Genetics” / “The Block Doc” con ciascuno dopo il punto di partenza (varietà grasse chiamate hash “block”) sono marchi dei loro rivenditori che dovrebbero garantire la qualità dei loro prodotti.

Attualmente c’è un notevole potenziale di cambiamento qui su molti livelli. In futuro, più coltivatori vorranno aumentare significativamente le loro rese e la potenza e la qualità dei loro prodotti sotto la pressione della concorrenza, nonché attraverso ulteriori varianti nella metodologia di estrazione della resina e l’estrazione, che è stata a lungo praticata in Marocco , per la produzione di concentrati di olio, che a loro volta sono misti, sono adatti nuovi prodotti di hashish. Tuttavia, continuano ad arrivare sul mercato prodotti di qualità inferiore, ad esempio “lievitante” allungata con polvere vegetale (canapa) e prodotti “bollenti” mescolati con concentrati di zucchero liquido e altri diluenti.

“Agadir”
prende il nome dalla città portuale, che è anche un centro turistico e di esportazione. Si dice che sia un hashish scuro con una morbidezza quasi afgana, un buon gusto e una buona potenza. “Qualcosa per gli amanti del Marocco. Sarà tutto interessante”.

“Balls”, in Olanda “real puntjes”
è un hashish potente e molto rimbombante che si presenta in palline che possono essere impastate a mano quando è caldo; una specialità che si dice sia fatta solo da una (grande) famiglia. Un prodotto simile a base di hashish setacciato è commercializzato in Olanda con il nome di “Warme Oor” (“Warm Ears”) per la sua lavorabilità.

“Sahara sand” o “Sahara”
è un ottimo “light day hash” che ti fa sballare senza stancarti troppo. È voluminoso perché viene pressato solo molto leggermente, presumibilmente dal suo stesso peso, la cosiddetta pressione portante. Può essere sbriciolato senza riscaldamento, si sente sabbioso e ha anche un colore giallo come la sabbia chiara del deserto. Nessun estensore rovina il gusto relativamente delicato. “Sahara” è un hashish del tipo “Polle”, che gli intenditori amano definire “reale”.

“Polle”, “Pollen” o “Polm”
è un nome originariamente utilizzato dagli europei per una polvere di hashish non pressata fine come il polline maschile. NON è costituito dal polline inefficace, ma, come le altre varietà di hashish, è costituito principalmente dalle ghiandole di resina, che provengono principalmente dai fiori femminili e dalle foglie che li circondano. Il “polline” di solito non viene premuto troppo forte. Questo hashish è disponibile in varie qualità da “commerciale” fino a “super polline”. Le migliori varietà sono alla pari con le qualità zero. ”Particolarmente buono hashish del tipo “polline” arriva, ad esempio, come “polline a cuscino”, pressato in blocchi a forma di cuscino da 100 grammi, o anche meglio come cosiddetto“ Una qualità ”a circa 50 grammi in commercio. La regola più piccola – la più fine – si applica qui (ma non è necessario).
L’hashish relativamente scuro e pressato delle montagne del Rif veniva venduto come “polline berbero”.
In quale forma arriva sul mercato il “polline di salsiccia” è un’ipotesi.

Per diversi anni, “Kif” o “Kief” è stato utilizzato per indicare la polvere di hashish non pressata di origine indeterminata ottenuta mediante setacciatura. In Marocco si parlava di baccelli femminili di canapa che originariamente venivano tagliati da semi, foglie e steli e venivano tradizionalmente fumati nella pipa Sebsi dalla testa piccola e dal lungo stelo mescolata a tabacco tritato. Le piante di canapa kif a predominanza di THC sono state utilizzate solo per la produzione di hashish dagli anni ’60, forse (parzialmente) ibridate con semi di canapa importati dal Libano. Oggi kif a volte si riferisce anche all’hashish pressato. I termini comuni “kiffen” e “stoner” derivano da kif. “Keif” descrive uno stato rilassato e “freddo” in Nord Africa.

“King Mohammed” (V)
Un hashish di alta qualità e più leggero del tipo super polline è chiamato “King Mohammed”. Onora il sovrano che i coltivatori di canapa nelle montagne centrali del Rif affermano di aver permesso loro di coltivare cannabis almeno per via orale all’inizio dell’indipendenza del Marocco nel 1954. Nel caso di Königs, tuttavia, hanno sempre mantenuto un basso profilo in pubblico.

“King Hassan” (II)
Un hashish più scuro del tipo superpolline che onora il re dittatoriale del Marocco, morto nel 1999, viene venduto come “King Hassan”. Sebbene il re abbia dichiarato nel 1992 in Marocco la “guerra alla droga” che ha contribuito a criminalità, violenza, ingiustizia e danni alla salute in tutto il mondo, non ha davvero cambiato la pratica dell’estrazione dell’hashish nelle montagne del Rif. Al contrario, gli affari sarebbero andati a gonfie vele ai suoi tempi.

“King Mohammed (VI) Twisla” o “Royal Twisla”
L’attuale re è considerato amico della cannabis dai berberi del Rif e produce persino il suo hashish reale. Dato che non può fumare tutto da solo, a volte una parte finisce sul mercato europeo. Se la qualità non è giusta, avresti almeno qualcuno con competenza a cui potresti rivolgerti con discrezione con il tuo reclamo.

“Giornali francesi”, “Carta”, “Francese” o “Franse krant” olandese
è il nome comune di un hashish che viene venduto in lastre relativamente sottili di circa 100 grammi, dieci delle quali vengono pressate insieme a strati intermedi di giornale marocchino francofono per formare una confezione da un chilo. Questa forma commerciale è disponibile anche con strati intermedi di carta assorbente. Non sembra poi così economico. Hashish dei grandi contrabbandieri. Agli occhi dei clienti, il rapporto qualità-prezzo di solito è giusto con questa varietà e vorrebbero che fossero lo standard per una “droga commerciale”. Tuttavia, la qualità del “Green Plate” o anche dell’”Euro Green” è notevolmente inferiore! (Oh hashish – ti temo!) Il francese è duro, relativamente “grasso”, si sbriciola facilmente, ha un effetto rilassante e può anche essere consumato per lunghi periodi di tempo (se deve esserlo). È preferibilmente fumato in una canna di tabacco,

“Disco”
ha una reputazione piuttosto brutta. Si dice che sia costituito dai residui polverosi di setacciatura e pressatura che si accumulano sul pavimento e vengono spazzati via. Di conseguenza, la sua potenza fluttua in modo significativo. È un hashish marrone scuro, duro e appiattito come un disco da hockey sul ghiaccio, che si sbriciola più di quanto non si alzi, brucia lentamente e ha un sapore da ruvido a graffiante. “Puck” è allungato più o meno male ed è tenuto insieme da agenti leganti. Si presenta in blocchi spessi e allungati di circa 250 grammi, che sono fortemente arrotondati sui lati. “Puck” può essere sorprendentemente potente a volte. Ma poi sembra piuttosto rimbombante, non esattamente stimolante o quello che si potrebbe definire creativo, decisamente non sociale, più come l’ultimo della sera,

“Saponetta” e “Europlatte”
Il cosiddetto hashish “soap bar” è ancora prodotto per il mercato britannico, principalmente in blocchi da 250 grammi. L’equivalente di questo sul mercato tedesco è “Euro” o “Record Punker”. Questo hashish pressato duro, lucido-scuro all’esterno, all’interno per lo più significativamente più chiaro, secco o sospettosamente appiccicoso, pressato a caldo e ad alta pressione è costituito nel migliore dei casi da setacci di terza classe con l’aggiunta di coloranti naturali ed è tenuto insieme da agenti leganti come la resina degli alberi. Ma non c’è nessuna garanzia nemmeno per questo. Potrebbe sempre andare peggio. In ogni caso, non si tratta più solo di hashish, ma di rischi per la salute. La potenza è da bassa a trascurabile. Tuttavia, di solito c’è ancora abbastanza per un Regno Unito positivo. Interessante per i bevitori, che come acrobati delle dita amano sbriciolarsi ritualmente per pochi soldi e vogliono vedere i carboni ardenti sgocciolare mentre fumano. La prossima cosa che sta per scendere sono i falsi di fatto, alcuni direbbero hashish post-fattuale.

“Sierra Ketama”
era il nome del primo hashish relativamente “selvaggio” che ha raggiunto il mercato dell’Europa centrale dal Marocco negli anni Sessanta. La forma tipica sono i piatti piani. Simile al classico Turk, ha un effetto “leggero”, psichedelico e stimolante. Una specialità per i nostalgici. Ketama è il centro commerciale centrale nel centro della provincia omonima e la principale area di coltivazione marocchina di canapa per la produzione di hashish, che si estende su gran parte delle montagne del Rif, in spagnolo per breve Sierra.

“Ketama Gold” o “Dahab Ketama”
sta per uno screening relativamente fine, ma non buono come “Zero Zero” della stessa area. Dahab in arabo significa “oro”.

“Ketama”
descrive un “hashish di utilità accettabile” leggermente speziato ottenuto da setacci più grossolani. Spesso gli strati sono riconoscibili. “Sposta il Marocco”. È descritto come stimolante e afrodisiaco.

I
piccoli contrabbandieri “Azila (h)” che ottengono l’hashish della più alta qualità possibile sul posto viaggiano tradizionalmente nei piccoli villaggi delle montagne del Rif nelle vicinanze del Ketama esposto. Azila (“Immazzouzane” in lingua berbera) è una delle più note. Come per il vino, i nomi di origine rappresentano le qualità locali. Sarebbero concepibili e auspicabili informazioni sull’ubicazione, etichette delle varietà, metodi di coltivazione (biologico?), tempi di raccolta e informazioni sui metodi di lavorazione. Ma quale centro di consumo controllerà in modo affidabile?!

“Hia Hia”, “Hya” o “Heya”
(che in marocchino significa “vita”, nome di una donna) odora anticamente delle prime esperienze di hashish. Un hash che ti fa tacere. Alta qualità, ma di solito un po’ troppo caro quando viene offerto.

“Bani”
dovrebbe anche essere una droga nostalgica popolare tra i clienti più anziani in Olanda. L’odore e il gusto dovrebbero farti pensare ai vecchi tempi. Un Marocco oscuro che ti fa piuttosto rincoglionito. “Sacco di droga per ripristinare il contatto con il suolo.”

“Uovo Marocco” o “Uovo Droga”
è arrivato sul mercato europeo a metà degli anni ottanta. Si tratta di hashish “artificiale”, che viene prodotto in preparazioni di diverse concentrazioni dal guscio di hashish (principalmente) di origine marocchina, e se si è fortunati, solo con riempitivi vegetali (compresa la polvere di foglie di canapa presumibilmente) ed è offerto in diverse fasce di prezzo a seconda alla potenza. Sfortunatamente, ci sono segnalazioni di contaminazione (ad esempio da film plastico). Spagna (“Almeria”), Olanda e Germania sono indicati come luoghi di produzione. Parte dell’olio può essere estratto dall’hashish confiscato e solo allora esportato, si diceva. La migliore “droga all’uovo” è scura, quasi nera, verdastra all’interno e pesante, cremosa, liscia grazie al suo alto contenuto di olio e sorprendentemente potente. L’effetto è violento, “oleoso”, “Digita tiracalzini” o “siediti”. “Egg maroc” spesso va sorprendentemente bene. Le qualità inferiori sono secche, dure e sode, ma possono anche essere abbastanza forti. I veri fan non erano in grado di vincere né l’olio di hashish né l’”uovo maroc”. L’effetto è forse troppo “sottile”. Il nome fa riferimento ad una tipica forma commerciale, ovvero la pressatura a forma di uovo.

“Caramellos”
è un’altra forma di preparazione per lo più molto potente con un gusto “oleoso” e uno sballo. Questi sono bastoncini rotondi e allungati dall’esterno dal marrone scuro al nero oleoso e nella sezione di colore marrone-verdastro con una consistenza cremosa simile al caramello. Si dice che questo prodotto, che viene offerto a un prezzo relativamente alto come hashish tipico dei piccoli contrabbandieri, sia un “vero” hashish marocchino arrotolato a mano che è stato messo nell’olio di hash per un po’ e solo allora confezionato.
La forma cilindrica simile a una cacca dei “caramellos” è stata per anni una forma standard per l’hashish fine, resinoso, pressato molto saldamente, solitamente di qualità da buona a molto buona (“bubble hash”), che deve vagare attraverso il tratto gastrointestinale avvolto in pellicola di plastica e inghiottito da piccoli contrabbandieri ambiziosi, prima che raggiunga il consumatore. Se il confezionamento e la dieta del volo erano subottimali, in occasione del presunto odore di Skatole, come la specia del deco di droga una volta, si parla di “merda”, che ha sempre fatto scattare segnali di allarme.

Per “commerciali” si
intendono varie miscele dei gradi di setacciatura grossolana pressate in lastre dure e asciutte, per lo più dalla terza setacciatura in giù, con un’elevata percentuale di parti di piante, spesso miscelate con additivi (caricanti e coloranti, spezie, esaltatori di consistenza, lievitazione e legante agenti); difficile da fumare, graffiante con virata debole non particolarmente pronunciata; rientra nella categoria di quello che viene chiamato sprezzantemente “targa verde” o “targa euro”; ha dominato il mercato tedesco tra la metà e la fine degli anni ottanta; viene presumibilmente preparato e fornito solo in parte su richiesta, ad esempio nei Paesi Bassi, da polvere di hashish importata da varie province (Marocco, Libano). Va notato che l’hashish dal Libano ora gode di uno status di rarità.
Nella tradizionale produzione commerciale di hashish per i grossisti in Marocco, è stata fatta una distinzione solo approssimativamente tra tre qualità di vagliatura. Il materiale vegetale essiccato non particolarmente contenuto di THC delle varietà tradizionali era chiamato “Kif”, la polvere marrone dorata setacciata dalla prima vagliatura “Sigirma”, quella verdastra dalla seconda vagliatura molto più debole “Hamda”. Il terzo setaccio è stato utilizzato per l’allungamento. La resa media era di 1 chilogrammo per 100 kg di “kif”.

Ulteriori nomi per l’hashish marocchino legati alla qualità sono “normale”, “medio”, “classe media”, “classe speciale”, “classe super”, “primo” e “premier”. Denominazioni come “honey marock” o “blümchenmarock” enfatizzano proprietà come colore, consistenza e odore e indicano qualità costose e potenti.
“Madelaine” era il nome di una varietà commerciale che è arrivata sul mercato nei film per imballaggio per piccole torte francesi (una società in bancarotta).

Chirac Royal è un nome ironico per l’hashish. Si dice che non sia stato esplosivo come le bombe atomiche di questa linea dura limitata.

Si dice che “Golden Soles” prenda il nome dalla forma della suola (scarpa) in cui è stato pressato l’hashish (forse per il contrabbando).

“Nogaa” (“il nucleo”) o anche “Fatima”, “Malika”, “Leila”, “Noor”, “Shera” e molti, molti altri sono nomi dall’aspetto marocchino che puoi incontrare nei caffè olandesi ( vedi anche “Rifman hash”). Ogni rivenditore pensa ai propri nomi per i propri prodotti. Se effettivamente rappresentassero in modo affidabile un prodotto ricorrente di qualità costante, questo “marchio” sarebbe di interesse per i clienti. Alcuni addirittura assemblano intere gamme di prodotti sotto un unico “marchio” per garantire qualità come assenza di cariche e contaminazioni, purezza di tipo e origine. Esempi da Amsterdam sono la serie “Rifman” e la serie “Block”. Quello che manca è una reale tutela del consumatore in condizioni di divieto,

Resta da dire: la varietà dei nomi è grande, quella delle merci non lo è affatto. Non tutto ciò che viene pubblicizzato come floreale può anche essere fumato bene e crea il viaggio immaginato.

Excursus: Il termine hashish
Nel 19° secolo e fino al 20° secolo, l’hashish era usato per descrivere praticamente tutti i prodotti di canapa psicoattivi per fumare o mangiare, cioè non proprio come oggi, i prodotti di resina di canapa concentrati dalle infiorescenze femminili o dai gambi di frutta attraverso lo screening metodi o abrasione. “Hashish” in arabo significa erba nel senso di fieno. Il termine “hashish” (erba) per la canapa psicoattiva ha centinaia di anni.

TACCHINO

“Green Turk”, “Turk”, “Gypsy”
sono nomi di hashish dalla Turchia. L’hashish turco è arrivato sul mercato tedesco diverse volte negli anni settanta fino all’inizio degli anni ottanta. Ma l’eroina è stata a lungo un’esportazione molto più facile da contrabbandare e più redditizia. Questo rende “Turk” quasi una leggenda. Veniva in lastre piatte “croccanti” pressate di colore marrone-verdastro, molto sottili, molto dure (e calde) con un certo contenuto di componenti polverosi e friabili. La sua qualità variava da “buona droga leggera di utilità” a eccellenti qualità psichedeliche speziate “attraenti”, paragonabili al potente Marocco. L’ottimo “Turk” ha avuto un certo slancio. Un intenditore una volta lo chiamò “New Wave Dope”.
“Antonia Hasch” era considerata la migliore negli anni settanta (in Turchia).
Il “turco” veniva non di rado importato in Germania come polvere per venderlo con profitto, qui inoltre mescolato con estensori (ad esempio l’henné) e pressato. Il risultato: “Turk” di solito non poteva essere all’altezza della sua leggendaria reputazione.
Se è mai stato disponibile negli ultimi anni (“Super Turkey”), era per lo più di qualità da moderata a media.

Relativamente nuova in Turchia è la coltivazione clandestina di erba potente da varietà ibride importate, che crea la possibilità per un revival di potenti “turchi”, anche se in una nuova veste.

“Kurd”
Da alcuni anni la coltivazione della cannabis è fiorente nella provincia sudorientale turca di Diyarbakir. Il
distretto dei pidocchi è considerato un centro di coltivazione. Oltre alle infiorescenze essiccate,
deve essere prodotto anche l’hashish pressato in piatti marrone chiaro. Nelle aree curde dalla parte irachena, si dice che la coltivazione della canapa per la produzione di hashish sia stata introdotta di recente. La regione è instabile a causa della politica nei confronti della popolazione locale (curda) e della vicinanza alle aree di guerra civile in Siria e Iraq (2017).

LIBANO

“Libanese”
Il Libano è stato per molti decenni uno dei maggiori produttori di hashish. Il primo boom iniziò negli anni ’20, quando la coltivazione in Grecia si fermò. Da nessun’altra parte l’hashish è stato prodotto su una scala così professionale: coltivazione in vasti campi, trasporto del raccolto con trattori e camion, dagli anni ’80 setacciatura con vibrovagli completamente automatici, presse con grandi presse idrauliche, estrazione dell’olio con enclave, contrabbando e profitto distribuzione rigorosamente organizzata per clan. Di conseguenza, non c’è una grande varietà di prodotti, anche se non mancano i bollini per i sacchetti di lino. (“Quale francobollo vorresti?”) Dal raccolto del 1983 negli anni ’80 sono state prodotte qualità davvero buone dal Libano, Probabilmente a causa della scortese produzione industriale su larga scala secondo il motto “massa invece di classe” anche per finanziare le fazioni della guerra civile, raramente. Invece, soprattutto alla fine degli anni Ottanta, dominava il mercato “libanese” (“lastra”), più graffiante e teso con leganti sgradevoli (si parlava di olio motore, paraffina e cera). Il suo effetto era debole, impotente, ottuso, “soddisfacente”, faticoso ed effimero; l’hash drömelige giusto per accompagnare una canna (o una pipa pura) con una birra a un concerto punk. A volte era forse un prodotto che veniva confuso fuori dal Libano. Questo hashish era praticamente scomparso dall’inizio degli anni ’90 a causa delle drastiche misure di polizia e militari nella principale area di coltivazione (Bekaatal vicino a Baalbek). Raro. Invece, soprattutto alla fine degli anni Ottanta, dominava il mercato “libanese” (“piatto”), che era più graffiante e teso con leganti scadenti (si parlava di olio motore, paraffina e cera). Il suo effetto era debole, impotente, ottuso, “soddisfacente”, faticoso ed effimero; l’hash drömelige giusto per accompagnare una canna (o una pipa pura) con una birra a un concerto punk. A volte era forse un prodotto che veniva confuso fuori dal Libano. Questo hashish era praticamente scomparso dall’inizio degli anni ’90 a causa delle drastiche misure di polizia e militari nella principale area di coltivazione (Bekaatal vicino a Baalbek). Raro. Invece, soprattutto alla fine degli anni Ottanta, dominava il mercato “libanese” (“piatto”), che veniva stirato con leganti scadenti e stirato (si parlava di olio motore, paraffina e cera). Il suo effetto era debole, impotente, ottuso, “soddisfacente”, faticoso ed effimero; l’hash drömelige giusto per accompagnare una canna (o una pipa pura) con una birra a un concerto punk. A volte era forse un prodotto che veniva confuso fuori dal Libano. Questo hashish era praticamente scomparso all’inizio degli anni ’90 a seguito di drastiche misure di polizia e militari nella principale area di coltivazione (Bekaatal vicino a Baalbek). Il suo effetto era debole, impotente, ottuso, “soddisfacente”, faticoso ed effimero; l’hash drömelige giusto per accompagnare una canna (o una pipa pura) con una birra a un concerto punk. A volte era forse un prodotto che veniva confuso fuori dal Libano. Questo hashish era praticamente scomparso dall’inizio degli anni ’90 a causa delle drastiche misure di polizia e militari nella principale area di coltivazione (Bekaatal vicino a Baalbek). Il suo effetto era debole, impotente, ottuso, “soddisfacente”, faticoso ed effimero; l’hash drömelige giusto per accompagnare una canna (o una pipa pura) con una birra a un concerto punk. A volte era forse un prodotto che veniva confuso fuori dal Libano. Questo hashish era praticamente scomparso dall’inizio degli anni ’90 a causa delle drastiche misure di polizia e militari nella principale area di coltivazione (Bekaatal vicino a Baalbek).
È stato anche riferito dal periodo di massimo splendore della coltivazione che nel Libano stesso si distinguevano solo quattro qualità. Negli anni settanta si diceva che il primo grado di setacciatura fosse due volte più forte del quarto grado considerevolmente più grossolano; L’olio di hashish è addirittura dieci volte più potente.
Le analisi hanno dimostrato che il contenuto del principio attivo THC nell’hashish libanese era spesso sorprendentemente alto in passato. Nelle analisi odierne, tuttavia, è piuttosto basso. Tuttavia, era caratteristico prima di adesso che conteneva almeno il doppio di cannabidiolo (CBD), che blocca e modifica l’effetto del THC. Questo forse spiega l’effetto tipico, più fisicamente sentito anche con un alto contenuto di resina rispetto all’effetto spesso scoppiettante dell’hashish marocchino, in cui il contenuto di THC è tipicamente il doppio di quello del CBD (con uno spettro complessivamente molto ampio di THC – Contenuto da molto basso per hashish allungato a molto alto per pura qualità superiore). Nel caso dei fiori di canapa fasulli tropicali, invece, c’è pochissimo CBD, con un contenuto di THC più o meno elevato.
Lo speciale spettro THC / CBD del classico “libanese” potrebbe interessare ai consumatori di cannabis medica.
Per quanto riguarda il colore “rosso”, va inoltre segnalato che l’hashish spremuto dalla polvere assume generalmente un colore più scuro se pressato con maggiore pressione e calore, o addirittura lavorato a mano. (Tuttavia, questo può anche provenire da coloranti e leganti.)

“Roter Libanese”, “Roter” o “Red Leb”
Tuttavia, merita un paragrafo a parte, perché nella sua forma originale ha (ha avuto) quello che serve per essere “hash da farmacia”. Essendo una varietà speciale, fissa gli standard in un certo modo. In genere si presentava in piatti spessi, rettangolari (200g o 500g) arrotondati sui lati, in piccoli sacchetti di lino con un timbro. Il suo colore era chiaramente bruno rossastro all’esterno, ma marrone oliva piuttosto più chiaro all’interno. Il colore rosso è attribuito alla raccolta di piante in piena maturazione, “arrossate” in campo, alla spremitura a caldo e forte o alla lavorazione manuale. L’hashish aveva un caratteristico odore medicinale speziato (probabilmente anche dopo i sacchi di lino spolverati di lime). Il contenuto di olio era relativamente alto e la consistenza era cremosa. Il viaggio è stato molto euforico, edificante, senza confondere la mente, piacevolmente fisico, a volte afrodisiaco, disinibitore e umoristico, ma controllabile a piacimento. La potenza era buona, ma non sensazionale. Il “rosso” di questa qualità leggendaria è praticamente scomparso dal 1983 a seguito della guerra del Libano del 1982. Successivamente, fino all’inizio degli anni ’90, sono stati prodotti beni di massa di bassa qualità. Stagionalmente, dal 2005 al 2007 e dal 2013, nonostante le condizioni difficili e le controversie locali (ad esempio Yammoune), la produzione è continuata o ancora e ancora. Diffuse di nuovo nelle caffetterie olandesi, le qualità tipicamente per lo più da moderate a medie sono rimaste una rarità sul mercato tedesco a causa della concorrenza di erba potente e buon Marocco. Il “rosso” di questa qualità leggendaria è praticamente scomparso dal 1983 a seguito della guerra del Libano del 1982. Successivamente, fino all’inizio degli anni ’90, sono stati prodotti beni di massa di bassa qualità. Stagionalmente, dal 2005 al 2007 e dal 2013, nonostante condizioni difficili e controversie locali (ad esempio Yammoune), la produzione è continuata o continuata. Diffuse di nuovo nelle caffetterie olandesi, le qualità tipicamente per lo più da moderate a medie sono rimaste una rarità sul mercato tedesco a causa della concorrenza dell’erba potente e del buon Marocco. Il “rosso” di questa qualità leggendaria è praticamente scomparso dal 1983 a seguito della guerra del Libano del 1982. Successivamente, fino ai primi anni ’90 sono stati prodotti beni di massa di bassa qualità. Stagionalmente, dal 2005 al 2007 e dal 2013, nonostante condizioni difficili e controversie in loco (es. Yammoune), la produzione è stata ripetuta o continuata. Diffuse di nuovo nelle caffetterie olandesi, le qualità tipicamente per lo più da moderate a medie sono rimaste una rarità sul mercato tedesco a causa della concorrenza dell’erba potente e del buon Marocco. Quindi dal 2005 al 2007 e dal 2013, nonostante le difficili condizioni e le controversie in loco (ad esempio Yammoune), la produzione è continuata o ancora e ancora. Diffuse di nuovo nelle caffetterie olandesi, le qualità tipicamente per lo più da moderate a medie sono rimaste una rarità sul mercato tedesco a causa della concorrenza dell’erba potente e del buon Marocco. Quindi, dal 2005 al 2007 e dal 2013, nonostante le difficili condizioni e le controversie in loco (ad es. Yammoune), la produzione è continuata o ancora e ancora. Diffuse di nuovo nelle caffetterie olandesi, le qualità tipicamente per lo più da moderate a medie sono rimaste una rarità sul mercato tedesco a causa della concorrenza dell’erba potente e del buon Marocco.

“Red Bird”
sta per “Red Libanese” di buona qualità, molto oleoso, originariamente presumibilmente pressato con pietre.

“Red Gold”
era il nome di una varietà appiccicosa e piccante che si poteva impastare a mano sotto il calore e veniva venduta a pezzi “grassi” all’inizio degli anni ’80 Price). Il termine era anche usato generalmente per il buon “rosso”.
I “rossi” termoformabili di nuova generazione (2018) offrono “non solo un’interessante, caratteristica esperienza gustativa vecchia scuola che ricorda il classico hashish resinoso della pipa ad acqua”, ma anche “un tipico abbraccio fisico e amichevole, piacevole, psicologicamente stimolante ma anche serenamente avvolgente viaggio come curativo Terapia occupazionale”. Alla faccia delle parole fiorite di un cannasseur. C’è del potenziale per questo prodotto di alta qualità, ad azione piuttosto breve, di media potenza grazie alle sue caratteristiche specifiche.

“Gelber libanese”, “Gelber”, “Yellow Leb”, “Blonde Leb” o “Blonde”
ha avuto la reputazione di essere più debole di “Rosso”. La verità è che non è mai stato molto forte. Invece si è allungato meno spesso e di solito ha superato facilmente i cattivi “rossi” alla fine degli anni Ottanta, esercizio che però non è stato difficile. Il suo colore è giallo sabbia-marrone, la sua consistenza friabile ma resinosa. Si dice che ciò sia dovuto a piante raccolte in precedenza (si dice anche che questo hashish provenisse da un’altra zona del Libano a nord-est di Beirut che era piovosa a fine estate, dove la raccolta di solito avveniva prima), una spremitura a freddo più debole o una setacciatura più grossolana. Il viaggio è simile a quello di un buon “rosso”, ma è molto più mite. Odore e sapore non sono così caratteristici, più leggeri e più graffianti. È riapparso in Germania negli ultimi anni, ma altrettanto raramente come “Roter”.

“Yellow Bird”
dovrebbe essere il nome di un “giallo” spremuto a freddo che è identico al “Red Bird” della polvere di partenza.

SIRIA

-Il diretto vicino del Libano e delle aree di coltivazione libanesi ha in passato fornito occasionalmente hashish del tipo “giallo”, ad esempio giallo chiaro, friabile, ma lavorabile, grossolano ma resinoso, tagliente, graffiante, ben lievitato, che si agglomera quando si raffredda , in grosse Palline (!) Di hashish pressato, simile al “Giallo Libanese” nell’odore e nell’effetto. È ipotizzabile che nel contesto della guerra civile, per finanziarla, verrà coltivato nuovamente un numero crescente di canapa per la produzione di hashish. Questo è quanto è stato detto delle regioni curde, per esempio.

EGITTO

Anche in altri paesi nordafricani (in Tunisia e Algeria per esigenze locali) e mediorientali (in “Kurdistan” e Iran soprattutto negli anni Settanta) il buon hashish era ed è probabilmente prodotto su scala piuttosto modesta. Un vacanziere egiziano riferì dal Sinai che i beduini non solo coltivavano erba (canapa finta), ma facevano anche un hashish esteriormente simile al “rosso” ma diverso dal gusto, corroborante e stimolante. Ha parlato di “Blubbidope”, “Inventor dope”.

AFGHANISTAN

“Schwarzer Afghane”, “Afghan” o “Schwarzer” (origine indefinita) di
ottima qualità scomparvero dal mercato con l’inizio della guerriglia contro gli occupanti sovietici all’inizio degli anni ottanta. Le attività agricole furono spostate verso la coltivazione più redditizia di papaveri da oppio per la produzione di oppio. Tuttavia, ci sono sempre stati “neri”, per lo più dal Pakistan, e talvolta fatti con olio e/o polveri di origine marocchina e libanese.
Anche le piante di canapa indica afghana crescono spontaneamente nel paese e sono coltivate ovunque nelle valli delle regioni montuose in piccole piantagioni, culture miste e talvolta in vasti campi. L’hashish delle province montane settentrionali è considerato particolarmente buono (ad es. “Mazar-I-Sharif”).
Tipicamente, “Afghane” è nero più o meno lucido all’esterno e verdastro, brunastro profondo (per le migliori qualità) o grigio-nero all’interno. Diventa più scuro rapidamente. “Afghane” è da morbido a molto morbido e può essere impastato molto bene. Si presenta in tutte le forme possibili sul mercato, come piatti, bastoncini, salsicce o palline. Una volta riscaldato, diventa cotto. Un odore animale pungente e speziato è tipico dei pezzi mescolati con grasso animale (capra, pecora) per migliorarne la consistenza. Senza additivi, ha un profumo forte, dolce e speziato, possibilmente con una nota affumicata dalla tradizionale spremitura a fuoco di legna. Gli afgani bruciano pesantemente e lentamente con fumo dolce e affumicato, molto familiare, cliché. Il fumo a volte graffiante non è facile da inalare, soprattutto con i frequenti “sostituti neri”. L’ebbrezza è caratterizzata da un essere profondo e comodamente cullato dalla pietra che non definirei psichedelico; ma può essere molto introspettivo. Sfortunatamente, il comune “afgano” di solito ti stanca abbastanza, il tipo “floscio”; niente droga per le esigenze della vita quotidiana, più adatto come aiuto per dormire. Le qualità eccellenti non ti stancano così. La potenza può essere eccellente, cioè uno o due sbuffi sono già lunghi. Tali trattamenti sono rari, tuttavia. due mosse sono già lunghe. Tali trattamenti sono rari, tuttavia. due mosse sono già lunghe. Tali trattamenti sono rari, tuttavia.
A seguito dell’occupazione dell’Afghanistan da parte delle truppe occidentali, non solo la coltivazione dell’oppio ha conosciuto un nuovo boom, ma anche la produzione dell’hashish ha conosciuto una rinascita. Da allora, l’hashish di qualità superiore è stato nuovamente prodotto coltivando caratteristiche varietà locali “indica”. Nella produzione odierna si distingue tra tre gradi di setacciatura della polvere di hashish (Primo, Secondo e Terzo Garda) ottenuta facendo sbattere i grappoli femminili dei frutti su ciotole coperte da un telo setaccio. Queste polveri si mescolano a piacimento. Il valore dipende dal contenuto di resina. A volte l’origine locale dell’hashish è indicata anche nel suo nome. Questo hashish di solito ha un basso contenuto di THC rispetto alle qualità marocchine ed europee e un contenuto di CBD significativamente più alto. Anche il contenuto di CBN (cannabinolo) causato dall’invecchiamento e dalla cattiva conservazione può essere elevato e contribuisce alle sue qualità per lo più meno sbalorditive o stimolanti, ma piuttosto avvolgenti e (possibilmente utilizzabili dal punto di vista medico) faticose. Non troppe eccezioni basate su qualità superiori classiche, relativamente di recente importazione, non inquinate con un alto contenuto di THC confermano la regola. Queste qualità sono ancora tanto rare quanto richieste dai cannasseurs della vecchia scuola a causa del loro gusto straordinario e del loro spettro cannabinoide specifico con un trip fisico simile a una campana. Anche il contenuto di CBN (cannabinolo), che è causato dall’invecchiamento e da una cattiva conservazione, può essere elevato e contribuisce alle sue qualità per lo più meno eccitanti o stimolanti, ma piuttosto avvolgenti e (possibilmente utilizzabili dal punto di vista medico) faticose. Non troppe eccezioni basate su qualità superiori classiche, relativamente di recente importazione, non inquinate con un alto contenuto di THC confermano la regola. Queste qualità sono ancora tanto rare quanto richieste dai cannasseurs della vecchia scuola a causa del loro gusto straordinario e del loro spettro cannabinoide specifico con un trip fisico simile a una campana. Anche il contenuto di CBN (cannabinolo) causato dall’invecchiamento e dalla cattiva conservazione può essere elevato e contribuisce alle sue qualità per lo più meno sbalorditive o stimolanti, ma piuttosto avvolgenti e (possibilmente utilizzabili dal punto di vista medico) faticose. Non troppe eccezioni basate su qualità superiori classiche, relativamente di recente importazione, non inquinate con un alto contenuto di THC confermano la regola. Queste qualità sono ancora tanto rare quanto richieste dai cannasseurs della vecchia scuola a causa del loro gusto straordinario e del loro spettro cannabinoide specifico con un trip fisico simile a una campana. Non troppe eccezioni basate su qualità superiori classiche, relativamente di recente importazione, non inquinate con un alto contenuto di THC confermano la regola. Queste qualità sono ancora tanto rare quanto richieste dai cannasseurs della vecchia scuola a causa del loro gusto straordinario e del loro spettro cannabinoide specifico con un trip fisico simile a una campana. Non troppe eccezioni basate su qualità superiori classiche, relativamente di recente importazione, non inquinate con un alto contenuto di THC confermano la regola. Queste qualità sono ancora tanto rare quanto richieste dai cannasseurs della vecchia scuola a causa del loro gusto straordinario e del loro spettro cannabinoide specifico con un trip fisico simile a una campana.
Anche qui c’è un’esplosione di nomi, soprattutto nelle caffetterie olandesi, la cui vera base è difficile da determinare. “Sarasa pollen” è un tale nome, che dovrebbe suggerire la qualità zarista per mezzo di un nome russo.

Si dice che “Sheerik”
fosse il nome dell’hashish afghano pressato a mano della migliore qualità in piccoli piatti, poiché è stato dato come bonus ai partecipanti agli eventi Buzkashi negli anni ’70.

“Schimmelafghane”
era il nome dato a un “uomo di colore” striato di muffa bianca per accenderlo come specialità agli ignari. È vero che la crescita di muffe indica un impasto negligente con l’aggiunta di troppa acqua e un’errata conservazione. Anche se l’hashish potrebbe non aver perso troppo della sua potenza, per motivi di salute generalmente non è consigliabile consumare hashish ammuffito. Non acquistare prodotti a base di cannabis ammuffiti o altrimenti contaminati! Un tipico odore pungente ammoniacale della merce indica già processi di muffa e putrefazione o già sugli impianti lavorati o solo nell’hashish stesso.

“Border Afghan”
era il nome dato all’”afghano” contrabbandato attraverso il confine con il Pakistan, disponibile sin dalla guerra civile. A volte questo significa anche hashish dalla regione di confine tra Pakistan e Afghanistan. Comunque sia, la sua qualità ricordava molto raramente quella del “classico afgano”.

PAKISTAN
Nonostante il boom della coltivazione del papavero da oppio all’inizio degli anni ’80, il vicino nell’est confinante con l’Afghanistan era ancora uno dei maggiori produttori ed esportatori di hashish al mondo (e questo è stato notato anche nel nostro mercato dalla fine degli anni ’80). Sebbene la canapa venga coltivata principalmente (soprattutto nel nord-ovest), cresce anche spontaneamente in gran parte del paese. Si tratta di piante del tipo “Indica” e forme miste più in direzione delle alte “Sativa” che prosperano nell’Himalaya indiano (il cui massimo è ancora vicino all’”Indica high”). L’hashish è prodotto in modo simile a “Afghani”, ma su larga scala e con l’aiuto di grandi presse. Sfortunatamente, come gli afgani, il pakistano ha spesso più di un anno quando raggiunge il nostro mercato. Per inciso, il rapporto tipico tra THC e CBD (vedi sopra) è dato da 1 a 1, con contenuti di principi attivi variabili, ma solitamente più elevati. Nonostante la potenza fluttuante, difficilmente distinguiamo tra le varietà in commercio. Si può essere felici quando si impara di più che sono “neri”, cioè su

“Nero” o “Marrone scuro pakistano”, “Pakistano” o “Paki”
Il “Paki” è simile all’”Afghani”, ma di solito è più duro, ma comunque impastabile, e viene tipicamente pressato in lastre grandi e di medio spessore (500 g o 1 kg), facili da tagliare. All’esterno è nero lucido o grigio-nero, all’interno per lo più marrone scuro, a volte nero-verdastro. L’odore è speziato, simile ad “afghanem”. Anche il fumo è simile, ma a volte più aspro, che ricorda in qualche modo il “libanese” non così buono, un po’ graffiante. La sua potenza è più nel centrocampo (superiore), raramente sorprendentemente buono. L’effetto ricorda anche gli “afghani”, calmi, profondi, euforici, di solito non così stancanti, ma in qualche modo privi di carattere. In casi eccezionali, queste sono qualità deliziose, davvero belle, forti.

“Morgentau”
Un’eccezionale varietà pakistana dei primi anni ottanta è stata commercializzata qui con il nome di “Morgentau”. “E ho visto il sole sorgere!”

“Garda”
è (come in Afghanistan) il nome della polvere di hashish ottenuta setacciando attraverso un panno. Nell’area Pashtun (le aree tribali della provincia nord-occidentale) la migliore proiezione si chiama “Awal Namber Garda”. L’hashish viene valorizzato localmente cucendo 6-10 kg di garda in pelli di capra o pecora e conservandolo per almeno 3 mesi se il caldo non è troppo alto. La regione montuosa di Tirah Maidan o la valle di Tirah è considerata il fornitore di hashish di alta qualità (“oro nero”). Il posto Jamrud è un centro commerciale di hashish. I fallimenti dei raccolti si sono verificati nel 2013 a causa di conflitti tribali. L’intera regione è considerata una pericolosa area di crisi (2016).

Excursus: Dati di
analisi È consentito un piccolo commento sui dati di analisi. Possono sicuramente essere molto utili e sono particolarmente interessanti per la prevenzione sanitaria (quindi portateli). Ma riconosceremo lo spirito di un vino squisito dalla sua gradazione alcolica e dal numero Öchsle?! È molto simile alla cannabis. L’anima della canapa non si svela in laboratorio, ma nel godimento.

INDIA

la terra della canapa psicoattiva per eccellenza. La cannabis è una, se non la pianta sacra di Shiva e di altre divinità. Le preparazioni orali dalle foglie (bhang) sono qui quasi legali, ma tranne che in contesti religiosi, non le infiorescenze femminili (ganja) o la resina di hashish (charas) ottenuta dalle infiorescenze, il che non toglie nulla alla presenza e alla disponibilità.
L’hashish ora si ottiene anche setacciando piante essiccate, ma nell’Himalaya indiano viene ancora tradizionalmente strofinato tra le mani su piante fresche o infiorescenze appena colte. Si possono grattugiare solo 4-5 grammi di ottima qualità, al massimo 1 tola (circa 10 grammi) di buona qualità al giorno. Se le singole frizioni vengono mescolate uniformemente e impastate con cura, il risultato è un prodotto uniforme. Un’altra possibilità è che il reddito di ogni singolo attrito venga visibilmente scambiato separatamente dagli altri. Se non acquisti quantità leggermente maggiori direttamente dal produttore, sfortunatamente a volte otterrai hashish in India, che viene messo insieme da vari attriti e processi (incluso il setaccio grossolano) o compresso in un pezzo. che la separazione delle qualità a volte completamente diverse è difficile, se non impossibile. La qualità dell’hashish strofinato a mano dipende da molti fattori. Inoltre, in India è diffusa la pratica dello stretching. Il risultato: grandi oscillazioni della qualità all’interno delle quantità importate principalmente da piccoli contrabbandieri (da qualche centinaio di grammi a pochi chilogrammi). Quindi difficilmente si può parlare di varietà e le indicazioni di origine non garantiscono la qualità ad esse associata. Tuttavia, danno un’indicazione su dove ci si può aspettare una qualità eccellente. Il risultato: grandi fluttuazioni della qualità all’interno delle quantità importate principalmente da piccoli contrabbandieri (da alcune centinaia di grammi a pochi chilogrammi). Quindi difficilmente si può parlare di varietà e le indicazioni di origine non garantiscono la qualità ad esse associata. Tuttavia, danno un’indicazione su dove ci si può aspettare una qualità eccellente. Il risultato: grandi fluttuazioni della qualità all’interno delle quantità importate principalmente da piccoli contrabbandieri (da alcune centinaia di grammi a pochi chilogrammi). Quindi difficilmente si può parlare di varietà e le indicazioni di origine non garantiscono la qualità ad esse associata. Tuttavia, danno un’indicazione su dove ci si può aspettare una qualità eccellente.

A causa del boom del turismo di massa nelle aree di coltivazione ed estrazione di hashish dell’Himachal Pradesh dagli anni ’90, la domanda locale ha superato ciò che può essere estratto, così che nelle località turistiche come Kasol anche hashish di qualità inferiore proveniente dall’Afghanistan e in particolare dal Nepal e le sue miscele vendute come specialità locale. Anche con le specialità regionali non si può fare affidamento su indicazioni di origine legate alla qualità senza legami consolidati. I lavoratori migranti nepalesi nella valle di Parvati strofinano fino a 50 grammi di prodotti di qualità inferiore al giorno.

Si dice che la creazione frettolosa di nuove grandi piantagioni di canapa per la produzione di hashish da semi di qualità inferiore non solo abbia portato alla produzione di hashish povero di THC, ma anche a un significativo deterioramento della base genetica locale in alcune aree a causa del conteggio dei pollini. D’altra parte, i freaks hanno portato qui e altrove semi internazionali di alta qualità, che ora sono ampiamente coltivati ​​nelle alte quote della Valle Parvati (fino a oltre 3000 m), ma che possono anche cambiare in modo permanente la speciale genetica locale. Nuovi anche altri metodi di produzione dell’hashish, ad esempio con l’aiuto delle Ice-o-later-Bags. I nuovi metodi di estrazione dell’olio verranno probabilmente utilizzati anche qui.

Si stima che la produzione totale di hashish nell’Himachal Pradesh rientri nella fascia di tonnellata a due cifre più alta.
Le analisi hanno rivelato un’ampia gamma di livelli di THC e CBD in vari campioni di hashish. Ciò conferma la varietà di prodotti locali ricercati e venerati realizzati dalla pianta sacra di Shiva.

“Cara”, “Cara”
è il nome indiano dell’hashish. Lo usiamo per riferirci all’hashish del tipo “nero” dall’India (“indiano”), la cui origine esatta è sconosciuta. Come ho detto, le qualità variano notevolmente. Ma soprattutto ha un sapore e un odore in qualche modo nostalgicamente dolci come i bastoncini di incenso indiano quando vengono bruciati. Questo è anche consolante con gli abbondanti pezzi di “Charas” da medi a cattivi, il cui contenuto di resina è solo basso. Si possono trovare molte parti di piante o persino frammenti di semi. Estensori, leganti e condimenti sono comuni. Anche il prodotto è spesso obsoleto. A volte è abbastanza sorprendente ciò che viene contrabbandato dalla patria di alcuni degli hashish della migliore qualità al mondo ad alto rischio personale e portato alla gente con grande clamore. I “charas” di solito si presentano sotto forma di bastoncini (da duri a duri come la roccia) o in strisce sottili e resistenti, nero lucido all’esterno e marrone o nero-verdastro all’interno. Il morbido “Charas” è disponibile anche in tutti i tipi di altre forme grumose. L’hashish morbido (“dita”, “palline”, “crema”) è solitamente migliore dei bastoncini duri (“bastoncini”). Ma questo può anche essere abbastanza buono. Il buon hashish indiano è caratterizzato da una nota estremamente euforica, calma, con una componente spiritosa nelle qualità migliori. L’hashish indiano non stanca troppo e può essere fumato a lungo. Il morbido “Charas” è disponibile anche in tutti i tipi di altre forme grumose. L’hashish morbido (“dita”, “palline”, “crema”) è solitamente migliore dei bastoncini duri (“bastoncini”). Ma questo può anche essere abbastanza buono. Il buon hashish indiano è caratterizzato da una nota decisamente euforica, calma, con una componente spiritosa nelle qualità migliori. L’hashish indiano non stanca troppo e può essere fumato a lungo. Il morbido “Charas” è disponibile anche in tutti i tipi di altre forme grumose. L’hashish morbido (“dita”, “palline”, “crema”) è solitamente migliore della forma dura (“bastoncini”). Ma questo può anche essere abbastanza buono. Il buon hashish indiano è caratterizzato da una nota estremamente euforica, calma, con una componente spiritosa nelle qualità migliori. L’hashish indiano non stanca troppo e può essere fumato a lungo.
Le scarse qualità sono piuttosto irritanti e stressanti per i polmoni. Ci sono ceppi che difficilmente vanno oltre il tabacco in potenza e alto (per non parlare delle imitazioni inefficaci), dall’odore di menta secco e stratificato, principalmente roba che colpisce il corpo, un pigro compromesso per qualsiasi fumatore decente.
La migliore qualità proviene dall’Himalaya indiano. La regola qui è che più alta e remota è l’area in cui viene prodotto l’hashish, migliore è la qualità che ci si può aspettare. In Himalaya, l’hashish viene grattugiato da piante di canapa coltivate allo stato brado, a volte alte anche diversi metri, nonché da piante di canapa coltivate nei propri campi o tra alberi da frutto.

“Kashmir” o “Cachemire testa di moro”,
sta per hashish strofinato a mano proveniente dalla provincia himalayana musulmana del “Kashmir” al confine con il Pakistan, che è stata a lungo in una sorta di guerra civile con il governo centrale. Ancora oggi il cashmere gode di una reputazione di lunga data, probabilmente perché è stato uno dei primi fornitori di hashish indiano particolarmente buono ancor prima di Manali. Sfortunatamente, quando il “Kashmir” ha raggiunto le nostre latitudini, di solito non era così buono da giustificare i prezzi praticati. Era spesso “morbido”, appiccicoso, ma anelastico per l’aggiunta di burro chiarificato, grasso, lucido, di colore bruno-nero, e spesso conteneva parti più grossolane delle piante (es. tegumenti). Non era necessariamente un male (round deep high), ma raramente è stato all’altezza delle aspettative. Poiché la mentalità commerciale del Kashmir era nota, non sorprende che le qualità eccellenti strofinate con amore, che sono certamente anche presenti, si dice che siano state sul tavolo solo in rari casi eccezionali. Si dice anche che venga setacciato l’hashish dal cashmere. Ancora oggi l’hashish deve essere prodotto, soprattutto per i mercati locali e indiani.

“Jammu”
la provincia vicina fornisce potenzialmente anche hashish nero strofinato a mano di alta qualità.

Excursus:
ricognizione satellitare
Grazie alla ricognizione satellitare, alla sorveglianza aerea e all’uso di droni, la coltivazione della canapa all’aperto, compresa la coltivazione della guerriglia nelle aree selvagge, è ora al centro delle autorità di sorveglianza di tutto il mondo. In alcune regioni climaticamente adatte alla coltivazione all’aperto di finta canapa, dove sono disponibili elettricità o generatori, c’è un cambiamento verso la coltivazione indoor più controllabile, ecologica e climaticamente discutibile, che inizialmente è più sicura prima della scoperta. Resta da vedere se questo fenomeno, osservato in molti paesi (compresi quelli tropicali), sia già un’opzione per i coltivatori in India.

Nel 2012, nella sola provincia himalayana indiana dell’Himachal Pradesh, sono state identificate 52 regioni e circa 2500 villaggi utilizzando immagini satellitari, in cui la coltivazione della canapa e la produzione di hashish rappresentano un importante sostentamento indipendentemente l’una dall’altra. La produzione indiana di hashish è quindi nell’ordine di tre cifre delle tonnellate. Inoltre, foglie e infiorescenze vengono (tradizionalmente) essiccate per produrre bhang e ganja.

“Manali”
è il nome di un luogo nello stato indiano dell’Himachal Pradesh ad un’altitudine di circa 2000 metri, nelle vicinanze del quale, sotto l’influenza di turisti della droga “hippie” e “viaggiatori”, molto hashish è stato strofinato da selvaggi e ceppi coltivati ​​dagli anni ’70. L’hashish dal marrone al nero, dall’odore caratteristico dolce e pungente, altamente elastico e facile da lavorare, è stato a lungo considerato il migliore che l’India avesse da offrire. Per molto tempo, tuttavia, a causa dell’elevata domanda, la produzione di solito non è stata più così attenta. Si strofina più velocemente e grossolanamente. L’uso di pesticidi nei frutteti ha anche portato all’inquinamento in mezzo o in prossimità di fiorenti piante di canapa. “Manali” non è stato molto apprezzato dai veri intenditori per un po’. Inoltre, il nome non è esattamente protetto da copyright. Tutti i tipi di qualità di hashish fino alle imitazioni sono stati venduti ai turisti indiani come “Manali”. Nero verdastro, secco, duro, vecchi pali del tipo “Charas” (vedi sopra) contenenti materiale vegetale non meritano il nome “Manali”, anche se avrebbero dovuto avere origine in questa zona. La canapa da droga cresce in tutta l’ampia vallata e anche ad altitudini più elevate in direzione del Passo Rohtang fino ad un’altitudine di circa 3000 metri. Alcune persone adorano con amore (pochi) alberi di “Natale” alti fino a 4 metri vicino alla loro casa per uso personale. Pali secchi, duri, vecchi del tipo “Charas” (vedi sopra) contenenti materiale vegetale non meritano il nome “Manali”, anche se avrebbero dovuto avere origine in questa zona. La canapa da droga cresce in tutta l’ampia vallata e anche ad altitudini più elevate in direzione del Passo Rohtang fino ad un’altitudine di circa 3000 metri. Alcune persone adorano con amore (pochi) alberi di “Natale” alti fino a 4 metri vicino alla loro casa per uso personale. Pali secchi, duri, vecchi del tipo “Charas” (vedi sopra) contenenti materiale vegetale non meritano il nome “Manali”, anche se avrebbero dovuto avere origine in questa zona. La canapa da droga cresce in tutta l’ampia vallata e anche ad altitudini più elevate in direzione del Passo Rohtang fino ad un’altitudine di circa 3000 metri. Alcune persone tengono amorevolmente alcuni (pochi) alberi di “Natale” alti fino a 4 metri vicino alla loro casa per il proprio uso.

“Kulu” o “Kullu”
è il nome di un luogo nella stessa valle (fiume Beas) prima di Manali, ma alto solo circa 1000 metri, con un clima subtropicale e lì l’hashish, principalmente grattugiato da piante selvatiche. È anche di buona qualità, ma non altrettanto desiderabile a causa del clima più caldo e della posizione più bassa. Le piante di canapa selvatiche crescono qui da 30 cm a oltre 6 metri di altezza.

“Jungle”, “Jungly” e “Begji” Hashish nero di
buona qualità strofinato a mano da piante selvatiche provenienti da zone della giungla inferiore nelle montagne dell’Himalaya è anche conosciuto come “Jungle” o “Jungly”. Questo termine è anche usato per distinguere l’hashish dalle piante selvatiche in generale dall’hashish strofinato dalle piante coltivate. Questo viene quindi chiamato “Begji” o “Baguidjah”.

“Parvati”
è il nome dell’hashish della Parvati Valley (valle) con lo stesso nome dietro l’angolo. La lunghissima e ora molto popolare valle selvaggia è il fornitore di hashish strofinato a mano, che aveva superato “Manali” nei primi anni ’90. Anche qui l’influenza dei “freaks” occidentali è stata decisiva.

“Malana”, “Charas Malana” o “Crema di Malana”
mettere la corona su questa regione. Descrive una valle originariamente appartata che si estende fino a oltre 3000 metri, che viveva principalmente dell’hashish con lo stesso nome e dei freak che se ne interessavano e che viaggiavano a piedi dalla Valle Parvati e si accampavano fuori dal villaggio centrale di Malana. Qui la canapa viene coltivata a grandi altezze e strofinata con molta attenzione. Gli intenditori differenziano l’hashish in base al campo, all’altitudine, all’anno di produzione e alla persona che lo ha grattugiato. C’erano e ci sono qualità commerciali che appartengono già alla classe alta di ciò che raggiunge il mercato mitteleuropeo a prezzi elevati. E per gli ospiti abituali, in determinate circostanze, sia in India che nel mondo, oleosi, elastici, molto potenti, puri, dolci, qualità euforiche e stimolanti, ma solo in quantità così piccole che i contrabbandieri di successo sono stati in grado di ricompensarsi per un po’ quando sono tornati a casa. Nei Paesi Bassi esisteva ed esiste tuttora un mercato per tali specialità, per le quali venivano richiesti prezzi fino a 45 fiorini (40 marchi tedeschi) per grammo. Tuttavia, questa non è la rara qualità superiore che viene scambiata in pochi grammi, che praticamente non viene scambiata e che in realtà è ancora più pura e potente. Solo pochi grammi di prima qualità possono essere strofinati dalle infiorescenze femminili fresche al giorno. Si dice che l’intero raccolto annuale del villaggio di circa 2000 abitanti di Malana sia solo nell’intervallo di tre cifre del chilogrammo, ma ha superato i 1000 chilogrammi nei tempi alti.
A Malana ci sono stati cambiamenti massicci: è stata costruita una diga nella valle con una grande centrale idroelettrica e una strada. Grandi incursioni della polizia dal 2003 al 2006 e in seguito (ad esempio nel 2011) hanno ridotto la produzione locale di hashish e, ecologicamente problematica, hanno spostato la coltivazione in aree più alte che sono difficili da raggiungere con lunghe marce. Nel 2006, contrariamente al tabù del contatto che era prevalso fino ad allora, le case dei locali sono state aperte ai turisti come pensioni. Un grave incendio nel gennaio 2008 ha distrutto l’antico tempio della divinità locale Jamlu e molte vecchie case di legno. Stanno anche cercando di persuadere i coltivatori di hashish a coltivare erbe alternative che non sono molto redditizie.

“Jari”,
che si trova sulla strada per Malana, è usata come denominazione di origine per l’hashish locale.

“Rasol”
è il nome di un villaggio della regione situato a circa 3000 metri sul livello del mare , che ha la reputazione di fornire hashish quasi buono come “Malana”. Può essere raggiunto dall’hotspot dei viaggiatori Kasol.

Le “Tosh Balls”
sono piccole palline di hashish di alta qualità strofinato a mano dal villaggio di Tosh nella Tosh Valley. La valle è raggiungibile anche da Kasol. Le “Old Balls” secche e più delicate conservate nella terra in vasi di terracotta per 2/3-5 anni sarebbero valutate ancora più alte dai vecchi fumatori rispetto ai prodotti freschi.

“Rajasthani”
significa hashish proveniente dalla provincia del Rajasthan nel nord-ovest dell’India, che si fonde nel deserto del Thar. Molte regioni dell’India hanno una produzione rurale di hashish più piccola per le esigenze locali. Il “Rajasthani” di Jaipur, ad esempio, era friabile, ruvido con molte parti di piante, appena in aumento, sfacciato e in termini di potenza più nel mezzo.

“Indian Gold” o “Black Gold”
Sotto questo nome vengono scambiati blocchi compatti e lastre di hashish morbido, nero- grigiastro, facilmente lavorabile, dall’odore floreale-profumato di consistenza uniforme, con impronta di foglia d’oro. La potenza era abbastanza buona, l’effetto euforico avvolgente. Si dice che questo hashish sia rappresentativo di buona qualità, esportato professionalmente, anche in unità più grandi, come quelle tenute in stock dai grossisti di hashish in India. Tuttavia, i francobolli in foglia d’oro da soli non sono una garanzia di qualità in India.

“Bomba nera”
Si dice che questo fosse un hashish nero molto potente pressato in salsicce spesse che era disponibile a Bombay negli anni ’70. Il pettegolezzo sosteneva che fosse oppio o contenesse morfina. Questo è possibile, ma improbabile a causa del prezzo significativamente più alto dell’oppio e della morfina. L’hashish con una quantità efficace di oppio è difficilmente fumabile a meno che non venga fumato come l’oppio. Praticamente deve essere “bollito”, bolle quando riscaldato e lascia una scoria con molti residui incombusti. L’odore e il sapore sono caratteristici dell’oppio e del suo contenuto di morfina, che sono dolciastri e chimici. Qualsiasi fumatore di cannabis conoscerebbe subito la differenza. Per tutti i campioni prelevati per l’analisi come “contenenti oppio” alle nostre latitudini, Si è scoperto che si trattava di hashish con un contenuto particolarmente elevato di THC psicoattivo e/o il componente smorzante CBD! Solo molto raramente i nostri consumatori mescolano deliberatamente l’oppio acquistato separatamente con l’hashish per fumarlo insieme. Tuttavia, il mix di oppio e cannabis nelle preparazioni orali non è così insolito. Ha una lunga tradizione in India. Di solito a tali formulazioni vengono aggiunti altri farmaci (ad es. mela spina, pepita, betel) e spezie. Tuttavia, il mix di oppio e cannabis nelle preparazioni orali non è così insolito. Ha una lunga tradizione in India. Di solito a tali formulazioni vengono aggiunti altri farmaci (ad es. mela spina, pepita, betel) e spezie. Tuttavia, il mix di oppio e cannabis nelle preparazioni orali non è così insolito. Ha una lunga tradizione in India. Di solito a tali formulazioni vengono aggiunti altri farmaci (ad es. mela spina, pepita, betel) e spezie.

“Kerala”
È uno stato tropicale all’estremità sud-occidentale dell’India, nelle cui montagne (Distretto di Idukki) si coltiva da anni la famosa erba del Kerala, dalla quale si estrae il potente olio di erba per l’esportazione. Presumibilmente, anche l’hashish dovrebbe essere estratto da questa erba in loco. Dovrebbe essere interessante. In altre regioni montuose dell’India meridionale (ad es. Palani Hills e Kalyaran Hills nel Tamil Nadu) si coltiva canapa fittizia simile con un aspetto “Sativa” poiché le aree di coltivazione del Kerala sono state sottoposte a ripetute pressioni della polizia. La coltivazione viene delocalizzata in regioni più remote come le riserve naturali, altra fatale conseguenza del divieto irrazionale della canapa. L’hashish setacciato da piante indiane del tipo Kerala in un piatto sottile era marrone chiaro, secco,

NEPAL

Con il crescente contrabbando su piccola scala negli anni novanta, anche il regno dell’hashish si è sempre più consegnato alle nostre latitudini.  L’hashish nepalese sta ancora giustamente beneficiando dell’immagine positiva che ha avuto dagli anni ’70 “completamente bizzarri”. L’hashish viene ancora strofinato a mano in zone remote, ma sempre più spesso viene prodotto anche mediante setacciatura. In molte valli, la canapa cresce selvaggiamente in abbondanza in alberi alti un metro. Ma si coltiva anche la canapa. La regola generale è che più alta e remota è la zona di origine, più accuratamente viene strofinata e più attenta è l’ulteriore lavorazione (anche impastando). Negli ultimi anni il governo comunista ha dopo aver finanziato la guerriglia contro il re dittatoriale anche attraverso tasse sull’hashish, dichiarò guerra alla canapa locale. A causa della povertà del paese, che è stato afflitto da disastri naturali e cattiva gestione, ciò significa che la coltivazione di canapa e il commercio di hashish, un tempo relativamente aperti, vengono spinti ancora più in regioni remote e sotterranee.

“Nepalese” o classico “Nepal Shit”
si presenta in piatti spessi, salsicce, palline o altre forme in cui può essere pressato o impastato. Non tutto è “nepalese” di prima classe che ha una seducente lucentezza nera e oleosa. Ma tipico per il nepalese è la sua impressione resinosa e oleosa, il suo nero lucido all’esterno e il colore da marrone scuro a marrone-nero all’interno, la sua ottima lavorabilità nella mano con una certa fermezza nel pezzo. Nel caso delle qualità migliori, uniformemente marrone scuro, compatte, ingrandite al microscopio binoculare, si possono vedere quasi esclusivamente teste di ghiandole di resina densamente imballate. L’odore del buon “nepalese” è caratteristico “pieno”, dolce e aromatico. Fine “Nepalese” è molto potente (uno o due tiri lunghi), ha un effetto stimolante, quasi allucinogeno orientale, rivolto al mondo interiore, Riempiendo l’anima di risate cosmiche e allo stesso tempo comodamente euforiche e durature, “lontane”. Il “nepalese” di questa qualità è disponibile solo molto raramente in Europa centrale, ma dovrebbe essere ancora disponibile. Al contrario, varietà ancora più oleose, quasi nere, di “nepalese” appaiono dall’aspetto esteriore, che sono abbastanza robuste, ma che purtroppo hanno la tendenza a indurre entro forse mezz’ora un profondo sonno narcotico o al massimo una sorta di piacevole stupore Per evocare l’orlo del sonno.

“Temple Balls”, “Temple Merda” o “Nepal Balls”
Stava per molto buono, impastato uniformemente fuori nero, dentro marrone scuro “nepalese” di ottima qualità, come sopra descritto. È tipico che avesse una forma sferica almeno in un momento della sua fabbricazione, vale a dire dopo il completamento dell’impasto. Ma può anche essere stato rimodellato in seguito. Il nome in realtà dovrebbe indicare che si trattava di uno dei migliori hashish che il Nepal aveva da offrire, prodotto con tale fervore da essere adatto anche per i rituali del tempio. “Royal Nepal” è anche un nome per la qualità superiore classica lucidata a mano ad un prezzo superiore. In Olanda, per un grammo di uno di questi, dall’esterno venivano richiesti prezzi neri come la pece, oleosi, super lisci e deliziosi “king-dope” fino a 45 fiorini (DM 40).

“Himalaya” e “Super Himalaya”
Nel frattempo i tempi reali in Nepal sono finiti. L’hashish nepalese grattugiato a mano è diviso approssimativamente in “Himalaya” e meglio “Super Himalaya”. Se ha anche un odore piccante, si chiama, ad esempio, “Black Spice”.

“Tantopani hash” e “Gosainkund hash”
sono denominazioni di origine dell’hashish, che aveva un’ottima reputazione negli anni ’70. “Gurkha hash”, “Mustang hash” (anche dopo il luogo “Jomsom”) ecc. sono altri nomi. Il popolare hashish del centro turistico “Pokhara” non era considerato così buono. Le regioni favorite a livello locale potrebbero essere cambiate nel frattempo. A volte vengono ora citati anche luoghi di origine come “Thaweng” e “Rolpa”.

“Charras”
Stefan Haag (“Hemp Culture Worldwide”) ha segnalato (“Hanf” gennaio 1996) dal Nepal di hashish setacciato grossolanamente di varia qualità sotto il nome “Charras”, che è attualmente l’hashish standard sul mercato nero nepalese. Ma raramente c’è un setaccio fine e verde chiaro del tipo “polline”.

“Nepal Pollen”
Ancora relativamente scuro, ma piuttosto verdastro o bruno-rossastro, secco, più lapidato, setacciato “Nepal Polm” (olandese) ha nel frattempo raggiunto anche il mercato europeo.
A causa degli sviluppi e dei contatti internazionali, la coltivazione della canapa e della produzione di hashish in Nepal può continuare a cambiare. Forse il segreto dell’accurata produzione di “nepalesi” strofinati a mano di prima qualità in regioni remote rimarrà per un po’, dopotutto è un bene culturale che vale la pena proteggere, anzi un caso per l’UNESCO, se fosse illuminato.

ASIA CENTRALE

L’hashish si ottiene anche in altre zone di questa regione, anche se su scala più modesta, in primo luogo perché la canapa si trova in un ampio arco nelle valli montuose dall’Himalaya all’Hindu Kush alle montagne del Pamir, Tien Shan, Altai e oltre , ad esempio nelle regioni dell’Asia centrale le aree steppiche crescono spontaneamente, e in secondo luogo perché la produzione e l’uso dell’hashish qui hanno una lunga tradizione. Forse, con la crescente esplorazione da parte dei viaggiatori occidentali e degli appassionati di cannabis, queste aree forniranno in futuro prodotti che amplieranno poi la gamma sul mercato dell’Europa centrale.

BHUTAN

“Bhutani”
Così viene riportato l’hashish proveniente dal regno buddista del Bhutan (Himalaya), strofinato a mano sotto l’influenza dell’aumento del turismo. Occasionalmente, vengono strofinate piccole quantità di piante selvatiche a foglia stretta ricche di resina e potenti nel distretto della capitale di “Thimpu” o nel centro settentrionale del Bhutan nel distretto di “Bumthang”. Lo Stato sta prendendo provvedimenti contro di essa.

CINA

“Tibetani”
Anche dalle valli tibetane himalayane controllate dalla Cina si segnala la produzione di hashish. Nei Paesi Bassi, l’hashish tibetano, ad esempio con il nome di fantasia “Abominable Snowman”, era molto raro sul mercato. L’hashish tibetano è descritto come simile al marocchino leggero, setacciato e di alta qualità e non è esattamente economico.

“Yunnani”
Nello Yunnan, che è popolare tra i viaggiatori, la canapa contenente THC cresce spontaneamente. Sotto la loro influenza, l’hashish viene occasionalmente strofinato a mano e raramente arriva sul mercato europeo. Tale prodotto era a strati sottili, nero con una nota marrone-verdastra, secco, mite e ricordava l’erba importata stimolante di moderata potenza dal viaggio. Da alcuni anni, la canapa a basso contenuto di THC viene coltivata sempre più per la produzione di fibre e semi e potrebbe alterare geneticamente la popolazione di piante selvatiche, che ora viene combattuta dalle autorità locali.

“Yarkandi” L’
odierno Turkestan orientale cinese ha esportato l’ambito hashish setacciato in India (!) Cento anni fa. Questa regione potrebbe anche essere il punto di partenza storico per questa tecnologia. Hashish fine, giallo chiaro, setacciato, chiamato “Yarkandi” dal suo luogo di origine, ha attirato l’interesse in una breve fase alta a partire dai primi anni ’90 con l’arrivo di viaggiatori dall’Occidente e quindi è arrivato all’estero. Nonostante la successiva repressione sempre crescente, questa specialità sembrava ancora esistere. Kashgar (“Kashi”) è stato nominato come un altro luogo di produzione.

ASIA CENTRALE (ex sovietica)

Nella parte ex sovietica dell’Asia centrale, dove la canapa cresce spontaneamente in grandi stock in Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan, Turkmenistan e Siberia, la produzione di hashish (“Gashish”) da canapa contenente THC (“Anasha”) non è sconosciuto. Già negli anni ’70, “High Times” era in grado di riportare una buona qualità su “Irkutsk Hash” (Siberia) e “Tashkent Hash” (Kazakistan).

KIRGISISTANO

“Cioccolato”
I fumatori di cannabis (“Nashakur”) e i piccoli imprenditori viaggiano fino ad oggi, a volte nonostante i brutali controlli governativi, da molto lontano, ad esempio in agosto e settembre per trovare stock selvatici con un contenuto di THC sufficientemente alto (il 2-4% è stato misurato in le gemme femminili essiccate) nella valle del Chu (y) tra Kazakistan e Kirghizistan e intorno all’Issyk-köl o Issyk-Kul (lago) in Kirghizistan per raccogliere infiorescenze e/o per strofinare hashish tra le mani, che è chiamato “ruchnik” . Dalla metà degli anni ’90, la popolazione locale ha anche usato il redditizio “Kara koi” (“pecora nera”) per un’attività secondaria. Probabilmente è un grattugiare piuttosto frenetico e grossolano, se si considera che da 15 a 25 grammi di questo prodotto di hashish nero con contenuto vegetale visibile, che è anche chiamato “cioccolato”,
“Tyupskyi ruchnik”
è hashish grattugiato tra le loro mani nei campi di canapa selvatica (“Kumtor”) dalla popolazione locale della regione di Tyup a Issyk-Kul Oblat, che gode di una reputazione particolarmente buona.

CAUCASO

Il Caucaso, con la sua natura selvaggia in alcune regioni vicino a fiumi e canali di irrigazione e nei campi abbandonati, così come gli stock ruderali di canapa che a volte prosperano in località (ad esempio nell’Armenia settentrionale, nel Nagorno-Karabakh e nella Georgia sudoccidentale) dovrebbe essere considerato un potenziale coltivazione della canapa – Indicare l’area di produzione di hashish.

TROPICALE

Tradizionalmente, i paesi tropicali hanno fornito principalmente fiori di canapa, cioè marijuana. La produzione di hashish era in gran parte sconosciuta fino agli anni ’70. I seguenti motivi rendono più difficile la produzione di hashish: 1. Le varietà di canapa tropicale sono spesso piuttosto potenti, ma poco resinose. 2. Le ghiandole di resina esistenti sono generalmente molto più piccole di quelle delle varietà di canapa hashish, il che rende notevolmente più difficile la setacciatura e lo sfregamento. 3. il clima caldo e umido influisce sulla produzione di hashish, a. perché le ghiandole di resina con resina a bassa viscosità scoppiano facilmente e gelatinizzano i setacci, b. perché i principi attivi si degradano in tempi relativamente brevi e la qualità ne risente notevolmente. 4. Mancanza di domanda e di rotte verso i mercati di vendita, presupposto per il decollo degli affari.

Ora, negli anni ’70, inebrianti imprenditori della canapa si sono recati nei paesi che in particolare hanno inondato il mercato statunitense di marijuana. Hanno portato con sé non solo una richiesta di erba speciale senza semi (sinsmilla) ma anche di specialità esotiche, vale a dire l’hashish. Allo stesso tempo, hanno portato con sé il know-how dei viaggi nei paesi tradizionali dell’hashish. Con una forte concorrenza e un mercato temporaneamente quasi saturo, l’hashish iniziò a essere prodotto su richiesta nei paesi tradizionali di coltivazione della marijuana.

Con “impollinatori” refrigerati o collocando le apparecchiature di vagliatura in celle frigorifere o utilizzando sacchetti di setacciatura con ghiaccio o latore, l’hashish può essere ottenuto anche nelle regioni tropicali calde come l’Africa occidentale. Già negli anni ’90 (in Svizzera) sono stati costruiti “impollinatori” in cui la canapa è stata guidata da un carrello elevatore. Inoltre, ora c’è uno scambio globale di semi, che manterrà i mercati in movimento.

MESSICO

“Emerald Hash” dal Messico
era una rara specialità verde setacciata che probabilmente è stata assaggiata solo da pochi americani. Michael Starks mostra la produzione di questo esotico (qui da Oaxaca) negli anni ’70 con l’aiuto di foto nel suo libro “Marihuana Potency”.

COLOMBIA

Secondo l’High Times, si dice che lo “Chicle Hash” dalla Colombia sia stato strofinato dalle punte di piante di marijuana selezionate della Llanos Valley nella seconda metà degli anni ’70 e introdotto di nascosto negli Stati Uniti in piccole quantità come una vera e propria specialità, probabilmente “Dealers Stuff Only”, un hashish nero-verde con contenuto vegetale visibile.
Durante questo periodo, grandi quantità di “Columbian Hash” sono state prodotte in Colombia ed esportate negli Stati Uniti. Tuttavia, questo è stato prodotto in modo così negligente (più di un’imitazione hashish) che ha goduto di una pessima reputazione e, come “specialità”, è scomparso dal mercato all’inizio degli anni ottanta.
Sinsemilla viene ora coltivata in modo altamente professionale in Colombia da semi locali e internazionali. Inoltre, l’hashish e l’estratto di olio sono prodotti con metodi moderni. Vengono utilizzate anche serre, ambienti interni e luce artificiale. Da un punto di vista economico e in termini di standard di qualità, questo è probabilmente sensato, ma triste per i nostalgici: non sono solo le peculiarità della genetica locale (“razze di terra”), i metodi di coltivazione tradizionali e il terroir che vanno male, il anche l’equilibrio ecologico rischia di peggiorare notevolmente.

GIAMAICA

“Jamaican Black”
era il nome di un prodotto apparso nel Regno Unito negli anni ’80. Aveva un contenuto di THC non superiore alla media dell’erba giamaicana, e si accendeva e sembrava hashish grezzo. Probabilmente è stato pressato da parti di piante macinate in una polpa. La buona erba originale “Sativa” Jamaica ha avuto un effetto forte e stimolante con una fisicità sensuale.

“Re della giungla”
Nome affettuoso per l’hashish di produzione interna, più corretto sarebbe “Queen of the Jungle”. In Giamaica, coltivatori ambiziosi di potenti piante erbacee, per lo più di origine internazionale, stanno ora producendo notevoli quantità di hashish strofinato a mano di diversi colori di qualità eccellente da grossa a ambita a scapito della qualità dell’erba. Fa parte del repertorio di alcuni coltivatori anche l’hashish di diversi colori e potenza ottenuto tramite setacciatura: “Blond”, “Red”, “Black”. Grazie alla vicinanza con gli Stati Uniti e ai contatti internazionali, si ha un accesso lungo e continuo a varie genetiche e tecniche e ci si confronta con nuove esigenze. Con la tipica coltivazione tropicale all’aperto, c’è un notevole potenziale per un’interessante varietà di prodotti, che ha già raggiunto i mercati internazionali in piccole quantità speciali come l’originale “Jamaican Hashish”. Un campione di questo prodotto commerciale da esportazione si è rivelato marrone, lavorabile a caldo ea pressione, un setaccio di teste ghiandolari abbastanza puro uniforme, moderatamente fumabile, con un sapore che ricorda l’erba all’aperto della stessa provenienza concentrata in resina, il potente energico sballo di THC pieno di resina “Vibrazioni positive, avvio a razzo dolce-intelligente, un vero progetto giamaicano”.

PARAGUAY

“Cera Paraguaya” Il
Paraguay è un grande produttore di erba e rifornisce i paesi vicini. Come sottoprodotto, vengono realizzate palline di hashish fatte a mano di colore marrone-nero del peso di circa 3 grammi, chiamate “Cer (it) a Paraguaya” (cera paraguaiana). Se sono fatti con troppa umidità, tendono ad ammuffire.

SENEGAL

Anche qui una polvere di hashish chiara e giallastra è stata setacciata dalla marijuana locale “Jamba”, presumibilmente per soddisfare le esigenze esclusive dei clienti. A causa dell’alto contenuto di THC delle erbacce tropicali, è probabile che l’hashish preparato e conservato con cura sia una variante delicata con un potente effetto stimolante o psichedelico. La Casamance, politicamente instabile, è la principale area di coltivazione tradizionale della marijuana. Nel Gambia, che è circondato dal Senegal, è particolarmente famosa la (mezza) isola “Gunja-Island” nel fiume Gambia.

FILIPPINE

“Headhunter Hash” o “Philippine Hash”
non è stato prodotto solo per i soldati americani dagli anni ’70, ma anche per il redditizio mercato giapponese. Molto raramente si è presentato con noi. Un campione odorava di menta e affumicato – “simile alla gomma”, piatto duro di medio spessore di colore marrone chiaro, setacciatura relativamente fine, secco, polveroso, potenza debole, ma con quantità sufficiente, effetto confuso, “essere sobrio e allo stesso tempo abbastanza sciocco e strano accanto a te”, è stato probabilmente sovrapposto, senza competizione con la popolare, a volte molto buona, erba tradizionale ricca di THC della stessa provenienza.
Nel frattempo, i migliori ibridi ibridi internazionali vengono sempre più coltivati ​​nella tradizionale area di coltivazione della cannabis nelle montagne a terrazze di riso di Igorot intorno a Sagada, nel nord dell’isola principale di Luzon. Anche l’hashish si ottiene da questo, ad esempio setacciando. Può essere otticamente chiaro (“Pollen”) o nero scuro come il Pakistan (“Chocolate”, “Charas”) e dovrebbe essere di notevole qualità e potenza.

CAMBOGIA

La cosiddetta “erba tailandese” con una leggendaria reputazione psichedelica, ma per lo più moderatamente potente e insolita, spesso non proviene direttamente dalla Thailandia dagli anni ’80, ma dal vicino Laos, dove la finta canapa è usata come spezia, ad esempio per la “Happy Soup” era relativamente liberamente disponibile per la vendita ai commercianti di tabacco sul mercato. È stato lo stesso in Cambogia, dove i piatti a base di erba venivano venduti appositamente ai turisti nei cosiddetti ristoranti “pizza felice” dagli anni ’90. Questi hashish setacciati sono raramente ottenuti in lastre sottili di erba resinosa non compressa, che rappresenta quindi una rara e potente specialità che esprime il carattere dell’erba in una forma concentrata, anche se non era altrettanto forte.

SUDAFRICA, TRANSKEI, LESOTHO E SWAZILAND

Dalla “Power Plant” di grande successo, che è composta da piante sativa con contenuto di THC a volte piuttosto elevato e profili di effetti interessanti (ricorda “Durban Poison”, “Swazi Gold” e la genetica sudafricana) e ha introdotto varietà internazionali Weed (“dagga “) ora viene talvolta estratto anche hashish. L’attuale legalizzazione del consumo ha già portato a un ulteriore boom della coltivazione. L’hashish ha trovato sporadicamente la sua strada in Europa con nomi come “Zulu Hash”.

Questo elenco può probabilmente essere continuato all’infinito, ma torniamo al regno europeo.

Excursus: Paesi dell’hashish dimenticati
Alcuni paesi un tempo svolgevano un ruolo importante nella produzione di hashish. Questo include la Grecia. Dal XIX secolo fino agli anni 1920, gli altopiani della penisola del Peloponneso intorno alla città di Tripoli furono un centro di coltivazione della canapa per la produzione di hashish mediante setacciatura, nonostante il divieto di coltivazione dal 1890. Il prodotto era principalmente commercializzato e commercializzato in Medio Oriente tramite I greci che vivevano lì erano particolarmente popolari in Egitto insieme all’hashish del Libano e alle preparazioni del subcontinente indiano (ma soprattutto del Turkestan orientale). In generale, l’Egitto era uno dei principali acquirenti di hashish, che veniva fumato principalmente in una pipa ad acqua. Poiché l’hashish era vietato anche in Egitto, doveva essere avventurosamente contrabbandato. All’epoca ad Alessandria c’era persino un museo del contrabbando di hashish. Sarebbe interessante,
L’Iran, un tempo residenza dei leggendari “Assassini”, la presunta setta ismailita dei “mangiatori di hashish”, attorno alla quale si sono sviluppate leggende fin dai tempi dei crociati e di Marco Polo, un tempo forniva hashish che è stato analizzato scientificamente in Europa.
Il Turkestan orientale (oggi Cina) esportava ancora grandi quantità di hashish (diverse centinaia di tonnellate all’anno) all’inizio del XX secolo, principalmente nel Turkestan occidentale (Russia) e in India.

OLANDA

Negli innovativi Paesi Bassi, dagli anni ’90 in poi, l’hashish è stato prodotto professionalmente per la prima volta dagli scarti del raccolto (i ritagli di fiori). L’ampia saturazione del mercato della sinsemilla con fiori di canapa locale e lo sviluppo di macchine e metodi che consentono di risparmiare manodopera (ad es. “Pollinator” e la tecnica di setacciatura “Ice-o-lator-Bag”) hanno contribuito in modo significativo a questo. Prima di tutto, i fiori venivano strofinati o trebbiati su asciugamani di seta tesi su ciotole di plastica, proprio come lo sapevamo dai paesi tradizionali dell’hashish come il Marocco. Successivamente sono stati aggiunti telai in alluminio rivestiti con tessuti provenienti dalla serigrafia. Infine, è stato possibile scegliere tra i vibrovagli automatici meno efficaci e un tipo di cesto di lavaggio con setacciatura basato sul principio centrifugo (l’“impollinatore”). Poiché la setacciatura viene eseguita meglio a basse temperature (fino a circa meno 5 gradi Celsius), i sistemi di raffreddamento sono stati modificati. La polvere ottenuta viene spesso ri-setacciata a mano. La polvere, stesa sottilmente in carta cellophane, viene pressata con presse idrauliche. Il risultato: un prodotto rispettabile, ottenuto professionalmente e uniforme.

Uno svantaggio della setacciatura degli impollinatori è l’uso comune di parti frondose provenienti dalla potatura delle infiorescenze di sinsemilla. L’aroma di tale hashish è solitamente piuttosto erbaceo, anche se la potenza è piuttosto elevata a seconda della materia prima utilizzata. Ancora meglio sono le qualità accuratamente setacciate dalle già ottime infiorescenze di sinsemilla (anche a mano). Dieci grammi di fiori di sinsemilla coltivati ​​esternamente delle varietà Skunk o Northern Lights dovrebbero essere in grado di setacciare circa un grammo di ottimo hashish. Bastano uno o due tiri per conoscere l’energia concentrata delle piante madri. Tale hashish era inizialmente tra i migliori sul mercato. Tuttavia, i prezzi richiesti erano già esorbitanti e persino esorbitanti.

“Nederstuff” o “Nederhash”
Tipicamente marrone giallastro o marrone verdastro, a volte nero verdastro e tagliato a strisce sottili, questa denominazione include tutto ciò che riguarda l’ hashish ottenuto nei Paesi Bassi.

“Skuff”, derivato
da “Skunk” e “Stuff” (hash), originariamente stava per hashish molto potente proveniente da piante olandesi della varietà “Skunk”. Un altro nome che allude all’effetto di uno “Skunk hash” così potente è “Flower Power”. Alcuni si riferiscono anche a “skuff” come avanzi (forse ancora adatti alla produzione di hashish).

“Aurora borealis”
era un nome di fantasia per l’hashish derivato dai fiori “Northern Lights-Aurora borealis”, potenza concentrata del tipo indica.

“Super Haze Hash”
è un hashish eccezionale in quanto deriva da una pura sativa tropicale (nome del ceppo “Haze”). La resa è bassa, ma quando è ottenuta da fiori maturi ed è ancora appena fumata, è di enorme potenza stimolante sativa, “buon volo”.

“Orange Hash”
dall’incrocio “California Orange”. “Due ore di potenza a un livello interessante tra indica e sativa.” In generale, l’hashish accuratamente setacciato da potenti erbacce fresche ha un effetto estremamente intenso e persistente. In generale, lo “spirito” di qualsiasi tipo di erba può essere concentrato anche nell’hashish. Sono possibili la prima e la seconda proiezione, così come specialità esotiche chiare, quasi psichedeliche, à la “Central Mexican Sativa Hash”.

“Bubble Hash”
Un’altra rivoluzione è stata la tecnica di setacciatura “ice-o-lator” (con l’ausilio di sacchetti di plastica o dispositivi completi, acqua e ghiaccio). Possono essere utilizzati per estrarre concentrati di hashish ad alta concentrazione da piante selezionate (sinsemilla) così resinose e che tendono ad essere meno aromatiche e tendenti alle muffe delle rifilature, o ancora meglio i fiori stessi, che non devono nemmeno avere stati essiccati che si sciolgono, bolle ed evaporano quando riscaldati. Questo è chiamato “full melt”. Qui, i nomi immaginari dei prodotti si riferiscono alle piante originali, al produttore, alla presunta o reale qualità e/o agli effetti. Mentre nelle prime varietà di hashish di screening olandesi è stata misurata una quantità considerevole di oltre il 20% di THC, Soprattutto, il bubble hash del 21° secolo ha trionfato con un contenuto di THC fino al 40% e molto altro. Le “Ice-O-Later-Bags” sono facili da trasportare. Ad esempio, alcuni piccoli contrabbandieri producono in loco il corrispondente hashish nei paesi tradizionali di coltivazione della cannabis. Si tratta quindi di specialità straordinarie per gli amici dei profili cannabinoidi locali. Nel frattempo, anche i produttori locali professionali (ad esempio in Marocco e India) utilizzano la tecnologia ice-o-lator e creano così prodotti sorprendentemente potenti che arricchiscono il mercato. Si tratta quindi di specialità straordinarie per gli amici dei profili cannabinoidi locali. Nel frattempo, anche i produttori locali professionali (ad esempio in Marocco e India) utilizzano la tecnologia ice-o-lator e creano così prodotti sorprendentemente potenti che arricchiscono il mercato. Si tratta quindi di specialità straordinarie per gli amici dei profili cannabinoidi locali. Nel frattempo, anche i produttori locali professionali (ad esempio in Marocco e India) utilizzano la tecnologia ice-o-lator e creano così prodotti sorprendentemente potenti che arricchiscono il mercato.

“Rosin oil”
è un prodotto di transizione tra hashish e olio. Si ottiene spremendo fiori di cannabis particolarmente ricchi di resina, ma anche hashish mediante calore e pressione, ad esempio con l’ausilio di ferri e ferri da stiro. La resina drenante rappresenta l’olio che prende il nome da un distributore di questa tecnica (in piccolo formato), già negli anni ’80 i viaggiatori giamaicani raccontavano di una tale resina pressata a pressione ea caldo. Ora ci sono attrezzature extra per estrarre la resina “colofonia”.

“Olio”, “710”, “Budder”, “Cera”, “Vetro”, “Frattura”
L’ultimo clamore dell’hashish sul “bubble hash” è stato sostituito negli ultimi anni dalla diffusione di estratti prodotti utilizzando vari solventi, chiamati semplicemente “oil” (inglese “Oil” o twisted “710”). Si estraevano già nel XIX secolo, tradizionalmente per così dire, utilizzando l’alcol. L’alcool isopropilico, l’etere di petrolio, l’acquaragia, l’esano, ecc. furono aggiunti in seguito come solventi dannosi per la salute. Un’estrazione “BHO” potenzialmente esplosiva utilizzando gas butano liquido il più puro possibile tramite il cosiddetto “Honeybee Extractor”, un tubo in plastica, vetro o metallo, sta riscuotendo sempre maggiore popolarità tra i piccoli produttori da diversi anni. L’etere dimetilico puro liquefatto è l’agente di scelta per i suoi attuali dispositivi successori. “Budder”, “Cera”, “Vetro”, “Shatter” sono nomi per prodotti che sono stati pre o post-puliti in parte da sostanze solubili in acqua, coloranti, terpeni, cere, grassi e cannabinoidi indesiderati, che sono fabbricati in vari modi, come mostrato su Internet. Recentemente, negli Stati Uniti quasi legalizzati, sono stati prodotti estratti ad alta tecnologia utilizzando l’estrazione di CO 2 liquida in un sistema chiuso, analogo all’estrazione di luppoli o piante medicinali e piante profumate, e talvolta anche miscelati nuovamente o miscelati con distillati terpenici (che sono gli aromi e forse anche le varianti di effetto contribuiscono) ai prodotti desiderati sintetici. Come materiale di partenza vengono utilizzati non solo ritagli secchi, infiorescenze o persino polvere di hashish, ma anche infiorescenze fresche e congelate. Tutti gli estratti sono utilizzati se devono essere inalati, per la vaporizzazione, preferibilmente “vaporizzando” con opportuni dispositivi o “tamponando” con opportuni accessori per pipa. Gli estratti di olio sono stati utilizzati anche per migliorare i prodotti di hashish o per creare imitazioni artificiali di hashish. La chemizzazione dei prodotti a base di cannabis e il loro contenuto di THC sempre più elevato (oltre il 60% non dovrebbe essere raro, con il 100% di “Dronabinol” cristallino / solido di THC a temperature fresche si concluderebbe teoricamente e praticamente con questo sviluppo) sono un medico-farmaceutico Molto interessante , ma sviluppo controverso nell’area del consumo di piacere, che è discusso in modo controverso quanto il consumo di vino e / o grappa nel caso dell’alcol. Alcuni lodano la purezza e la potenza dei prodotti, gli altri si rammaricano di una perdita di divertimento e cultura e avvertono del rischio di sovradosaggio con il consumo occasionale e un rischio di dosi elevate con l’uso a lungo termine di tali concentrati di THC. Tuttavia, a causa dei loro numerosi entusiasti protagonisti, gli sviluppi non potranno essere fermati, né forniranno spunti interessanti sull’interazione dei vari componenti della cannabis e altre creazioni di prodotti.

SVIZZERA

Durante gli anni ’90 liberali, in Svizzera è stata coltivata molta canapa ruspante per i kisslis profumati. Il mercato dell’erba era così saturo che a volte veniva prodotto ed esportato anche hashish ottenuto tramite setacciatura. Le qualità offerte in Germania e nei Paesi Bassi in quel momento andavano da piatti ammuffiti e ammoniacali con l’aspetto di un piatto europeo che nessuno voleva, a pasticche da 20 grammi piccole, leggere e piuttosto asciutte con i propri loghi e un effetto piacevolmente stimolante limite di prezzo di quanto pagato per buona qualità al momento (20 DM/g). C’erano varie qualità in loco presso i produttori. Dopo che le cose sono diventate legalmente strette in Svizzera, i coltivatori d’avanguardia si sono ritirati sottoterra o hanno continuato con la carovana verso paesi più liberali come la Spagna.

ALBANIA

Lazarat (in) è il nome di una piccola cittadina nel sud dell’Albania che era completamente dedita alla coltivazione della finta canapa, come tutti potevano vedere su YouTube nel 2012. Si dice che una produzione annua di 900 t di fiori di canapa sia stata raggiunta lì nel 2013 da semi ibridi olandesi in collaborazione con mafiosi italiani. Sono stati esportati principalmente in Italia e Grecia. Non è noto fino a che punto sia stato prodotto anche l’hashish. Il 16 giugno 2014, ha avuto luogo un raid di 3 giorni in cui gli abitanti del villaggio pesantemente armati si sono difesi e sono state confiscate 102 tonnellate di marijuana e 530.000 piante di cannabis.
Da allora (2015/2016), la coltivazione si è spostata in regioni montuose disabitate (come i monti Dukagjin nel nord dell’Albania), in cui in alcuni casi sono ancora in corso piantagioni considerevoli. Nel sud, Terpelene e Lushnje (Kadiaj) sono nominati come nuovi centri di coltivazione. Si dice che i propagandisti dell’Isis siano attivi nella regione.

Excursus: hashish giusto

La criminalità organizzata (ovunque), i terroristi (ad es. Marocco, Turchia, Libano), i signori della guerra (ad es. Afghanistan, Pakistan), i ribelli (ad es. Nepal), funzionari governativi corrotti, militari e agenti di polizia (ovunque) possono essere prevenuti solo a condizioni di legalizzazione La coltivazione della canapa, l’estrazione e il commercio di prodotti a base di canapa ne beneficiano. Questo è l’unico modo per garantire che la canapa venga coltivata e lavorata in modo ecologicamente corretto, senza danneggiare l’ambiente o utilizzare aiuti dannosi. Questo è l’unico modo in definitiva di ottenere una prevenzione credibile e una protezione dei consumatori, ma anche di creare condizioni di lavoro eque per tutti coloro che lavorano nell’industria.

GERMANIA

Nel 1995, l’hashish commercialmente tamburato proveniente da piante coltivate in Germania con il “Pollinator” è arrivato per la prima volta sul mercato a prezzi elevati. I coltivatori di canapa pesanti tedeschi seguono le tendenze dei loro colleghi internazionali. Con il “finger hash” o “scissors hash” (che si verifica durante la raccolta e la lavorazione) e lo “agitatore di polline” del tipo “hash maker”, il piccolo agricoltore può facilmente godersi il piacere della polvere di ghiandole di resina fatta da sé o agitata, ancora la “creme de la” Crema “della canapa ottenuta naturalmente.

 

Approfondimenti su Hashish Nepalese

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

Differenza tra Ganja e Hashish

Differenza Tra Ganja E Hashish
  • Sale!
    BABY BOOM - Canapa Light

    BABY BOOM CANNABIS LIGHT CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 11.00
    8.20349.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba, ganja

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED – GANJA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota

In questo articolo vedremo la differenza tra ganja e hashish, iniziando proprio dal principio e dal punto in cui, la marijuana, sta ad indicare quelli che semplicemente sono i fiori essiccati della cannabis. Quindi derivano da una pianta che si caratterizza per le sue foglie dentate.

Nel momento in cui si parla di queste piante, si fa riferimento anche a due tipologie, quella sativa e quella indica. La differenza, quando si parla di marijuana è che, si farà riferimento al THC. Ovvero, si intende il delta-9-tetraidrocannabinolo, ovvero una sostanza decisamente più psicoattiva, che è appunto presente nella marijuana. Essa ha la capacità di provocare degli effetti negativi quali ansia, depressione e similari. Inoltre, se viene assunto con regolarità, il THC provoca dipendenza.

Quali sono gli effetti collaterali della marijuana

Per ciò che riguarda gli effetti collaterali della stessa marijuana avente il THC, essi potranno andare da delle semplici variazioni della stessa percezione del tempo e spazio, alla mancanza d’ascolto, con conseguenti pupille dilatate, agitazione, così come tachicardia e sonnolenza. Da tenere presente che, lo stato delle emozioni e quello fisico sono imprevedibili, ma potranno variare in base a quelle che sono le condizioni psicologiche di chi la assume. Invece, per quanto riguarda la marijuana senza THC, quindi quella light o legale, non ci sono degli effetti collaterali significativi, dato che si tratta di un prodotto genuino e naturale.

Cosa è la marijuana con CBD?

Visto che si è parlato di THC, bisogna anche tenere presente che esiste la variante con CBD, quindi della marijuana che contiene il cannabinoide, che è in grado di apportare numerosi benefici all’organismo senza causare effetti da sonno o euforia, che, al contrario, vengono provocate dal THC. Quindi, il CBD si potrà trovare nella marijuana legale, che è reperibile sullo shop di Justcanapa, rivenditori specializzati e autorizzati.

Di cosa si compone l’hashish?

Dopo aver parlato della ganja, adesso, passeremo a parlare dell’hashish, tenendo a mente quelle che sono le differenze. Prima di tutto, l’hashish è una sostanza che viene estratta dalle infiorescenze femminili che fanno parte della cannabis (tricomi). Essi dovranno aver raggiunto la maturazione totale, quindi, dopo la sua lavorazione, vedremo che l’hashish si presenterà in forma di resina (kief) e avrà delle elevate dosi di THC, che potranno essere in grado di dare origine a tanti effetti psicotropi.

Gli effetti dell’hashish sulla persona

Cominciamo con il dire che, l’hashish, una volta che viene assunto, provocherà un senso di benessere iniziale, con conseguente felicità e rilassamento, che di solito possono essere accompagnati dall’avere una percezione spazio-temporale molto alterata. Appunto, si tratta di alcuni effetti che sono prettamente benefici, che vanno ad impattare sull’organismo di chi andrà ad assumere tale sostanza, ma ci sono anche degli effetti collaterali.

Hashish effetti collaterali

Gli effetti collaterali che vengono causati dal fumare hashish possono essere alcuni come il vomito, la perdita della coordinazione, probabili crampi allo stomaco, ma anche un aumento della respirazione e del battito cardiaco, ansia e sonnolenza. Solitamente, tutte queste tipologie di manifestazioni tenderanno a svanire in poco tempo, per cui l’hashish potrà creare dipendenza e alcuni problemi che potrebbero protrarsi a lungo termine, come una resistenza bassa a influenza e raffreddore.

Differenze tra hashish e ganja

Arrivati fino a questo punto, procederemo con l’effettivo paragone di questi due tipi di sostanze, quindi, di quali sono gli elementi principali che differenziano l’hashish e la ganja. Sicuramente i primi sono la composizione e anche gli effetti che vengono causati dal THC. La cannabis ha dei fiori essiccati, che vengono setacciati, percossi e immersi in acqua ghiacciata, da dove si ricaverà la resina al fine di realizzare un panetto compatto. Infatti, tale tipologia è quella che contiene dosi elevate di THC rispetto alla ganja, perché i tricomi sono allo stato puro. La percentuale sarà dal 20% al 60%. Proprio per tal motivo fumare hashish in modo costante potrebbe causare più effetti collaterali.

Come è l’hashish light?

Infine, come viene venduta la ganja legale o light, esiste anche l’hashish legale, che dunque è privo di THC. In tal caso, dato che i suoi fiori sono lo stesso allo stato puro, la percentuale di CBD sarà molto più alta e quindi, apporterà benefici anziché effetti collaterali, come il fatto di poter curare in modo efficace tante patologie, tra le quali: ansia, stress, depressione e soprattutto insonnia. Si potrà acquistare e assumere senza nessuna prescrizione medica e senza che si violino delle norme. Nel nostro shop di Justcanapa è possibile trovare alcuni prodotti light, sono delle ottime infiorescenze come per esempio la Cheese Weed e la Blueberry Weed, ma anche il Cannatonic e il Baby Boom. Per quanto riguarda l’hashish ci sono ottimi prodotti, come per esempio il Burbuka, il Charas e il Ketama, tutti legali e naturali al 100%.

Approfondimenti sulla Ganja

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

Che cosa è la Ganja: prodotti e dove trovarla

Ganja
  • Sale!
    BABY BOOM - Canapa Light

    BABY BOOM CANNABIS LIGHT CBD CBDA < 30%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 11.00
    8.20349.00
    Svuota
  • Sale!Hot
    Cannatonic bz1

    CANNATONIC BZ1 CBD < 33%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.20|€ 14.00
    8.20340.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba, ganja

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED – GANJA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota

Ultimamente si acquista molto sul web, proprio per poter trovare i prodotti di ganja legale online, ciò è dovuto soprattutto al fatto che ci sono molteplici opzioni legali e convenienti per quel che riguarda il consumo di ganja. Ma che cosa è la ganja? Vediamo in questo articolo e conosciamo i prodotti disponibili all’interno del nostro shop Justcanapa!

 

Cos’e la ganja

 

La ganja, chiamata perlopiù marijuana, fa parte di un agglomerato di foglie secche e di fiori di semi della pianta di canapa. Il principale principio attivo è il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), con effetti psicoattivi, e  il cannabidiolo CBD, che, a differenza del THC, non ha alcun effetto psicoattivo.

 

Prodotti Justcanapa

 

Sul nostro sito potrete trovare, all’interno dello shop, la cheese ganja, una tipologia che nasce dall’ibridazione di due delle migliori varietà Skunk, con un alto contenuto di CBD, ha un sapore di formaggio e di mirtilli. Perlopiù viene conosciuta anche come blue weed, cannabis cheese, cheese marijuana. La blueberry weed si ottiene da delle coltivazioni al 100% di infiorescenze di cannabis sativa di alta qualità. La marijuana blueberry weed o anche blueberry ganja viene coltivata senza utilizzare additivi chimici o insetticidi, ma è lavorata e raccolta a mano. Si tratta di una tipologia sativa. Nel particolare, i fiori, hanno una dimensione medio piccola, che è simile a quella della blueberry cheese weed, sono compatti, si presentano avendo una forte presenza di pistilli arancioni.

 

Sapore CHEESE WEED BLUBERRY WEED

 

Il sapore e l’odore del formaggio e mirtilli della blueberry ganja si deve a quella che è la presenza di alcuni acidi nei terpeni, che sono la causa del suo odore e di altre proprietà medicinali. Tra tutti i responsabili ci sono l’acido caproico, che solitamente si trova nei grassi animali ed è quello che dà l’odore di ammuffito, e l’acido isovalerico, che ricorda un odore più sgradevole simile al gorgonzola La cheese cannabis si differenzia per il sapore particolare che fa tornare alla mente sia il sapore del formaggio, ma con dei rimandi agli agrumi. Tutto sommato, alla fine, si avrà un sapore fresco e agrumato.

 

Come si riconosce la ganja

 

La ganja si può riconoscere grazie al fatto che assomiglia a un mix di materiale vegetale tritato, è verde con delle tendenze marroni. Ma può anche variare di aspetto diverso in base a come sarà preparata o confezionata.

 

 

Cosa fa la ganja

 

Le membrane delle nostre cellule nervose del cervello sono quelle che presentano i recettori che si legano al THC, per questo motivo si hanno diverse tipologie di reazioni, che portano anche le persone a percepire delle alterazioni di umore. Ma, quando si assumerà la ganja priva di THC, come quella citata, faremo riferimento a un prodotto che risulta essere privo di effetti psicoattivi, che conferisce sensazione di calma e di relax.

 

Come si può consumare la ganja

 

Il modo più comune di consumare la ganja è quello di fumarla. Solitamente viene arrotolata all’interno di una sigaretta con tabacco, ma si può anche fumare in una pipa o in un “bong”. Esistono alune parti della ganja che potrebbero essere consumate come alimenti commestibili, quindi biscotti e torte.

 

Approfondimenti sulla Ganja

 

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

La marijuana dovrebbe ora essere legale…

Marijuana Legale

La Marijuana si sta legalizzando in modo sempre più diffuso

Si dice che la marijuana sia legale nel New Jersey dall’inizio di questo nuovo anno 2021, ma non è ancora saggio usarla.

Quando gli elettori si sono recati alle urne nelle elezioni generali di novembre 2020 per votare sulla marijuana legale, hanno sostenuto in modo schiacciante un voto che chiedeva un mercato dell’erba tassabile e regolamentato. In effetti, richiedeva agli adulti di 21 anni e più di avere il diritto di acquistare erbacce come farebbero con le bevande alcoliche.

Circa 2,7 milioni di elettori hanno detto sì al piatto. E si aspettavano di ottenerlo nel gennaio 2021. Tuttavia, nonostante abbiano avuto due mesi per accettare le regole sulla marijuana, i legislatori del New Jersey non sono riusciti a mostrare allo stato come avrebbe funzionato il sistema giudiziario.

“Non esiste alcuna legge esecutiva e nessuna regolamentazione da parte del nuovo comitato che viene istituito”, ha affermato Robert Williams, professore in pensione di diritto costituzionale alla Rutgers Law School. “È davvero una strana situazione in cui le persone possono votare per qualcosa e letteralmente il legislatore può semplicemente escluderlo senza fare nulla al riguardo”.

Sebbene la marijuana questo nuovo anno legalmente nel New Jersey avrebbe dovuto essere per la gente, tutte le figure politiche responsabili di questo falliscono. I legislatori statali e il comitato di regolamentazione della cannabis sono stati accusati di erodere il quadro giuridico su come la marijuana sarà integrata nella società civile. Tuttavia, le discussioni sulle tasse e sui risarcimenti per le comunità vittime della guerra alla droga hanno impedito loro di raggiungere un accordo. Il risultato significa che la marijuana esiste in uno strano purgatorio politico che potrebbe impedirne la legalizzazione nel New Jersey entro il 2021.

Anche i legislatori statali capiscono quanto siano inefficaci nel raggiungere la legittimità. Per questo motivo, recentemente sono state sostenute diverse proposte separate per depenalizzare le piccole proprietà e ridurre gli arresti per cannabis. Tuttavia, il legislatore statale non può nemmeno raccogliere e riuscire a raggiungere questi risultati.

La situazione è abbastanza deludente. Ma ricorda che il governatore Phil Murphy e il legislatore statale hanno cercato di legittimare l’erba per anni, e la frustrazione non descrive nemmeno correttamente la scena. Parole come vergogna e incompetenza hanno maggiori probabilità di farlo. Il motivo per cui agli elettori è stato chiesto di decidere sull’erba legale è che i legislatori sembrano non essere d’accordo sull’opportunità di farlo o su come attuarla.

La cannabis non è ancora legale nel New Jersey

Ora è il 2021, gli elettori si sono espressi positivamente e i costumi continuano a ostacolare i progressi.

Fino a quando legislatori e autorità di regolamentazione non troveranno un accordo sulla marijuana legale, i pubblici ministeri la considereranno ancora un crimine.

“Tutte le leggi penali statali sulla marijuana continueranno ad applicarsi fino a quando, tra le altre cose, il legislatore non adotterà una legge che stabilisca questo quadro normativo”, ha affermato il procuratore generale Gurbir Greal in una nota. “È importante che i residenti abbiano una buona comprensione della situazione attuale in modo che non si impegnino accidentalmente in comportamenti criminali legati alla marijuana – comportamenti che potrebbero essere legali in futuro una volta che il legislatore entrerà ma attualmente non sono legali a New York sulla base del voto dello scorso novembre.

L’ufficio del procuratore generale ha anche affermato che fornirà alcune indicazioni aggiuntive sul perseguimento dei prodotti a base di cannabis, ma solo dopo che i legislatori avranno le basi. Le forze dell’ordine hanno attualmente “un’ampia discrezionalità” su come vengono gestiti i reati minori legati alla marijuana. Possono scegliere di arrestare queste persone, punirle o dimenticarsene del tutto. Tuttavia, è necessario istituire un sistema legale prima che i consumatori di cannabis possano davvero essere sicuri che le loro azioni non siano considerate criminali.

Altre info su Marijuana Legale

 

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd Cannabis Legale fiori di canapa

Che cosa è la Ganja: effetti e curiosità

Ganja

Negli ultimi tempi, ci sono state molte persone che si sono avvicinate a scoprire il mondo della cannabis legale online, ciò è dovuto soprattutto al fatto che offrono delle opzioni legali e convenienti per quanto riguarda il consumo di ganja. Ma che cosa è la ganja? Scopriamolo in questo articolo!

 

Cos’e la ganja

 

La ganja, anche detta marijuana, fa riferimento a delle foglie secche ed a fiori di semi della pianta di canapa. Il suo principale principio attivo è il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), si tratta di un prodotto chimico che produce effetti psicoattivi, ma si trova anche il cannabidiolo CBD, che, al contrario, non ha alcun effetto psicoattivo. Si deve fare distinzione tra ganja e marijuana, perché quando si fa riferimento a quest’ultima potremo fare riferimento a miriadi di prodotti. Infatti, spesso ci si riferisce alla marijuana con il nome di erba, hashish e cannabis.

 

Ganja quali sono gli effetti collaterali

 

Quando si deve parlare di effetti collaterali che può arrecare la ganja, si deve specificare che sono assenti solo nel momento in cui si fa consumo di marijuana legale, quindi si intende il prodotto che ha un contenuto di THC sotto allo 0,2%.

Come si riconosce la ganja

 

La ganja potrà essere riconosciuta perché assomiglia a un mix di materiale vegetale tritato, è verde con tendenze marroni. Ma potrebbe variare di aspetto diverso a seconda di come sarà preparata o confezionata.

 

Cosa fa la ganja

 

Le membrane delle cellule nervose del cervello hanno dei recettori che si legano al THC, per cui danno via a una serie di reazioni  che possono portare le persone a percepire delle alterazioni di umore. Ma, quando si assume una ganja priva di THC, come dicevamo si fa riferimento a un prodotto che è privo di effetti psicoattivi, che conferisce sensazione di calma e di relax.

 

Come si può consumare la ganja

 

Il modo più frequente per consumare la ganja è quello di fumarla. Spesso si arrotola in una sigaretta con tabacco, oppure può essere fumata in una pipa o in un “bong”. Ci sono delle parti della ganja che possono essere consumate come alimenti commestibili, quindi biscotti e torte.

 

Cosa dicono i medici?

 

La marijuana ha molti effetti benefici, infatti viene utilizzata anche in ambito medico grazie a quelle che sono le sue proprietà benefiche. Ma ci sono anche teorie che supportano il fatto che, in realtà, la ganja possa causare effetti negativi, con conseguenti perdite di memoria, sbalzi di umore e simili. Ma, come abbiamo già accennato, tutti questi rischi riguardano solo un utilizzo di marijuana illegale, mentre non compaiono rilievi per quanto riguarda la ganja light o legale, che, al contrario, ci consente di poter alleviare stress e tensioni, e quindi di poter usufruire di tutti i benefici.

Altre info su Ganja

 

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd cbd charas marijuana legale

Cristalli CBD: cosa sono?

Cristalli Cbd
  • Sale!
    charas, hashish legale, panetta di fumo, hashish tipi

    CHARAS LEGALE | HASHISH INDIANO CBD < 34%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 9.3|€ 13.30
    9.30339.00
    Svuota
  • Sale!
    cbd isolate, cristalli puri cbd al 99%, polvere di cbd

    CRISTALLI CBD – CBD ISOLATE

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 29.00|€ 50.00
    29.00659.00
    Svuota
  • Sale!
    burbuka hashis cbd

    HASHISH NERO BURBUKA CBD < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 13.00
    8.00320.00
    Svuota

Da dove provengono e cosa sono i cristalli di CBD

Il cannabidiolo, definito CBD, è quello più presente in modo naturale nelle piante di Canapa Sativa. Nella forma pura il CBD si può trovare in forma di cristalli cbd. Il processo per la produzione di tali cristalli viene chiamato estrazione. Dopodiché, quando avviene il processo d’isolamento del cristallo, saranno rimosse tutte le altre molecole e le eventuali impurità rimaste. Alla fine rimarrà solamente la molecola di CBD in una forma pura.

 

Perché conviene scegliere i cristalli di CBD puro?

 

Solitamente è meglio prendere i cristalli di CBD, visto che rappresentano la migliore modalità di assunzione di cannabidiolo in maniera efficace, così che possa anche garantire un effetto più deciso. Come dicevamo, nei cristalli si ha un grado di purezza di tale principio molto più alto rispetto a tutti gli altri prodotti che derivano dalla cannabis. Ciò assicura una migliore assimilazione proprio di tale principio attivo. Quindi, assumere o utilizzare i cristalli di CBD puro fa in modo che si possa beneficiare di tutti gli effetti del CBD in modo benefico.

 

I vantaggi dei cristalli di CBD

 

I cristalli di CBD sono molto utilizzati per la loro principale peculiarità di essere versatili, tanto che lasciano molto spazio alla scelta in fatto di assunzione. Tra tutti i vantaggi che possono essere apportati proprio da questa tipologia di cannabis, esiste la possibilità di andare a miscelare il principio attivo nelle bevande o anche nei preparati che sono destinati al consumo, può anche essere assunto sotto la lingua così come avviene per l’olio al CBD. I cristalli, inoltre, possono essere sfruttati con i classici prodotti da fumo, vaporizzati o assumendoli con l’uso di bong o di pipe ad acqua.

 

Gusto

 

I cristalli non hanno un gusto forte o amaro, così potremo sentirlo in un modo più gradevole al palato, questo sicuramente rispetto a tutti gli altri derivati che possono essere amari. Non hanno THC, infatti, per tale motivo, non hanno azione psicoattiva o psicotropa, quindi sono legali e innocui anche nel caso si ecceda con il dosaggio, dove l’unico effetto collaterale è dato da alta tranquillità e sonnolenza. Ricordate che è sempre meglio assumere delle giuste quantità di prodotto, per poi andarne a incrementare il dosaggio fino ad ottenere l’azione che si vuole.

 

Assunzione

 

Il metodo che risulta migliore per ingerire i cristalli di CBD è quello per via sublinguale. Quindi, i cristalli dovranno essere ingeriti dopo essere stati messi sotto la lingua, mantenendoli all’interno del cavo orale per almeno 60/90 secondi. Potrete anche utilizzare un olio con CDB, ma ricordate che con le elevate temperature i cristalli perderanno la loro potenza. Potrete anche mescolare la polvere di cristalli CBD in un bicchiere con la propria bevanda preferita: caffè, tè, succo di frutta o frullati. Infine, i cristalli potranno essere assunti fumandoli, facendo uso di un vaporizzatore o di una sigaretta elettronica. Se volete  assumere i cristalli con la sigaretta elettronica, basta che andiate ad inserire all’interno delle cartucce il CBD.  Saranno dei cristalli sciolti in liquidi con una base di glicerina, ma ci sono anche quelli più naturali come l’MCT Oil, ovvero un derivato dell’olio di cocco. Se utilizzerete un vaporizzatore, invece, non sarà necessario che i cristalli di CBD siano diluiti, ma basterà utilizzare una quantità minima di cristalli di CBD puro, che deve essere messa all’interno del vaporizzatore e va portata ad una temperatura di almeno 150°. Potrete rilassarvi, sarà inodore e non apporterà alcun problema fisico o psicologico.

 

Approfondimento cristalli cbd

 

Non ci consideriamo responsabili per l’uso che fate di queste informazioni. I nostri articoli hanno uno scopo puramente informativo, in Italia la coltivazione della cannabis a basso contenuto di THC è regolamentata dalla Legge 242 2016.

blog canapa legale Cannabis Cbd cbd charas marijuana legale

CBD, cannabis e canapa: qual è la differenza tra questi prodotti?

Cbd, Cannabis E Canapa Qual È La Differenza Tra Questi Prodotti?
  • Sale!
    BLUE CHEESE, MARIJUANA CHEESE

    BLUE CHEESE WEED CBD CANNABIS < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 13.00
    8.00340.00
    Svuota
  • Sale!
    cheese weed, blueberry weed, cheese ganja, blueberry erba, ganja

    CHEESE WEED CBD – BLUEBERRY WEED – GANJA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.00|€ 11.00
    8.00340.00
    Svuota
  • Sale!
    Lemon Haze, super lemon haze, marijuana lemon

    LEMON HAZE CBD LEMON WEED CBDA < 28%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.30|€ 12.00
    8.30339.00
    Svuota
  • Sale!
    mango haze

    MANGO HAZE CBD CBDA < 29%

    Spedizione ANONIMA & GRATUITA SEMPRE
    Prezzo al gr:
    € 8.30|€ 12.00
    8.30319.00
    Svuota

Il 67% degli adulti sostiene la legalizzazione della marijuana, la conoscenza pubblica sulla cannabis è scarsa. Un delle personepensa che canapa e marijuana siano la stessa cosa, secondo il National Institutes of Health, e molte persone cercano ancora su Google per scoprire se il cannabidiolo – un derivato della cannabis noto come CBD – li farà sballare, come fa la marijuana.

Canapa, cannabis e CBD sono tutti correlati, ma differiscono in modo significativo. Ecco cosa devi sapere sulla loro legalità, effetti e potenziali benefici per la salute.

Sia la canapa che la cannabis appartengono alla stessa specie, Cannabis sativa, e le due piante sembrano in qualche modo simili. Tuttavia, possono esistere variazioni sostanziali all’interno di una specie. Dopotutto, i grandi danesi e i chihuahua sono entrambi cani, ma hanno evidenti differenze.

La differenza che definisce tra canapa e marijuana è la loro componente psicoattiva: tetraidrocannabinolo o THC. La canapa ha lo 0,3% o meno di THC, il che significa che i prodotti derivati ​​dalla canapa non contengono abbastanza THC per creare lo “sballo” tradizionalmente associato alla cannabis.

Il CBD è un composto presente nella cannabis. Esistono centinaia di tali composti, chiamati “cannabinoidi”, perché interagiscono con i recettori coinvolti in una varietà di funzioni come l’appetito, l’ansia, la depressione e la sensazione di dolore. Il THC è anche un cannabinoide.

La ricerca clinica indica che il CBD è efficace nel trattamento dell’epilessia. Prove aneddotiche suggeriscono che può aiutare con il dolore e persino l’ansia, anche se scientificamente la giuria è ancora fuori su questo.

La marijuana, contenente sia CBD che più THC della canapa, ha dimostrato benefici terapeutici per le persone con epilessia, nausea, glaucoma e potenzialmente anche sclerosi multipla e disturbo da dipendenza da oppioidi.

Tuttavia, la ricerca medica sulla cannabis è severamente limitata dalla legge federale.

La Drug Enforcement Agency classifica la cannabis come una sostanza Schedule 1, il che significa che gestisce la cannabis come se non ci fosse un uso medico accettato e un alto potenziale di abuso. Gli scienziati non sanno esattamente come funziona il CBD, né come interagisce con altri cannabinoidi come il THC per dare alla marijuana i suoi effetti terapeutici aggiunti.

CBD al dettaglio

Il CBD è presente negli alimenti, nelle tinture e negli oli, solo per citarne alcuni. Ecco alcuni termini comunemente usati per descrivere i prodotti CBD nel negozio.

Mentre i termini “tintura di CBD” e “olio di CBD” sono spesso usati in modo intercambiabile, i due sono in realtà diversi. Le tinture vengono prodotte immergendo la cannabis in alcol, mentre gli oli vengono prodotti sospendendo il CBD in un olio vettore, come l’olio di oliva o di cocco.

Il CBD “puro”, chiamato anche “isolato di CBD”, è chiamato così perché tutti gli altri cannabinoidi sono stati rimossi. Quindi abbiamo terpeni e flavonoidi, che conferiscono alla marijuana il suo forte aroma e il suo sapore terroso.

Il CBD “ad ampio spettro” contiene tipicamente almeno altri tre cannabinoidi, oltre ad alcuni terpeni e flavonoidi, ma ancora nessun THC. Il CBD “a spettro completo”, chiamato anche CBD “a fiore intero”, è simile al CBD ad ampio spettro ma può contenere fino allo 0,3% di THC.

Negli stati in cui la marijuana ricreativa è legale, l’elenco dei prodotti derivati ​​dalla cannabis si espande notevolmente fino a includere il CBD con un contenuto di THC molto più alto dello 0,3%.

Non esiste un dosaggio standardizzato di CBD. Alcuni rivenditori potrebbero avere conoscenze sufficienti per fare una raccomandazione per i principianti. Ci sono anche risorse online, come questo calcolatore di dosaggio.

I consumatori preoccupati per il contenuto e l’accuratezza dei prodotti CBD, che non sono regolamentati dalla Food and Drug Administration, possono cercare la certificazione da test di laboratorio indipendenti o scansionando un codice QR sulla confezione del prodotto.

Nota che l’olio di CBD è diverso dall’olio di canapa – che proviene dalla spremitura dei semi di cannabis e potrebbe non contenere CBD – e dall’olio di semi di canapa, che è una fonte di acidi grassi essenziali e non contiene CBD. È un integratore alimentare, più simile all’olio di pesce che all’olio di CBD.

Status giuridico

Un’altra grande differenza tra canapa, cannabis e CBD è il modo in cui la legge li tratta.

Sebbene 15 stati abbiano ora legalizzato la cannabis ricreativa, rimane illegale a livello federale negli Stati Uniti. Tecnicamente, coloro che sono in possesso di cannabis in uno stato legale di cannabis possono ancora essere puniti ai sensi della legge federale e viaggiare attraverso i confini statali con la cannabis è proibito.

La canapa, d’altra parte, è stata resa legale per la coltivazione e la vendita negli Stati Uniti nel Farm Bill 2018.

Si potrebbe presumere, quindi, che il CBD derivato dalla canapa dovrebbe essere legale a livello federale in ogni stato perché i livelli di THC non superano lo 0,3%. Ma il CBD occupa un’area grigia legale. Diversi stati, come il Nebraska e l’Idaho, regolano ancora essenzialmente l’olio di CBD come sostanza della Tabella 1 simile alla marijuana.

Il nostro recente studio ha scoperto che gli americani percepiscono la canapa e il CBD come farmaci da banco e il THC come un farmaco da prescrizione. Tuttavia, la persona media negli Stati Uniti non vede la canapa, il CBD, il THC o persino la marijuana alla stessa luce delle sostanze illecite come la metanfetamina e la cocaina, anche se entrambe sono classificate dalla DEA come aventi un potenziale di abuso inferiore rispetto alla marijuana.

L’attuale divieto federale di marijuana, in altre parole, non è in linea con il punto di vista del pubblico, sebbene la legalizzazione basata sullo stato dimostri che la società sta andando avanti senza la benedizione dei politici di Capitol Hill. Le vendite al dettaglio di marijuana ricreativa negli Stati Uniti potrebbero raggiungere gli 8,7 miliardi di dollari nel 2021, rispetto ai 6,7 miliardi di dollari nel 2016.

Poiché l’interesse per altri cannabinoidi, come il cannabigerolo o il CBG – che alcuni pubblicizzano come il nuovo CBD – continua a crescere, cresce anche la necessità di ulteriori ricerche mediche sulla cannabis.

Approfondimento su Cbd Cannabis e Marijuana

Si tratta di un avviso sui cookie standard che puoi facilmente adattare o disabilitare come preferisci. Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web.

SE FAI UN ACQUISTO DI ALMENO 55 €SUBITO PER TE
17% DI SCONTO + SPEDIZIONE GRATIS
  • Aggiungi al tuo carrello almeno 55€ di merce ( maggiore è la spesa, maggiore sarà lo sconto)
  • Quando fai il Checkout ricordati di inserire il CODICE SCONTO: HALLOWEEN
  • Concludi l'ordine - Scade il 31 Ottobre 2021
0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuoto